Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia si muove per riformare la sua industria del turismo – travel

I turisti visitano il Colosseo a Roma, Italia il 28 giugno. [Photo/Xinhua]

Negli ultimi due anni, la massiccia industria del turismo italiano è stata in controtendenza: prima molti turisti affollano le destinazioni più popolari del paese, e poi quasi nessuna. Ora, l’industria sta cercando di trovare il giusto equilibrio tra i due.

Prima che l’infezione da corona virus arrivasse in Italia, c’era molta preoccupazione per il turismo: l’impatto sulle infrastrutture, sull’ambiente e sulla qualità della vita dei residenti a causa dei milioni di turisti che affollavano alcuni luoghi, come Firenze e Roma. E Venezia.

Successivamente, a causa dell’epidemia, i turisti sono praticamente scomparsi tra i blocchi del virus corona e le restrizioni di viaggio. L’industria del turismo, che ha registrato entrate per 236,4 miliardi di euro (280,6 miliardi di dollari) nel 2019, ha prodotto solo 115,8 miliardi di euro l’anno scorso, secondo la società di dati Statista.

Secondo la maggior parte delle stime, il settore non dovrebbe riprendersi ai livelli pre-epidemia fino alla fine del 2023 o all’inizio del 2024, ma i leader politici e molti che lavorano nel settore stanno ora adottando misure per rassicurare che, man mano che il settore si rafforza, eviterà la congestione e problemi che in precedenza affliggevano le destinazioni turistiche.

“L’obiettivo è riformare il settore in modo che offra un servizio superiore e personalizzato e opzioni meno centralizzate rispetto a prima”, afferma Gianfranco Lorenzo, responsabile della ricerca presso il Centro Ricerche Turistiche di Firenze.

“L’Italia dovrebbe insistere per fidarsi dei grandi bus turistici, che entrano tutti nei parcheggi e sommerge per qualche ora un piccolo paese, (ma per promuovere) e il turismo di qualità mostra le meraviglie del Paese al di là di qualche decina di luoghi conosciuti tutti i visitatori”, dice Lorenzo.

Valeria Mingetti, capo ricercatore presso il Centro di studi internazionali sull’economia del turismo dell’Università di Venezia a Venezia, Valeria Mingetti, afferma che il problema dell’eccesso di turismo non è solo italiano.

Nota che altre destinazioni turistiche popolari in Europa, come Amsterdam, Barcellona e Parigi, hanno problemi simili.

“Non c’è motivo per cui le persone si mettano in fila per vedere un sito popolare, sono così importanti, oltre ad essere conosciuti da pochissime persone”, afferma Mingetti.

Queste strategie sono già in fase di sviluppo.

Questa estate, ad esempio, molte città italiane stanno cercando di distogliere l’attenzione dei visitatori verso spazi esterni come vasti giardini e rovine architettoniche, dove i visitatori possono essere diffusi per mantenere bassi i rischi di infezione da virus corona.

Uno dei musei più visitati in Italia, le Gallerie degli Uffizi di Firenze hanno lanciato l’iniziativa “Uffizi Diffusi” – il nome si traduce approssimativamente come “Ufizi Sparsi” – che mette in mostra la collezione di gallerie di alcuni dei musei delle piccole città della Toscana. Attira i turisti che potrebbero aver trascorso il loro tempo nell’affollata città di Firenze.

Eiff Schmidt, direttore dell’Ufficio, ritiene che il progetto della galleria possa fungere da mappa per altre parti d’Italia e altri paesi.

Prima dell’epidemia, l’Italia attirava in media 100 milioni di turisti ogni anno, secondo le stime dell’Ente statale per il turismo. Lorenzo di CST-Fire ha affermato che il paese dovrà gestire meno turisti in futuro riducendo l’impatto sui turisti.

“In pochi anni, potremmo persino avere più turisti di quanti ne avevamo prima dell’epidemia”, dice. “Ma affinché sia ​​stabile, devono diffondersi in modo uniforme”.

READ  I funzionari del Lazio stanno offrendo borse di studio di oltre 600 euro a caregiver e assistenti domiciliari