Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia conclude un accordo sul gas con l’Algeria nel tentativo di ridurre la dipendenza dalla Russia

Lunedì il primo ministro italiano Mario Draghi visiterà l’Algeria per firmare un nuovo accordo di fornitura di gas, mentre Roma si sforza di ridurre la sua dipendenza dal carburante russo dopo l’invasione dell’Ucraina.

È l’ultima di una serie di mosse dei paesi europei per assicurarsi fonti di carburante alternative mentre cercano di isolare la Russia dall’economia globale sulla scia della guerra.

L’Italia acquista dalla Russia circa 30 miliardi di metri cubi di gas all’anno, ovvero il 40 per cento del suo consumo totale. L’Algeria è il secondo fornitore italiano, fornendo 21 miliardi di metri cubi all’anno, circa il 31% del consumo annuo.

Un funzionario del governo italiano ha affermato che il gasdotto transmediterraneo – che trasporta il gas dall’Algeria all’Italia attraverso la Tunisia – opera a soli due terzi della sua capacità di 33 miliardi di metri cubi all’anno, dando all’Italia la possibilità di accelerare i suoi acquisti dall’Algeria. .

“Questo può avere un effetto immediato: non ho bisogno di costruire più gasdotti o altre nuove infrastrutture”, ha affermato il funzionario.

Il funzionario italiano ha affermato che un terzo del gas russo fornito all’Italia ogni anno potrebbe essere sostituito da importazioni in rapido aumento dall’Algeria.

Dopo l’invasione dell’Ucraina, Draghi ha sottolineato la necessità dell’Italia di diversificare con urgenza il proprio approvvigionamento energetico, in particolare visto il rischio che la Russia si vendichi contro le sanzioni dell’UE interrompendo il flusso di gas verso l’Europa.

“La diversificazione delle nostre forniture energetiche è qualcosa a cui puntiamo indipendentemente da ciò che accadrà alle forniture di gas russe nel prossimo futuro”, ha detto Draghi ai legislatori il mese scorso. “Non possiamo fare affidamento sulle decisioni di un solo Paese, perché questo mette a rischio la nostra libertà, non solo la nostra prosperità”.

READ  I residenti della Florida sono ansiosi di viaggiare in Europa, ma i visitatori europei in Florida dovranno aspettare

La scorsa settimana, la Lituania è diventata il primo paese dell’Unione Europea a interrompere completamente le forniture di gas russo e anche gli altri due stati baltici hanno temporaneamente interrotto il suo flusso.

La Germania ha dichiarato che mira a diventare “praticamente indipendente” dal petrolio russo entro la fine di quest’anno e dal gas entro la metà del 2024. Berlino ha recentemente firmato un accordo a lungo termine con il Qatar per la fornitura di gas naturale liquefatto, che il ministro dell’Economia Robert Habeck ha affermato ridurre la sua dipendenza dalle forniture russe.

I leader dell’UE hanno deciso il mese scorso di acquistare gas naturale all’ingrosso da altre fonti.

La delegazione italiana guidata da Draghi lunedì comprenderà il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Trasformazione ambientale Roberto Cingolani, oltre al capo dell’azienda energetica italiana Eni, che ha forti legami con l’azienda energetica algerina Sonatrach.

Il funzionario italiano ha affermato che l’accordo non solo aprirà la strada a maggiori acquisti di gas algerino, ma includerà anche un accordo per aumentare gli investimenti italiani nelle energie rinnovabili nel Paese nordafricano, che potrebbe aiutarlo a ridurre i suoi consumi di gas, liberalizzando così l’economia. Altro per l’esportazione.

Di Maio ha visitato nelle ultime settimane diversi paesi produttori di energia e Cingulani ha lavorato su come accelerare lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile.