Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'influenza aviaria si trasmette alle mucche da latte

L'influenza aviaria si trasmette alle mucche da latte

Una forma di influenza aviaria altamente letale per gli uccelli è stata confermata nelle mucche da latte statunitensi in Texas e Kansas. Lo ha annunciato il Ministero dell'Agricoltura di lunedi.

Questa è la prima volta che vengono identificate mucche infette dal virus.

L’agenzia ha affermato che le mucche sembravano essere state infettate da uccelli selvatici e in alcune fattorie sono stati segnalati uccelli morti. La Texas Animal Health Commission ha confermato che è stato identificato il sottotipo influenzale noto come H5N1 e ha affermato che il virus è simile alla versione che si è diffusa tra gli uccelli in tutto il paese.

I risultati sono stati annunciati dopo che diverse agenzie federali e statali hanno iniziato a indagare sulle segnalazioni di mucche malate in Texas, Kansas e New Mexico. La malattia ha colpito principalmente le mucche più anziane, causando sintomi quali diminuzione dell’appetito, febbre e un improvviso calo della produzione di latte. Finora ci sono state poche o nessuna segnalazione di decessi negli allevamenti colpiti, ha affermato l’USDA.

In diversi casi, il virus è stato rilevato in campioni di latte non pastorizzato raccolti da mucche malate. Gli esperti hanno affermato che la pastorizzazione avrebbe inattivato il virus dell’influenza e i funzionari hanno sottolineato che la fornitura di latte era sicura.

“A questo punto, non vi è alcuna preoccupazione per la sicurezza della fornitura commerciale di latte o che questa circostanza rappresenti un rischio per la salute dei consumatori”, ha affermato l'agenzia in una nota.

Gli esperti esterni hanno concordato. “È stato trovato solo nel latte in gran parte non naturale”, ha affermato il dottor Jim Lowe, veterinario e ricercatore sull'influenza presso il College of Veterinary Medicine dell'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign.

READ  Un focolaio di influenza aviaria ha ucciso 50 milioni di uccelli americani, un numero record

In quei casi, il latte veniva descritto come denso e zuccherato e veniva scartato, ha detto. Le aziende lattiero-casearie sono tenute a deviare o distruggere il latte proveniente da animali malati, ha affermato l’agenzia.

I contagi nel bestiame arrivano in seguito alla scoperta del primo caso di influenza aviaria ad alta patogenicità tra le capre nel Paese I funzionari del Minnesota lo hanno annunciato la settimana scorsa.

L’agenzia agricola ha affermato che i campioni di influenza prelevati da mucche malate non contenevano ancora mutazioni genetiche note per rendere il virus più suscettibile a infettare gli esseri umani, aggiungendo che il rischio per il pubblico in generale rimane basso.

Ha detto Stacy L. “Non c'è ancora motivo di farsi prendere dal panico”, ha detto Sherry Schultz, virologa ed esperta di influenza presso il St. Jude Children's Research Hospital. “Sembra che si tratti di un altro evento indiretto dovuto al contatto con uccelli selvatici malati”.

Tuttavia, ha osservato, non si ritiene che le mucche siano tra le specie particolarmente vulnerabili all’influenza aviaria, e questi casi hanno segnato un’altra svolta preoccupante nell’epidemia globale di influenza aviaria che ha devastato le popolazioni di uccelli selvatici negli ultimi anni.

L’epidemia è stata causata da una nuova forma di virus dell’influenza aviaria, nota come H5N1, emersa in Europa nel 2020. Gli uccelli selvatici possono diffondere il virus, attraverso le feci e le secrezioni orali, al pollame d’allevamento e ad altri animali. Le epidemie si verificano spesso in primavera e in estate, quando gli uccelli migratori sono in movimento.

Sebbene i virus dell'influenza aviaria si siano adattati per diffondersi principalmente tra gli uccelli, la nuova versione dell'H5N1 si è diffusa tra gli uccelli selvatici, con conseguente frequente diffusione ai mammiferi, in particolare alle specie che si nutrono di animali, come le volpi, che possono nutrirsi di uccelli infetti.

READ  Come Omicron può influenzare il tuo intestino; Sintomi a cui prestare attenzione | la salute

Gli uccelli selvatici infetti possono trasmettere il virus alle mucche contaminando il loro cibo o l'acqua, ha affermato il dottor Joe Armstrong, veterinario ed esperto di produzione di bestiame presso l'Università del Minnesota Extension. “Quando entri in una fattoria, soprattutto durante la stagione migratoria, trovi oche e anatre che vanno in cerca di cibo come tutti gli altri”, ha detto. “Per me questa è la strada più probabile.”

Ma ha detto che è anche possibile che i gatti che pascolano liberamente, che sono comuni nelle fattorie e noti per essere sensibili al virus, siano coinvolti nella diffusione dell’agente patogeno.

Il dottor Armstrong ha inoltre avvertito che è troppo presto per concludere che l'influenza aviaria sia la causa principale della malattia in tutte le mucche malate segnalate.

Le infezioni nei mammiferi, che offrono ai virus dell'influenza aviaria nuove opportunità di evolversi, sono sempre fonte di preoccupazione, ha affermato Andrew Bowman, epidemiologo molecolare ed esperto di influenza presso la Ohio State University. Gli scienziati temono da tempo che un virus dell’influenza aviaria che si è evoluto per diffondersi in modo più efficiente tra i mammiferi, compreso l’uomo, potrebbe causare la prossima pandemia.

A questo punto, ha detto il dottor Bowman, non è ancora chiaro se le mucche infette abbiano contratto il virus direttamente dagli uccelli o se il virus si stia diffondendo anche da una mucca all'altra.

Ha aggiunto: “Questa è una questione che deve essere risolta rapidamente”. “Se avessimo una transizione da bestiame a bestiame, sarebbe una storia diversa. Questo mi renderebbe sicuramente un po' più nervoso.”

Dare uno sguardo più attento ai genomi virali aiuterebbe gli scienziati a saperne di più su come il virus si diffonde e se si sta evolvendo in modi che potrebbero aumentare i rischi per la salute pubblica, hanno detto gli scienziati.

READ  Le ossa di dinosauro sono state trovate in Australia e sono una delle più grandi

Questi primi casi significano anche che la sorveglianza dell’influenza nel bestiame deve essere rafforzata, ha affermato Richard Wiebe, virologo ed esperto di influenza presso il St. Jude Children’s Research Hospital.

“È molto chiaro che ora dobbiamo avere un'idea migliore di quanto questo sia comune nelle mucche”, ha detto. “L'influenza potrebbe non essere stata una parte importante del percorso diagnostico per una mucca malata prima di questo, ma sicuramente andrà avanti.”