Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’India registra un picco enorme nei casi di COVID-19 mentre la nazione lotta per riaprire

L’India ha superato il Brasile come il secondo paese più colpito al mondo dopo gli Stati Uniti, dall’oggi al domani, con ben 168.912 casi di COVID-19 in un giorno.

L’ultima cifra rappresenta un nuovo record giornaliero per il subcontinente indiano, che ha registrato 13,53 milioni di casi confermati di coronavirus dall’epidemia globale dello scorso anno.

La nazione ora ha 9.842 casi per milione, che è ancora ben lontana dagli Stati Uniti, che hanno 31,9 milioni di casi confermati a un tasso di 96.143 per milione.

La decisione di riaprire il Paese dopo un lungo blocco previsto ha portato a un aumento dei casi tra gli 1,39 miliardi di persone del subcontinente indiano. I civili che partecipano a una serie di feste religiose e raduni politici hanno solo compromesso la risposta della nazione allo scoppio, che ha causato la morte di oltre 170.000 indiani.

I funzionari hanno confermato 880 nuovi decessi nelle ultime 24 ore, più del doppio del numero di morti negli Stati Uniti (329). Nello stesso periodo di tempo.

Il ministro federale della sanità Dr. Harsh Vardan ha preso di mira atteggiamenti rilassati nei confronti dell’allontanamento sociale mentre la situazione va di male in peggio.

“Doveva riprendere le normali attività ma con disciplina”, ha detto il dottor Vardan tramite NDTV. “Le persone non rispettano il comportamento appropriato di Covid ora”.

“(C’è) una mancanza di impegno e devozione da parte delle persone, poiché prendono tutto in modo occasionale e sono così leggere che nessuno si preoccupa di indossare la maschera … Non c’è rispetto per le regole dell’allontanamento fisico.

READ  Ecco perché al principe Harry è stato permesso di uscire dalla quarantena nel Regno Unito per 10 giorni per partecipare al funerale del principe Filippo

Relazionato: Rilevato il nuovo epicentro di COVID

I singoli paesi hanno dovuto assumersi la responsabilità di implementare i blocchi mentre il numero di casi aumenta vertiginosamente in tutto il paese. Nell’epicentro del coronavirus nel Maharashtra, la chiusura del fine settimana in tutto lo stato arriva un anno dopo il primo, il che ha causato una diffusa miseria e una delle più gravi recessioni di qualsiasi grande economia.

Nello stato occidentale del Maharashtra, duramente colpito, i ristoranti sono stati chiusi e le riunioni pubbliche di più di cinque persone sono state bandite.

Il recente aumento del numero di casi ha visto l’India classificata come il nuovo epicentro del COVID-19 nel mondo, secondo i funzionari Scopri una “doppia linea di sangue” mutante Nello stato del Maharashtra, la casa di Mumbai è la capitale finanziaria dell’India.

Nonostante il panico globale, il primo ministro Narendra Modi e il suo BJP – tra le altre unità politiche in India – hanno tenuto manifestazioni elettorali in stati come il Bengala occidentale, per incoraggiare grandi folle a radunarsi.

Il commentatore politico Shekhar Gupta ha dichiarato in un tweet su Twitter: “Con 1,2 milioni di casi attivi e il numero giornaliero che raggiunge i 200.000, è strano che ci siano raduni di ricognizione e miglia Kumbh complete”.

Questo trasferirà il virus ancora più in profondità nei villaggi e nelle piccole città. Questa è la catastrofe che abbiamo evitato spegnendo la prima ondata. Ora lo invitiamo a tornare “.

Relazionato: Il grafico mostra una nuova ondata di horror COVID

Anche la spinta dell’India a vaccinare i suoi 1,3 miliardi di persone sembra avere problemi, con solo 94 milioni di iniezioni effettuate finora con scorte basse, secondo le autorità locali.

READ  Una donna "non sapeva" di essere incinta su un volo Delta Air

Le autorità hanno detto che tutti i 72 centri di vaccinazione privati ​​a Mumbai sono chiusi fino a martedì, mentre l’orario di lavoro nei centri governativi e municipali è stato ridotto.

“Se non riceveremo più scorte entro domenica, anche i centri governativi saranno chiusi da lunedì”, ha detto ai media locali Mangala Jumari, funzionario sanitario della città. Il ministero della Salute ha affermato che l’aumento del numero di casi ha portato a un “improvviso aumento della domanda”.

“C’è la possibilità di un ulteriore aumento di questa domanda nei prossimi giorni”, ha detto il ministero in un comunicato, aggiungendo che il divieto di esportazione rimarrà in vigore “fino a quando la situazione non migliorerà”.