Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’ex poliziotto che si è inginocchiato sulla schiena di George Floyd per favoreggiamento è stato incarcerato

L’ex agente di polizia di Minneapolis che si è inginocchiato sulla schiena di George Floyd mentre un altro ufficiale si è inginocchiato sul collo dell’uomo di colore è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere.

Alexander King si è dichiarato colpevole a ottobre per favoreggiamento di omicidio colposo di secondo grado.

In cambio, l’accusa di favoreggiamento nell’omicidio è stata ritirata.

Kueng sta già scontando una condanna federale per aver violato i diritti civili del signor Floyd, e le sentenze statali e federali verranno eseguite contemporaneamente.

King è apparso all’udienza tramite video da una prigione federale dell’Ohio. Quando gli è stata data l’opportunità di rivolgersi alla corte, ha rifiutato.

Con il merito per il tempo scontato e le diverse linee guida sulla libertà vigilata nei sistemi statali e federali, Kueng probabilmente sconterà un totale di circa due anni e mezzo dietro le sbarre.

I membri della famiglia del signor Floyd avevano il diritto di rilasciare dichiarazioni sull’impatto della vittima, ma nessuno di loro lo ha fatto.

In una dichiarazione prima dell’udienza, l’avvocato Ben Crump, che ha rappresentato la famiglia, ha affermato che la sentenza di Kong “fornisce un altro pezzo di giustizia per la famiglia Floyd”.

Floyd è morto il 25 maggio 2020, dopo che l’ex ufficiale Derek Chauvin si è inginocchiato sul collo del signor Floyd per nove minuti e mezzo mentre il signor Floyd ha ripetutamente affermato che non poteva respirare e alla fine zoppicava.