Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’esenzione italiana dal COVID-19 per gli atleti d’élite paga a Tokyo

Il presidente italiano Sergio Mattarella posa per una foto con gli atleti italiani in partenza per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020, a Roma, Italia, 23 giugno 2021. Paolo Giandotti/Ufficio stampa presidenziale/ Inserito via Reuters

TOKYO (Reuters) – La decisione dell’Italia di esentare gli atleti d’élite dalle rigide restrizioni COVID-19 negli ultimi 18 mesi e consentire loro di allenarsi a Tokyo ha dato i suoi frutti mentre il paese raggiunge il totale delle medaglie delle sue due precedenti Olimpiadi. Con sei giorni di anticipo.

Gli italiani avevano vinto 28 medaglie a partire da lunedì, eguagliando le medaglie del 2016 a Rio de Janeiro e Londra nel 2012. Altre potenze olimpiche come Germania e Francia, ospitanti dei Giochi del 2024, hanno finora raccolto circa la metà delle Olimpiadi. Più di 40 medaglie delle due precedenti edizioni.

“Il Comitato Olimpico Italiano ha fortemente sostenuto la preparazione degli atleti di alto livello”, ha detto martedì a Reuters il portavoce del Team Italia Danilo Di Tomaso.

Mentre altri Paesi hanno chiuso palestre, stadi e piscine a tutti durante la maggior parte della pandemia, l’Italia ha permesso a un gruppo di atleti d’élite, circa 250, di continuare il proprio allenamento.

“Alcuni dei nostri atleti come Gianmarco Tampere hanno avuto solo due settimane negli ultimi 18 mesi in cui non hanno potuto allenarsi. L’eccezione che abbiamo avuto per gli atleti d’élite di continuare ad allenarsi è stata molto importante”.

Tampere ha illuminato domenica lo Stadio Olimpico di Tokyo, condividendo la medaglia d’oro nel salto in alto con il Qatar Mutaz Issa Barshim in una notte che ha visto anche l’italiano Lamont Marcel Jacobs vincere i 100 metri, un evento di atletica leggera.

READ  Roberto Baggio: Dal calcio giovanile alla vittoria del 98 ° Mondiale, la vera storia dietro ...

Nessun italiano è mai arrivato alla finale olimpica dei 100 metri, figuriamoci vinta nella storia dei Giochi.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha già invitato Jacobs e Tampere a un ricevimento nella sua residenza ufficiale. Segue una celebrazione il mese scorso per celebrare la vittoria del campionato europeo della squadra di calcio italiana e il secondo classificato di Wimbledon Matteo Berrettini.

Segnali di forza dell’Italia erano evidenti già prima dei Giochi, quando 384 atleti si erano assicurati un posto nelle qualificazioni per Tokyo. Il loro miglior risultato è stato 367 alle Olimpiadi di Atene del 2004.

“Ma ad Atene ci siamo qualificati per otto squadre, mentre qui abbiamo solo cinque squadre, il che significa che qui si sono qualificati molti atleti individuali”, ha detto Di Tommaso.

E i premi per i medagliati italiani sono molto più redditizi di altri paesi europei, con i vincitori di medaglie d’oro che guadagnano € 180.000 ($ 213.858). Gli italiani ottengono l’argento 90.000 euro mentre il bronzo guadagna 60mila euro.

I medagliati tedeschi ricevono 20mila euro per l’oro, 15mila euro per l’argento e 10mila euro per il terzo posto. Le cifre della Francia sono meno della metà di quelle delle medaglie italiane, con 65.000 euro d’oro, 25.000 d’argento e 15.000 di bronzo.

“Potrebbe finire con un’Olimpiade costosa in termini di vincite di medaglie, con sei giorni rimasti in gara”, ha scherzato De Tomaso.

(1 dollaro = 0,8417 euro)

Segnalazione di Carlos Grohmann; A cura di Himani Sarkar

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.