Aprile 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“L’eleganza incontra la gioia”: Yeend Studio

“L’eleganza incontra la gioia”: Yeend Studio

Fin dall’inizio Crescendo, Thomas Yeend di Yeend Studio portava con sé una macchina fotografica ovunque andasse, ignaro all’epoca che la precisione della fotografia analogica sarebbe stata la scintilla che lo avrebbe portato a conseguire una laurea in arti visive prima di passare alla soffiatura del vetro. .

Durante il college, Yend venne a contatto con designer locali e internazionali, in particolare con i designer del movimento Memphis degli anni ’80. L’approccio di Yeend al colore e alla forma è meglio descritto dal motto dello studio: Yeend non vuole solo esplorare il vetro come mezzo, ma anche creare un dialogo interessante con lo spettatore del suo lavoro.

Tommaso Lind.

Foto: Thomas Yend

Uno dei suoi primi lavori era una serie di dadi e bulloni in vetro con fili finemente fusi che potevano ruotare il dado su e giù. La reazione del pubblico è stata cruciale per l’umorismo ora incorporato in ogni pezzo. Il suo ultimo lavoro, Reo Bench, è una pesante panca di legno appoggiata su due file di gambe in vetro soffiato. “Guardare le persone interagire con l’opera è stato molto divertente e penso che abbia davvero dimostrato di poter superare i limiti e le aspettative attorno al vetro, cosa che ultimamente trovo mi diverta davvero a fare nel mio lavoro”, spiega.

Per Yeand, il vetro offre l’opportunità di manipolare i colori, e la teoria dei colori è la chiave per generare le sue idee. Ciò è evidente nel primo lavoro vendibile di Yeend Studio: la serie Sugarpill Vase, che presenta forme di pillola in vetro soffiato dai colori vivaci. “L’elemento di design principale di [the Sugarpill Vase] “Il fatto è che, come vaso, dovrebbe essere un bellissimo oggetto con o senza alcun tipo di composizione floreale”, spiega Yend. Come designer, Yend è interessato a incorporare il suo amore per il colore, la forma e il vetro in beni funzionali: non solo la funzione ovvia di utilizzarli, ma anche la funzione estetica di coesistere con l’oggetto.

READ  Gli utenti di Apple iPhone sono stati avvisati di non eliminare un'app falsa per il furto di password
Nella lampada Reo, la base in Jesmonite fusa contiene nove tubi di vetro soffiato a stampo, che emettono una luce morbida.

Nella lampada Reo, la base in Jesmonite fusa contiene nove tubi di vetro soffiato a stampo, che emettono una luce morbida.

Foto: Thomas Yend

L’approccio di Yeend al vetro come mezzo è in continua espansione. Per la Melbourne Design Week 2022, ha prodotto un pezzo chiamato Früt che ha preso la struttura di un letto preesistente e, con l’aggiunta di 32 cilindri di vetro soffiato, lo ha trasformato in un divanetto. “Ero davvero orgoglioso di questo lavoro, perché era uno dei pezzi più grandi e tecnicamente complessi che avessi mai realizzato, e [it] “È stata anche una vera spinta fuori dalla mia zona di comfort”, dice. È questa assunzione di rischi e il superamento dei limiti del vetro che aiuta a dare forma ai lavori futuri. Fornisce inoltre a Yeend l’opportunità di esplorare liberamente nuovi concetti al di fuori della progettazione di prodotti commerciali autoprodotti. Vedremo presto i divanetti sul mercato? Forse no, ma siamo sicuri che l’energia, il colore e l’amore che sono stati necessari per creare ogni pezzo verranno trasferiti alla prossima collezione.

È la cena a tema perfetta: quali quattro ospiti inviterai e perché? Ettore Sottsass, Sabine Marcellus, Rei Kawakubo e Yayoi Kusama. Metà per lo status di icona del design che tutti ricoprono per me, e metà per la straordinaria moda che non ho dubbi sarà presente.

Qual è stato il tuo momento progettuale? Fin dalla preadolescenza amo coordinare le luci e i mobili del mio spazio abitativo, cambiandoli regolarmente per creare nuovi ambienti. Vorrei progettare la mia camera da letto con le dimensioni del cartone per imitare i nuovi layout. Questo occhio attento ai dettagli e all’estetica è rimasto al centro del mio design.

Detto preferito sul design? “Voglio creare sorprese che facciano riflettere la gente.” Ettore Sottsass