Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le temperature del mare in Nuova Zelanda raggiungono livelli record, superando le medie globali | Nuova Zelanda

Le temperature del mare in Nuova Zelanda raggiungono livelli record, superando le medie globali |  Nuova Zelanda

Le temperature dell’acqua di mare in Nuova Zelanda hanno raggiunto livelli record, superando di tre volte le medie globali in un’area, sollevando preoccupazione per la salute della vita marina e degli ecosistemi del paese.

nuovo Dati provenienti da Statistiche Nuova Zelanda Gli studi dimostrano che dal 1982, la temperatura della superficie del mare oceanico è aumentata in media a un ritmo compreso tra 0,16 e 0,26 gradi Celsius per decennio, e tra 0,19 e 0,34 gradi Celsius per decennio, nelle acque costiere.

Ogni regione oceanica e costiera ha avuto i suoi anni più caldi mai registrati nel 2022 o nel 2023.

Confrontando i dati degli ultimi 20 anni, il tasso di riscaldamento della superficie oceanica intorno alla Nuova Zelanda ha superato due volte la media decennale globale di 0,18°C, con una regione – Chatham Rise – tre volte più calda della media globale, ha affermato Matt Pinkerton , uno dei principali scienziati dell’Istituto Nazionale di Scienze dell’Acqua e dell’Atmosfera.

Ha aggiunto che la Nuova Zelanda potrebbe sperimentare temperature più elevate a causa della sua posizione geografica e del modo in cui le correnti oceaniche globali si muovono e trasportano il calore.

“La Nuova Zelanda si trova tra l’Oceano Pacifico, il Mar di Tasmania e gli Oceani Meridionali – e c’è una quantità significativa di riscaldamento globale associato a tutte e tre queste regioni, quindi riceviamo calore da tutte le direzioni”.

Pinkerton ha affermato che le alte temperature della Nuova Zelanda dissipano l’idea che la nazione insulare sia protetta dalle temperature estreme.

“Poiché siamo circondati da così tanto oceano, noi… [thought] Cioè, siamo stati in qualche modo protetti dagli effetti del riscaldamento globale [data] Dice che questo non è vero.

READ  Il ministro fu licenziato da Truss per "cattiva condotta grave" assegnata al cavaliere

Anche le ondate di caldo marino – lunghi periodi di acqua di mare insolitamente calda – hanno raggiunto nuovi livelli. L’Isola del Nord occidentale ha vissuto condizioni di ondate di caldo per l’89% del 2022 – la più alta tra le regioni costiere – mentre il Mar di Tasmania ha trascorso il 61% dell’anno in un’ondata di caldo, la più alta tra le regioni oceaniche.

“Anche piccoli aumenti della temperatura possono distruggere gli ecosistemi marini, causare la migrazione di alcune specie e aumentare il rischio di malattie”, ha affermato Stuart Jones, direttore delle statistiche ambientali e agricole presso Statistics New Zealand.

Precedenti ondate di caldo marino estremo sono già state collegate al diffuso sbiancamento delle spugne marine in Nuova Zelanda e alle grandi morie di pesci. Alghe del sudDiffusi spiaggiamenti di pesci e morte di pinguini.

“Le ondate di caldo marino estreme possono causare cambiamenti ambientali diffusi uccidendo specie che formano habitat come le alghe”, ha affermato il dottor Christopher Cornwall, docente di biologia marina alla Victoria University di Wellington.

“È molto probabile che il riscaldamento globale di fondo e le ondate di caldo marino più frequenti, intense e più lunghe alterino già in modo permanente questi ecosistemi marini ad Aotearoa”.

Sia Cornwall che Pinkerton aggiungono che la misura in cui il riscaldamento degli oceani può distruggere gli ecosistemi è ancora poco conosciuta, e che è necessario un monitoraggio a lungo termine per anticipare e pianificare i cambiamenti, soprattutto quando si valutano le quote di pesca.

separato Set di dati statistici della Nuova ZelandaIl fitoplancton – alghe microscopiche che costituiscono la base delle reti alimentari marine – tende a diminuire nelle calde acque settentrionali della Nuova Zelanda, ha dimostrato uno studio pubblicato mercoledì. I dati suggeriscono una relazione tra il declino del fitoplancton e l’aumento della temperatura della superficie del mare.

READ  La Corte Suprema del Regno Unito ha ritenuto che lo stand della galleria d'arte Tate Modern fosse in contrasto con i residenti vicini

Nel frattempo, anche i neozelandesi sentiranno gli effetti del riscaldamento dei mari, poiché l’oceano controllerà gran parte del clima della nazione insulare, secondo la dottoressa Georgia Grant, scienziata del clima presso GNS Science.

Gli oceani del mondo hanno assorbito ca 90% del calore in eccesso Sono stati creati a seguito del cambiamento climatico indotto dall’uomo.

“L’aumento della temperatura dell’oceano è un fattore che dovrebbe aumentare l’intensità delle tempeste come l’uragano Gabriel a causa del riscaldamento globale”.