Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le stelle massicce avvertono che stanno per raggiungere una supernova

Rappresentazione artistica di una supernova di Betelgeuse. Crediti: Osservatorio Europeo del Sud / L. Calsada

Gli astronomi della Liverpool John Moores University e dell’Università di Montpellier hanno creato un sistema di “allarme rapido” per emettere un avviso quando una stella massiccia sta per porre fine alla sua vita in Esplosione di supernova. L’opera è stata pubblicata oggi (13 ottobre 2022) in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno determinato che le stelle massicce (tipicamente tra 8 e 20 masse solari) nell’ultima fase della loro vita, la cosiddetta fase della “gigante rossa”, diventeranno improvvisamente circa cento volte più deboli alla luce visibile. Gli ultimi mesi prima di morire. Questo oscuramento è causato da un improvviso accumulo di materiale attorno alla stella, bloccandone la luce.

Le stelle giganti rosse sono stelle di tipo spettrale K o M con una classe di luminosità gigante (classe I di Yerkes). In termini di dimensioni, sono le stelle più grandi dell’universo. Tuttavia, non è il più massiccio o luminoso. Betelgeuse e Antares sono le giganti rosse giganti più luminose e famose.

Fino ad ora, non si sapeva quanto tempo impiegava la stella per sintetizzare questa sostanza. Per la prima volta, gli scienziati hanno simulato come potrebbero apparire i pianeti giganti rossi quando sono incorporati nei “bozzoli” pre-esplosione.

I vecchi archivi dei telescopi mostrano che esistono immagini di stelle esplose circa un anno dopo l’acquisizione dell’immagine. Le stelle appaiono naturalmente in queste immagini, il che significa che non possono formare un bozzolo teorico. Ciò indica che il bozzolo viene assemblato in meno di un anno, il che è considerato molto veloce.

“La materia densa oscura quasi completamente la stella, rendendola 100 volte più debole nella parte visibile dello spettro”, afferma Benjamin Davies della Liverpool John Moores University, autore principale dell’articolo. Ciò significa che il giorno prima dell’esplosione della stella, probabilmente non saresti in grado di vedere che era lì.” Aggiunge: “Fino ad ora, siamo stati in grado di ottenere osservazioni dettagliate delle supernove solo poche ore dopo che si sono effettivamente verificate. Con questo sistema di allerta precoce, possiamo prepararci a monitorarle in tempo reale, per puntare i migliori telescopi del mondo verso il precursore stelle, e guardale sparpagliarsi completamente davanti ai nostri occhi.” “.

Riferimento: “An Imminent Explosion: The Emergence of Giant Red Giants at the Point of Fundamental Breakdown” di Ben Davies, Bertrand Blaise e Mike Pettrault, 13 ottobre 2022, disponibile qui. Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.
DOI: 10.1093/mnras/stac2427

READ  Lancio della stazione spaziale: astronauti russi e astronauti della NASA lasciano la Terra venerdì