Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le pubblicità del petrolio dimenticate che ci parlavano del cambiamento climatico non erano niente | ambiente

Perché intraprendere azioni significative per evitare la crisi climatica si è dimostrato così difficile? È, almeno in parte, a causa degli annunci.

L’industria dei combustibili fossili ha commesso disinformazione, miliardi di dollari, propaganda e lobbying per diversi decenni Campagna Ritardare l’azione per il clima confondendo il pubblico e i decisori sulla crisi climatica e le sue soluzioni. Ciò includeva una serie impressionante di annunci – con titoli che vanno da “Lies Tell Our Children” a “The Lives of Oil Pumps” – che cercavano di convincere il pubblico che la crisi climatica non è reale, non provocata dall’uomo, non pericolosa e irrisolvibile . La campagna continua fino ad oggi.

Il mese scorso, sei importanti amministratori delegati del settore petrolifero sono stati convocati al Congresso degli Stati Uniti per rispondere alla storia del settore di screditare la scienza del clima, finora. Hanno mentito Sotto giuramento a riguardo. In altre parole, l’industria dei combustibili fossili ora sta ingannando il pubblico sulla sua storia di fuorviare il pubblico.

Siamo esperti nella storia della disinformazione climatica e vogliamo fare le cose per bene. Ecco, in bianco e nero (e a colori), una selezione di migliaia di annunci climatici ingannevoli per Big Oil dal 1984 al 2021. Questa non è un’analisi completa, che abbiamo pubblicato molti di, ma una breve storia illustrata – come gli “hot reel” che i creatori usano per evidenziare il loro miglior lavoro – dell’evoluzione della propaganda dell’industria dei combustibili fossili per più di 30 anni. Questo è il PR Reel di Big Oil.


Primi giorni: imparare a girare

Modesto olio (ora ExxonMobil) non era a conoscenza dei potenziali impatti ambientali dei loro prodotti in una pubblicità del 1962 che promuoveva “Ogni giorno Humble fornisce energia sufficiente per sciogliere 7 milioni di tonnellate di ghiacciai!”

READ  Lo scienziato Xi Jingli a Wuhan respinge le accuse sulle origini cinesi di COVID-19

La verità dietro l’annuncio: Tre anni fa, nel 1959, anche i capi petroliferi americani lo erano avvertito Che bruciare combustibili fossili potrebbe portare al riscaldamento globale “abbastanza da sciogliere il ghiaccio e inondare New York”.

La loro conoscenza è solo cresciuta. 1979 Indoor Exxon studio Ha avvertito di “impatti ambientali catastrofici” prima del 2050. “Alla fine degli anni ’70”, un ex scienziato della Exxon ha recentemente ricordareIl riscaldamento globale non è più una mia ipotesi.


“Riposizionare il riscaldamento globale come teoria (non un fatto)”

Nel 1991, i Cittadini Informati per l’Ambiente, un primo gruppo di aziende carbonifere e di servizi pubblici, dichiarò che “Doomsday è stato cancellato” e chiesero: “Chi ti ha detto che la Terra si sta riscaldando. Piccolo pollo?” Si sono lamentati di prove “deboli”, “inesistenti”, modelli climatici imprecisi e hanno affermato che la fisica era “aperta al dibattito”.

Cittadini informati per l'ambiente, 1991: "Chi ti ha detto che la Terra sta diventando più calda.. Little Chicken?"
Cittadini informati per l'ambiente, 1991: "Il giorno del giudizio è stato cancellato.  di nuovo."

La verità dietro gli annunci: Invece di avvertire il pubblico del riscaldamento globale o di agire, le compagnie di combustibili fossili sono rimaste il più silenziose possibile. Tuttavia, alla fine degli anni ’80, il mondo si è svegliato alla crisi climatica, segnando ciò che Exxon aveva fatto di nome Un evento critico. L’apparato di pubbliche relazioni dell’industria dei combustibili fossili si è trasformato in azione, implementando una strategia diretta dal libro di gioco del grande gioco del tabacco: armare la scienza contro se stessa.

Un 1991 Nota di Informed Citizens for the Environment ha reso esplicita quella strategia: “Riposizionare il riscaldamento globale come una teoria (non un fatto).”


“enfasi sull’incertezza”

Mobil ed ExxonMobil hanno eseguito uno dei tipi più completi di negazione del clima Campagne Tutti i tempi, con un’incursione negli anni ’80, una guerra lampo negli anni ’90 e una continuazione dei messaggi alla fine degli anni 2000. La loro “pubblicità” climatica – pubblicità mascherata sotto forma di editoriali – è apparsa sulla pagina iniziale del New York Times e di altri giornali e faceva parte di ciò che gli studiosi hanno chiamato “l’uso più lungo e regolare (settimanale) dei media per influenzare il pubblico e l’opinione dell’élite nell’America contemporanea.”

Il New York Times, 1984: "Le bugie che raccontano ai nostri figli"
Il New York Times, 1993: "fine del mondo no"

Tra il 1996 e il 1998, ad esempio, Mobil egli corse 12 dichiarazioni sono state programmate in concomitanza con i negoziati di Kyoto delle Nazioni Unite del 1997 che si chiedevano se la crisi climatica fosse reale e provocata dall’uomo, e 10 minimizzavano la gravità della crisi. Un annuncio ha suggerito “ripristinare l’allarme”. “Non affrettiamoci in una decisione a Kyoto… Non sappiamo ancora quale ruolo potrebbero giocare i gas serra prodotti dall’uomo nel riscaldamento globale”.

L'annuncio del New York Times del 1997 da Mobil: "Quello che non sappiamo"
The New York Times, The Wall Street Journal e altre pubblicazioni, 2000, da Mobil: "scienza instabile"

  • A sinistra: The New York Times, 1997. A destra: The New York Times, The Wall Street Journal e altre pubblicazioni, 2000

La verità dietro gli annunci: La “posizione” di Exxon, che ha impartito istruzioni su note strategiche interne dal 1988 al 1989, era “si estende bandiera “e”confermare che Incertezza nelle conclusioni scientifiche” sulla crisi climatica. O come il “Piano aziendale” del 1998 di Exxon, Chevron, API, società di servizi pubblici, ecc. annunciare: “La vittoria arriverà quando i cittadini comuni comprenderanno (riconosceranno) lo scetticismo della scienza del clima”.

ExxonMobil continua Per finanziare il negazionismo climatico almeno fino al 2018. Una delle loro pubblicità del 2004 affermava che “le incertezze scientifiche” impedivano “decisioni sul ruolo umano nei recenti cambiamenti climatici”. Questo non era corretto. Nove anni fa, il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici è finita Impatto umano tangibile sul clima globale. Era il capo scienziato del clima presso ExxonMobil A Autore collaboratore per il rapporto.


Intimidazione economica

“Non mettere a rischio il nostro futuro economico”, ha supplicato la Global Climate Alliance, un gruppo di facciata per aziende di servizi pubblici, petrolifere, carbonifere, minerarie, ferroviarie e automobilistiche. L’annuncio del 1997 mirava anche ai negoziati di Kyoto e faceva parte di una campagna da 13 milioni di dollari che ebbe un tale successo che la Casa Bianca Raccontare Consiglio di cooperazione del Golfo: il presidente Bush “ha rifiutato il protocollo di Kyoto, in parte, sulla base del tuo contributo”.

Alleanza globale per il clima, Dichiarazione del 1997: "Gli americani lavorano duramente per quello che abbiamo, signor presidente.  Non mettere a rischio il nostro futuro economico."

La verità dietro l’annuncio: Mettere ‘concentrarsi sui costi/realtà politiche’, istruito dalla strategia di Exxon del 1989 Nota. Proprio come l’industria dei combustibili fossili finanziato contraddittorio Scienziati Negazione climatica Scienza, Anche descritto Il difettoso Analisi economiche di economisti finanziati dall’industria.

Migliore predizione Della spesa pubblicitaria dell’industria dei combustibili fossili è il controllo dei media e l’attivismo politico. Oggi l’intimidazione economica è sparita Digitaleenorme unghia in TV e Social media Spesa pubblicitaria per petrolio Lobbisti Ogni volta che le normative sul clima incombono. In vista delle elezioni presidenziali e di medio termine degli Stati Uniti del 2018-20, ExxonMobil Spendere Ricevono più annunci politici su Facebook e Instagram rispetto a qualsiasi altra azienda al mondo (ad eccezione di Facebook stesso).


Non è colpa nostra, è colpa tua

Dal 2004 al 2006, il marketing di BP supera i 100 milioni di dollari all’anno Campagna Introdotto l’idea di “impronta di carbonio” prima che fosse una parola d’ordine comune, secondo All’agente di pubbliche relazioni responsabile della campagna. Obiettivi di questa campagna lei era Attività umane di routine e scelte di vita degli individui eValutare The American Family.” Nel 2019, BP ha lanciato un nuovo rapporto, Know Your Carbon Footprint. Campagna sui social.

Annuncio di BP in varie pubblicazioni, dal 2003 al 2006: "Qual è l'impronta di carbonio della Terra?"
Annuncio di BP in varie pubblicazioni, dal 2003 al 2006: "Riduci la tua impronta di carbonio.  Ma prima, scopri di cosa si tratta."

La verità dietro gli annunci: La retorica di Big Oil si è evoluta dalla negazione totale a forme di propaganda più sottili, tra cui lo spostamento Responsabilità lontano da aziende e consumatori. Questo imita il grande tabacco Sforzo Per combattere le critiche e difendersi da controversie e regolamenti attraversoVersare stesso come una sorta di innocente imparziale, martoriato dalle forze della domanda dei consumatori”.


Greenwashing: parla pulito, agisci sporco

“Stiamo collaborando con le principali università per sviluppare la prossima generazione di biocarburanti”, ha affermato Chevron nel 2007. Questo è anche un importante punto di discussione in BPe ExxonMobil e altri.

The New Yorker, 2007, annuncio Chevron: "Collaboriamo con le migliori università per sviluppare la prossima generazione di biocarburanti."

ExxonMobil promuove la sua ricerca sui biocarburanti algali da oltre un decennio, dagli annunci stampa in bianco e nero (2009) ai Digitale Pubblicità (2018-21).

New York Times, 2009 ExxonMobil annuncio per i biocarburanti algali
La pubblicità del New York Times 2018 per le alghe

La verità dietro gli annunci: Il greenwashing conferisce alle aziende un’aura di credibilità ambientale mentre distrae dalla disinformazione, dal lobbying e dagli investimenti contro la scienza e contro l’energia pulita. L’obiettivo è difendere ciò che BP chiama Una “licenza sociale per operare” per l’azienda.

Uno dei modi in cui le aziende di combustibili fossili si danno un lustro verde è creando – e poi ostentando – ciò che è la nota sulla strategia API del 1998. chiamato Rapporti di collaborazione con rinomate istituzioni accademiche. grande olio Colonizzazione di accademici diffondere. guscio continuo Cura Dalla Climate Exhibition al London Science Museum arriva una clausola di silenzio-assenso che vieta al museo di denigrare l’azienda.

Per le alghe: le cinque maggiori compagnie petrolifere e del gas in America Spendere $ 3,6 miliardi di annunci di reputazione aziendale tra il 1986 e il 2015. ExxonMobil lo ha fatto Spendere Sulla pubblicità più che cercare le alghe.


“Siamo parte della soluzione!”

BP ha sviluppato una strategia di marketing energetico “tutto quanto sopra” dal 2006 al 2008, “prima che qualsiasi candidato presidenziale potesse parlare allo stesso modo”, secondo Dirigere le pubbliche relazioni di BP.

Le principali compagnie petrolifere continuano a spingere questa narrativa di una “soluzione di combustibili fossili”, incluso il loro linguaggio di “tutto quanto sopra”. Social media, in un Congresso E in guidato, immagina Editoriali Sul Washington Post. Per rendere coerente questo giro, le aziende di combustibili fossili chiamano il metano “pulito” da un anno anni 80. L’American Petroleum Institute ha dichiarato: “Il gas naturale è davvero pulito”. Annunci Facebook e cartelloni l’anno scorso.

Annuncio BP
Annuncio locale dell'American Petroleum Institute sul Washington Post, 2021

La verità dietro gli annunci: in un contraddizione Per la scienza dell’arresto del riscaldamento globale, il grande petrolio sottolinea che i combustibili fossili saranno essenziali per il prossimo futuro. Lo slogan energetico era “tutto quanto sopra” – come l’annuncio creativo di BP mettilo – “È stato cooptato dai politici nel 2008” ed è diventato a Asse delle politiche energetiche dell’amministrazione Obama. La spedizione ha anche messo il metano come “ponte pulito“Carburante.

Come “carbone pulito”, l’etichetta “pulito”, “più pulito” o “a basso tenore di carbonio” è stata il metano. È considerato Pubblicità ingannevole da parte delle autorità di regolamentazione.


La realtà distorta negli anni Venti del secolo presente e oltre

Un annuncio pubblicitario su Shell TV l’anno scorso mostrava uccelli nel cielo, parchi eolici e solari, l’amministratore delegato di una società di energia rinnovabile Shell, dicendo che aveva “creato un futuro molto più pulito e migliore per i nostri figli”, non un singolo riferimento ai fossili combustibili.

La verità dietro l’annuncio: Tra il 2010 e il 2018, il 98,7% di Shell Investimenti Era nel petrolio e nel gas. Queste distorsioni sono a livello di settore.

Oggi siamo tutti sommersi da pubblicità che sfruttano una serie di narrazioni, comprese quelle sopra descritte, per presentare le aziende di combustibili fossili come Salvatori del clima. È passato il tempo che chiamavamo il loro trucco.

Le narrazioni qui evidenziate sono una selezione di “discorsi di negazione e ritardo del clima” precedentemente identificati da Autori e altro ricercatori. Gli annunci selezionati per illustrare questi discorsi sono stati determinati dagli autori sulla base di una revisione di dozzine di studi sottoposti a revisione paritaria, giornalismo investigativo, libri bianchi, biblioteche pubblicitarie, archivi di giornali e rapporti sui social media. e cause legali.