Dicembre 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le prospettive economiche dell’Italia sono state tese a causa dell’impennata dell’inflazione

Dietro il bancone della F.lli Gondola, caffetteria, caffetteria e pasticceria di Frattamaggiore, il titolare Salvatore Gondola conserva una foto del calciatore italiano Lorenzo Insigne.

Insigne, cresciuto in questa piccola città a nord di Napoli, e i suoi compagni giocatori azzurri hanno conquistato il cuore della nazione quando hanno vinto l’Europeo di calcio contro l’Inghilterra lo scorso anno, un simbolo appropriato di un Paese che si sta riprendendo dalla devastante pandemia.

L’Italia ha dato il via al 2022 mentre si prepara a un anno di crescita in forte espansione e riforme strutturali, sostenuta dalla comprovata leadership del Primo Ministro Mario Draghi e da un’iniezione di fondi dell’Unione Europea. Ci sono stati sforzi irripetibili per affrontare la sua debolezza cronica e migliorare la sua traiettoria di crescita a lungo termine, finanziati con 191 miliardi di euro dal piano di ripresa Covid dell’UE da 750 miliardi di euro.

Dentro e fuori dal campo, la gloria è svanita rapidamente. Gli Azzurri hanno saltato la qualificazione ai Mondiali dopo l’imbarazzante sconfitta contro la Macedonia del Nord e le prospettive economiche sono diventate così fosche che quest’anno c’è la possibilità di una recessione.

Salvatore Gondola, titolare del bar, che nel corso del 2022 ha visto diminuire le vendite e aumentare i costi © Amy Kazmin/FT

Lo slancio accumulato nel 2021 è stato attenuato dall’aumento dei prezzi di cibo ed energia, dalla compressione dei redditi delle famiglie e dal colpendo le fragili piccole imprese. “Oggi è dura, davvero dura”, ha detto la gondola. “È come durante il Covid. L’unica differenza è che questa volta, senza mascherina”.

L’Italia non è l’unica economia europea ad affrontare tempi difficili. Bruxelles ha recentemente ridotto le sue previsioni di crescita del PIL dell’UE quest’anno al 2,7 per cento, in calo rispetto alla stima del 4 per cento di febbraio. L’inflazione è più alta nelle economie dell’Est, in Germania e nei Paesi Bassi.

Ma l’Italia dipende fortemente dalla Russia per la sua energia, rendendola vulnerabile al conflitto in Ucraina. “Alcuni Paesi sono più esposti di altri”, ha affermato Lorenzo Codogno, ex direttore generale del Tesoro italiano. “All’interno dei principali paesi, l’Italia è esposta come la Germania, e forse di più, ai costi energetici elevati… È un enorme shock delle ragioni di scambio per i consumatori, il che significa che l’intero paese sta diventando più povero”. L’accordo firmato con l’Algeria per la fornitura di gas dal Nord Africa richiederà anni per dare i suoi frutti.

Stai visualizzando uno screenshot di un elemento grafico interattivo. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che sei offline o hai JavaScript disabilitato nel tuo browser.

La crisi economica – e le aspettative di un rialzo dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea a partire da luglio – hanno riacceso i timori sulla salute a lungo termine delle finanze italiane. Con il secondo rapporto debito/PIL più alto dopo la Grecia e il più alto disavanzo pubblico di qualsiasi grande economia dell’eurozona, la posizione dell’Italia è precaria.

I mercati stanno diventando più cupi riguardo alle loro prospettive. Il differenziale tra il rendimento del titolo decennale italiano e quello tedesco, che è un indicatore del rischio politico ed economico nella zona euro, è salito a due punti percentuali nelle ultime settimane, il più ampio dalle prime fasi della pandemia, quando gli investitori hanno scaricato il rischio. debito pubblico europeo. “Diventerà un ambiente molto sensibile”, ha detto Codogno.

L’Italia è sulla strada del risanamento fiscale. Il deficit di bilancio target dovrebbe essere del 5,6% per quest’anno, in calo rispetto al 7,2% registrato lo scorso anno. Ma gli economisti hanno avvertito che un forte rallentamento della crescita solleverebbe dubbi sul deficit.

“Se il PIL si indebolirà in modo significativo, il dinamismo non sarà bello”, ha affermato Lucrezia Richlin, professoressa di economia alla London Business School. “Il mercato ora è molto pessimista e una possibile recessione nel 2022 è qualcosa che molte persone si aspettano”.

L’afflusso di fondi di investimento dell’UE è positivo. Gli italiani hanno anche accumulato risparmi superiori al normale durante i blocchi, che ora possono essere ridotti per mantenere i consumi. Ma l’impatto svanirà e l’impatto sul reddito disponibile nei prossimi trimestri sarà “enorme”, secondo Codogno.

Il grafico a linee del Consumer Confidence Index mostra che la fiducia dei consumatori italiani sta diminuendo rapidamente

I residenti di Frattamaggiore stanno già sentendo il colpo.

Suso Vardello, 74 anni, lavoratore dei trasporti pubblici in pensione che vive con una pensione fissa mensile di 1.500 euro, ha tagliato quasi tutte le spese discrezionali dopo l’aumento della bolletta dell’energia. “Dobbiamo pensare a tutto ciò che compriamo e a ciò che è necessario per vivere”, ha detto.

Il governo Draghi questo mese ha imposto un’inaspettata tassa del 25% sui profitti in eccesso per le società energetiche per generare denaro per sostenere milioni di famiglie finanziariamente vulnerabili, compresi i pensionati, attraverso sussidi energetici e un pagamento una tantum di 200 euro in contanti.

La pensione Rafael Riga, 74 anni, che ha lavorato come calzolaio, ha affermato che tali misure non erano sufficienti. “La nostra pensione è appena sufficiente per sopravvivere e pagare il cibo”.

Gondola – che gestisce il suo negozio di dolciumi con suo fratello, genero e nipote – ha detto che stava lottando per convincere l’azienda a generare un surplus sufficiente per sostenere quattro famiglie. Le bollette energetiche mensili che erano in media di 1.200 euro sono ora 1.600 euro; Il prezzo dei vassoi di carta su cui servono i pasticcini è recentemente raddoppiato di prezzo; Le vendite sono diminuite del 30 per cento da gennaio.

La gondola non ha avuto altra scelta che trasferire questi alti costi ai suoi clienti, alzando il prezzo del caffè da 80 centesimi a 1,20 euro e una crostata di frutta da 1 kg da 13 euro a 15 euro. Ha smesso di produrre torte più grandi da 1,5 kg, perché i suoi clienti non potevano più permettersele. “Cerchiamo tutti di spremere piccoli pezzetti da una torta più piccola”, ha detto Gondola.

Segnalazione aggiuntiva di Martin Arnold a Francoforte

READ  La prossima crisi dell'euro è appena iniziata