Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cartolina da Venezia: Il ritorno della folla e la 59a Biennale d’Arte alla Città dei Canali

Venezia – Quando sono tornato in Europa per la prima volta dalla pandemia, sono stato accolto da una frase familiare.

“Ni Hao Ma”, ha detto un cameriere italiano mentre passavo davanti al suo ristorante a Venezia, nella mia valigia su un carrello.

Ha motivo di essere allegro: i turisti, al centro dell’economia veneziana, stanno tornando a frotte mentre le restrizioni Covid-19 si allentano.

Venezia, la città dei canali, è famosa per molte cose: gondole e palazzi, la sua Biennale, la storia della stampa e della soffiatura del vetro.

Quando ero lì a fine aprile per la Biennale di Venezia, la città era piena di turisti e di gente del mondo dell’arte.

Il prestigioso festival d’arte, noto anche come 59a Fiera Internazionale d’Arte, torna dopo essere stato posticipato di un anno a causa della pandemia globale.

In mostra i padiglioni nazionali di quasi 80 paesi, tra cui Singapore, oltre a una grande mostra collettiva intitolata The Milk Of Dreams e numerosi “eventi collaterali” in tutta la città.

Ma a Venezia – e l’arte a Venezia – c’è di più della Biennale. La città è costellata di molte altre esibizioni di artisti famosi come Joseph Beuys. Con così tanto da vedere e così poco tempo, la parola per strada è il modo più rapido per ordinare le cose interessanti dai perdenti.

Anselm Kiefer, il grande pittore tedesco che si esibì a Palazzo Ducale, è un nome sulla bocca di molti.

Meno impressionante è una mostra dell’artista britannico Anish Kapoor, che nel 2016 (in) ha acquisito i diritti esclusivi di Vantablack, uno dei colori più scuri del mondo.

Le strade di Venezia risuonano dei suoni di turisti americani, tedeschi e britannici.

READ  Marotta dice che l'Inter deve tagliare gli stipendi per sopravvivere all'infezione da COVID-19

Sembra che le cose siano tornate alla normalità, indipendentemente dalle pratiche burocratiche relative al Covid-19 (creazione di certificati di vaccinazione dell’UE, ad esempio, e prenotazione di un rapido ipotetico test antigenico prima della partenza, di cui alla fine non ho avuto bisogno).

Solo poche persone indossano maschere FFP2 per le strade. Nessun distanziamento sociale: i vaporetti sono sovraffollati.

Venezia ha trappole per turisti ad ogni angolo, ma ci sono ancora ristoranti autentici da trovare.

Uno di questi è la Trattoria alla Riveta, un ristorante buco nel muro situato dietro un ponte nel quartiere turistico di San Marco. Serve abbondanti pasti italiani con pane appena sfornato e quasi tutti gli altri erano gente del posto quando ero lì.

Uno dei posti che trovo deludente, forse proprio per quanto mi aspettavo di visitare, è la Libreria Acqua Alta.