Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le più antiche impronte preistoriche conosciute sono state trovate sull’isola di Creta

Sono state trovate impronte sull’isola greca del Mediterraneo Creta Risalgono a più di sei milioni di anni e ora sono le più antiche impronte pre-umane conosciute, secondo nuovi studio Pubblicato nella rivista referenziata Rapporti scientifici.

Un team internazionale guidato dall’Università di Tubinga in Germania ha fatto la scoperta nel 2017 e dopo aver inizialmente creduto che avesse 5,7 milioni di anni, le impronte sono state finalmente confermate come vecchie di 6,05 milioni di anni.

Prima dei risultati, il più antico fossile registrato dai ricercatori era un Australopithecus afarensis di 3,5 milioni di anni, altrimenti noto come Lucy, uno degli antenati più famosi dell’umanità. Ciò rende le impronte di Creta ben 2,5 milioni di anni più antiche di qualsiasi cosa su cui gli scienziati potessero fare affidamento in precedenza.

Le impronte e le loro successive scoperte forniscono nuove intuizioni sulla prima evoluzione degli esseri umani. “Il piede umano più antico usato per camminare eretto aveva una palla, con un forte alluce parallelo e dita laterali più corte e dritte”, ha detto Per Ahlberg, professore all’Università di Uppsala e coautore dello studio. “Il piede aveva una suola più corta dell’Australopithecus (l’uomo più antico conosciuto noto come Lucy). L’arco non era ancora stato pronunciato e il tallone era più stretto”.

I risultati mettono anche in discussione la teoria “fuori dall’Africa” ​​secondo cui l’umanità ha avuto origine in Africa prima di diffondersi in tutto il mondo, poiché queste nuove tracce suggeriscono che vita È stato in Eurasia per più di sei milioni di anni. Queste nuove prove sfidano ciò che sappiamo sull’evoluzione a lungo termine dell’umanità.

Una lastra di roccia con un’impronta cretese (credit: OLAF TAUSCH/WIKIMEDIA COMMONS)

Tuttavia, i risultati potrebbero non essere una prova sufficiente per un percorso evolutivo completamente diverso da quello che abbiamo realizzato. Secondo Julian Louise, paleontologo e paleoecologo alla Griffith University, è noto che è difficile trarre conclusioni sulle impronte senza l’accompagnamento di materiali fisici, come fossili e denti.

READ  Il CDC del Maine segnala 491 casi di COVID-19 con l'intensificarsi dell'ondata estiva

“La difficoltà nel lavorare con le impronte è che è difficile associarle a determinate specie”, afferma Louise. “Con così tante impronte, è difficile dire a quale specie appartengano, tanto che i ricercatori hanno un proprio sistema di classificazione per gestire la denominazione e la classificazione delle impronte”.

Potremmo non sapere mai cosa – o chi – abbia collocato queste impronte nell’antica Creta oltre 6 milioni di anni fa, ma queste impronte – una rara istantanea della vita preistorica – causeranno una mischia scientifica per qualche tempo.