Dicembre 2, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati riferiscono: la tubercolosi, come il Covid, si diffonde attraverso la respirazione

Dopo secoli di ortodossia medica, un team di ricercatori in Sud Africa ha scoperto che la respirazione può contribuire maggiormente alla diffusione della tubercolosi rispetto alla tosse, che è il sintomo caratteristico.

I ricercatori hanno stimato che fino al 90% dei batteri della tubercolosi rilasciati da una persona infetta possono essere trasportati in minuscole goccioline chiamate aerosol, che vengono espulse quando una persona espira profondamente. I risultati sono stati presentati martedì alle conferenza scientifica tenuto in linea.

Il rapporto fa eco a un’importante scoperta della pandemia di Covid: il coronavirus si diffonde anche negli aerosol in alto, in particolare negli spazi chiusi, una via di trasmissione che è stata. Non molto apprezzato Quando l’epidemia cominciò ad apparire.

La tubercolosi è causata da batteri chiamati Mycobacterium tuberculosis, che di solito attaccano i polmoni. È la malattia infettiva più mortale al mondo dopo il Covid-19 Più di 1,5 milioni di persone L’anno scorso – il primo aumento in un decennio, secondo un rapporto pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità la scorsa settimana.

Poiché la pandemia di Covid interrompe l’accesso all’assistenza sanitaria e alle catene di approvvigionamento in tutto il mondo, a 5,8 milioni di persone è stata diagnosticata la tubercolosi nel 2020. Ma l’Organizzazione mondiale della sanità Si stima che siano state contagiate circa 10 milioni di persone. Molte persone possono inavvertitamente diffondere la malattia ad altri.

“Il nostro modello suggerisce che, in effetti, la generazione di aerosol e la generazione di tubercolosi possono verificarsi indipendentemente dai sintomi”, ha affermato Ryan Dinkel, uno studente laureato presso l’Università di Cape Town, che ha presentato i risultati.

READ  La NASA proverà a riparare il telescopio Hubble passando a dispositivi di backup

La scoperta aiuta a spiegare perché gli spazi chiusi affollati, come le carceri, sono spesso terreno fertile per la tubercolosi, come lo sono per il Covid. E la ricerca suggerisce che alcune delle tecniche utilizzate per ridurre la trasmissione del coronavirus – maschere, apertura di finestre o porte ed essere all’aperto il più possibile – sono importanti per ridurre la tubercolosi.

“Quelli di noi che hanno la tubercolosi guardano al Covid e dicono: ‘Wow, è solo una versione veloce della tubercolosi'”, ha detto il dottor Robert Horsberg, un epidemiologo della Boston University che non è stato coinvolto nel lavoro.

I ricercatori in precedenza ritenevano che la maggior parte dei casi di trasmissione della tubercolosi si verificasse quando una persona infetta tossisce, spruzzando nell’aria goccioline contenenti i batteri. Si pensa che alcuni batteri vengano rilasciati quando una persona inspira, ma molto meno di quelli rilasciati quando una persona tossisce.

La nuova scoperta non cambia questa comprensione: un singolo colpo di tosse può espellere più batteri di un respiro. Ma se una persona infetta respira 22.000 volte al giorno mentre tossisce fino a 500 volte, la tosse rappresenta meno del 7% dei batteri totali emessi da un paziente infetto, ha affermato Dinkell.

Su un autobus affollato oa scuola o al lavoro, dove le persone siedono in spazi ristretti per ore, il signor Dinkel ha detto: “Il solo respiro contribuirebbe alla diffusione di aerosol infettivi più della tosse”.

In quella che viene chiamata respirazione di marea, l’inalazione provoca l’apertura di minuscole sacche d’aria nei polmoni, quindi l’espirazione trasporta i batteri dai polmoni attraverso l’aerosol. A causa delle loro piccole dimensioni, gli aerosol rilasciati dalla respirazione delle maree possono rimanere a galla più a lungo e viaggiare più lontano delle goccioline rilasciate dalla tosse.

READ  La nuova missione della NASA schiaccerà un veicolo spaziale in un asteroide per reindirizzare il suo corso

Come con Covid, alcuni pazienti con tubercolosi diffondono la malattia a molte persone – e possono rilasciare molti batteri – mentre altri infettano alcune persone intorno a loro. Ma anche se il 90% dei batteri espulsi da una persona infetta venisse trasmesso tramite aerosol, quella via di trasmissione non rappresenterebbe necessariamente il 90% dei nuovi casi, ha avvertito la dott.ssa Sylvia Chiang, che studia la malattia alla Brown University.

Tuttavia, secondo gli esperti, i risultati suggeriscono che i medici non dovrebbero aspettare che i malati di tubercolosi arrivino in cliniche con tosse grave e perdita di peso, e questi sintomi sono allarmanti.

“Dobbiamo solo esaminare l’intera popolazione, proprio come faresti se stessi cercando un sacco di Covid”, ha affermato il dott. Horsberg.

La scoperta è avvenuta in gran parte grazie alla tecnologia sviluppata dal dottor Robin Wood, professore emerito di medicina presso l’Università di Cape Town in Sudafrica. Il dispositivo può raccogliere aerosol da persone infette e identificare i batteri al loro interno.

La diagnosi e il trattamento della tubercolosi non sono cambiati molto negli ultimi decenni. “È ora di iniziare a utilizzare la tecnologia più recente per affrontare un’antica malattia”, ha affermato il dott. Wood. Ha aggiunto che con alcune modifiche il sistema potrebbe essere utilizzato anche per studiare altre malattie, compreso il Covid.

La tubercolosi esiste da migliaia di anni e la sua causa è nota da quasi 150 anni.

“Tuttavia, stiamo ancora scoprendo cose nuove su questa parte fondamentale della sua biologia”, ha detto Dinkell. “È umiliante rendersi conto che dobbiamo essere molto attenti quando si tratta di un approccio dottrinale a un’area”.

READ  Gli scienziati modellano la "vera diffusione" di COVID-19 negli Stati Uniti durante la pandemia