Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le forze di sicurezza soffocano le manifestazioni contro la politica COVID-Zero

Cina I servizi di sicurezza estesi si sono spostati rapidamente in una stretta soffocante proteste che ha travolto il Paese, con la polizia che pattuglia le strade, controlla i cellulari e chiama persino alcuni manifestanti per avvertirli di non ripeterlo.
Nelle principali città il lunedì e il martedì, Polizia Stradale I luoghi delle proteste si sono allagati durante il fine settimana, quando migliaia di persone si sono riunite per esprimere la loro rabbia per la rigida politica anti-coronavirus del Paese, alcuni chiedendo più democrazia e libertà in uno straordinario spettacolo di dissenso contro il leader cinese Xi Jinping.

Da allora una forte presenza della polizia ha scoraggiato i manifestanti dal radunarsi, mentre le autorità di alcune città hanno adottato metodi di sorveglianza utilizzati nella regione dell’estremo ovest dello Xinjiang per intimidire coloro che hanno manifestato nel fine settimana.

Un uomo è stato arrestato mentre la gente si radunava in una strada a Shanghai il 27 novembre. (Hector Ramal/AFP/Getty Images)

In quella che sembrava essere la prima risposta ufficiale, anche se velata, alle proteste, il capo della sicurezza interna cinese si è impegnato nella riunione di martedì a “mantenere efficacemente la stabilità sociale complessiva”.

Senza fare riferimento alle manifestazioni, l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua ha riferito che Shen Wenqing ha esortato le forze dell’ordine a “colpire con fermezza contro le attività di infiltrazione e sabotaggio di forze ostili, nonché atti illegali e criminali che sconvolgono l’ordine sociale”.

Un linguaggio rigoroso può indicare un giro di vite in futuro.

Mentre in Cina si verificano proteste per le lamentele interne, l’attuale ondata di manifestazioni è la più diffusa dai tempi del movimento democratico di piazza Tiananmen nel 1989. Anche la sfida politica è senza precedenti, con alcuni manifestanti che chiedono pubblicamente Xi, sempre più forte nel nazione. Decenni leader autoritario, a dimettersi.

Alcune delle proteste più audaci si sono svolte a Shanghai, dove la folla ha chiesto l’impeachment di Xi per due sere di seguito. I marciapiedi di Urumqi – il principale luogo di protesta – sono stati completamente bloccati da alte barriere, rendendo quasi impossibile il raggruppamento della folla.

Le auto della polizia pattugliano Urumqi Road a Shanghai
Le auto della polizia pattugliano la Urumqi Road a Shanghai, che è stata chiusa da alte barriere dopo un fine settimana di proteste. (Hector Retamal/AFP/Getty Images)

A dieci minuti di auto, dozzine di agenti di polizia pattugliavano Piazza del Popolo, una grande piazza nel cuore della città dove alcuni residenti avevano programmato di riunirsi lunedì sera con carta bianca e candele. La polizia ha anche aspettato all’interno di una stazione della metropolitana, bloccando tutte le uscite tranne una, secondo un manifestante presente sul posto.

La CNN non ha nominato nessuno dei manifestanti in questa storia per proteggerli da ritorsioni.

Il manifestante ha detto di aver visto la polizia controllare i telefoni cellulari dei passanti, chiedendo loro se avessero installato reti private virtuali (VPN) che potrebbero essere utilizzate per aggirare il firewall Internet cinese, o app come Twitter e Telegram, che sebbene vietate nel paese erano usato dai manifestanti.

“C’erano anche cani da fiuto. L’atmosfera era agghiacciante”, ha detto il manifestante.

Il manifestante ha detto che i manifestanti in seguito hanno deciso di spostare la loro manifestazione programmata in un altro luogo, ma quando sono arrivati, la presenza della sicurezza si era già intensificata lì.

I poliziotti individuano e arrestano un manifestante durante una manifestazione di strada a Shanghai, in Cina, domenica 27 novembre. (AP)

“C’erano troppi poliziotti e abbiamo dovuto annullare”, ha detto.

Martedì è apparso un video ampiamente diffuso che mostrava agenti di polizia che controllavano i telefoni cellulari dei passeggeri in una metropolitana di Shanghai.

Un altro manifestante di Shanghai ha detto alla CNN che erano tra “circa 80-110” persone arrestate dalla polizia sabato notte, aggiungendo che sono state rilasciate dopo 24 ore.

La CNN non può verificare in modo indipendente il numero di manifestanti detenuti e non è chiaro quanti, se ce ne sono, rimangono in detenzione.

Il manifestante ha detto che ai detenuti sono stati confiscati i telefoni su un autobus che li ha portati a una stazione di polizia, dove gli agenti hanno raccolto le loro impronte digitali e i modelli della retina.

Secondo il manifestante, la polizia ha detto ai detenuti che sono state utilizzate “persone con cattive intenzioni che vogliono iniziare una rivoluzione colorata”, citando lo scoppio di proteste in tutto il Paese lo stesso giorno come prova di ciò.

Il manifestante ha detto che la polizia ha restituito i telefoni e le macchine fotografiche al momento del loro rilascio, ma gli agenti hanno cancellato l’album fotografico e rimosso l’app di social network WeChat.

Gli agenti di polizia bloccano Wulumuqi Street a Shanghai il 27 novembre.
Gli agenti di polizia bloccano Wulumuqi Street a Shanghai il 27 novembre. (Hector Ramal/AFP/Getty Images)

A Pechino, lunedì mattina, diverse auto della polizia parcheggiate con le luci lampeggianti fiancheggiavano le strade stranamente tranquille della capitale, anche vicino a Liangmaqiao, nel distretto centrale di Chaoyang, dove una grande folla di manifestanti si è radunata domenica notte.

La manifestazione, che ha visto centinaia di persone marciare sulla terza circonvallazione della città, si è conclusa pacificamente nelle prime ore di lunedì mattina sotto lo stretto controllo degli agenti di polizia.

Ma da allora alcuni manifestanti hanno ricevuto telefonate dalla polizia che chiedevano informazioni sulla loro partecipazione.

Una manifestante ha detto di aver ricevuto una telefonata da un uomo che si è identificato come un agente di polizia locale, che le ha chiesto se fosse presente alla protesta e cosa avesse visto lì. Le è stato anche detto che se fosse insoddisfatta delle autorità, avrebbe dovuto sporgere denuncia alla polizia, piuttosto che prendere parte ad “attività illegali” come le proteste.

“Quella notte, la polizia ha per lo più adottato un approccio calmo quando ha a che fare con noi. Ma il Partito Comunista è molto bravo a punire in seguito”, ha detto il manifestante alla CNN.

Ha detto che non ha indossato una maschera durante la manifestazione. “Non credo che Omicron sia così spaventoso”, ha detto. Ha aggiunto che i suoi amici che indossavano maschere mentre protestavano avevano ricevuto chiamate dalla polizia.

Gli agenti di polizia fanno la guardia durante una protesta a Pechino
Gli agenti di polizia fanno la guardia mentre le persone protestano contro le restrizioni del coronavirus e tengono una veglia per commemorare le vittime degli incendi di Urumqi, a Pechino il 27 novembre. (Thomas Peter/Reuters)

Tuttavia, il manifestante è rimasto ribelle.

“È nostro legittimo diritto (manifestare) perché la costituzione prevede la libertà di espressione e di riunione”, ha affermato.

Un altro manifestante, che non ha avuto notizie dalla polizia, ha detto alla CNN che l’ansia che lei possa essere la prossima chiamata sta pesando su di lei.

“Posso trovare conforto solo dicendo a me stessa che molti di noi hanno partecipato alla protesta e non possono mettere in prigione mille persone”, ha detto.

Nel frattempo, alcune università di Pechino hanno organizzato il trasporto per consentire agli studenti di tornare a casa presto per le vacanze invernali e seguire lezioni online, citando uno sforzo per ridurre i rischi di COVID-19 per gli studenti che utilizzano i mezzi pubblici.

Il serial killer ha perso il conto delle donne che ha ucciso

Ma l’accordo scoraggia anche gli studenti dal riunirsi, dopo le manifestazioni in una serie di campus durante il fine settimana, tra cui la prestigiosa Tsinghua University, dove centinaia di studenti hanno cantato “Democrazia e stato di diritto! Libertà di parola!”.

Data la lunga storia dei movimenti guidati dagli studenti nella Cina moderna, le autorità sono particolarmente preoccupate per le manifestazioni politiche nei campus universitari.

Le università di Pechino sono state la fonte delle manifestazioni che hanno lanciato il Movimento del 4 maggio nel 1919, a cui il Partito Comunista Cinese fa risalire le sue radici, così come le proteste di Piazza Tiananmen del 1989, che furono brutalmente represse dall’esercito cinese.

READ  Le urla di una donna per un ragno fanno sì che i vicini chiami la polizia