Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le autorità hanno detto che 5.000 migranti dal Marocco sono arrivati ​​nell’enclave spagnola di Ceuta in un giorno

Funzionari spagnoli hanno affermato che almeno 5.000 immigrati, circa 1.000 dei quali minorenni, sono arrivati ​​lunedì nell’enclave nordafricana di Ceuta dal vicino Marocco, un record in un solo giorno.

Un portavoce della delegazione del governo spagnolo a Ceuta ha affermato che il volume del flusso, che arriva in un momento di forte tensione tra la capitale spagnola, Madrid, e la capitale marocchina, Rabat, non ha precedenti e potrebbe comunque aumentare.

Ha detto che i migranti hanno raggiunto l’enclave nuotando o camminando con la bassa marea dalle spiagge del vicino Marocco, a pochi chilometri a sud. Un uomo è annegato nel viaggio.

Durante la mattinata, la delegazione ha stimato il numero a 100 arrivi, affermando che la maggior parte di loro erano giovani uomini, ma che includevano anche bambini e alcune donne che hanno utilizzato anelli gonfiabili e gommoni.

Altri sono stati in grado di camminare all’incirca con la bassa marea, poiché i numeri sono aumentati rapidamente durante il giorno, ha detto il portavoce all’AFP.

Dopo essere stati esaminati dalla Croce Rossa, i migranti sono stati trasportati in un centro di accoglienza a Tragal Beach, dove le autorità si sono incontrate per discutere su come gestire la situazione, visto il numero record di arrivi.

Gli ufficiali della Guardia civile spagnola stanno cercando di impedire ai marocchini di entrare nel territorio spagnolo.
Alcuni erano in grado di camminare lì con la bassa marea.(

AP Antonio Sempre

)

I video pubblicati sui social media hanno mostrato un afflusso di persone – alcune in abbigliamento da spiaggia mentre altre in abiti casual – che facevano esplodere teste di passaporto rocciose.

In un primo momento, la polizia marocchina ha guardato, prima di spostarsi per respingere una folla di spettatori.

Lunedì sera il ministero dell’Interno spagnolo ha dichiarato in un comunicato che verranno inviati a Ceuta 200 “rinforzi immediati della presenza della Guardia Civile e della Polizia Nazionale”.

La reazione di un marocchino dopo aver nuotato in territorio spagnolo.
Un uomo marocchino festeggia dopo il suo arrivo a Ceuta.(

AP Antonio Sempre

)

Ha aggiunto che “le autorità spagnole e marocchine hanno recentemente raggiunto un accordo sul ritorno dei cittadini marocchini che arrivano sulla spiaggia in patria” a Ceuta, e che le autorità di entrambe le parti sono in “costante” contatto.

In contatto con l’Agence France-Presse, lunedì sera le autorità marocchine non hanno ancora risposto.

Tensioni diplomatiche

Durante l’ultimo fine settimana di aprile, circa 100 migranti hanno nuotato a Ceuta in gruppi da 20 a 30. La maggior parte di loro è stata deportata in Marocco.

Ceuta e Melilla – l’altra enclave spagnola in Nord Africa – hanno gli unici confini terrestri dell’Unione europea con l’Africa, rendendoli punti di ingresso popolari per i migranti che cercano una vita migliore in Europa.

Le guardie spagnole trascinano un uomo su un gommone dopo essere arrivate nuotando nell'enclave spagnola di Ceuta.
Le guardie spagnole trascinano un uomo su un gommone dopo essere arrivate nuotando nell’enclave spagnola di Ceuta.(

Agence France-Presse: Antonio Sempre

)

I migranti cercano di raggiungere le enclavi nuotando lungo la costa o arrampicandosi sugli alti recinti di confine che li separano dal Marocco.

I dati diffusi dal ministero dell’Interno spagnolo mostrano che tra il 1 gennaio e il 15 maggio 475 migranti sono arrivati ​​a Ceuta via terra o via mare, già più del doppio dei 203 arrivi nello stesso periodo dell’anno scorso.

Mohamed Benaissa, capo dell’Osservatorio settentrionale per i diritti umani a Fnideq, a pochi chilometri dal Marocco, ha detto che la maggioranza di coloro che sono arrivati ​​dalla parte spagnola erano “minori, giovani uomini e famiglie, tutti marocchini”.

L’ondata di arrivi arriva in un momento di tensione diplomatica tra Madrid e Rabat, dopo che è stato rivelato che il leader del Fronte Polisario, Ibrahim Ghali, è arrivato nel nord della Spagna a metà aprile ed è in cura in ospedale per il nuovo Corona virus .

Un ufficiale civile della Guardia spagnola è in piedi accanto a un gruppo di uomini marocchini che cercano di entrare in Spagna.
I migranti cercano di raggiungere le enclavi nuotando lungo la costa o arrampicandosi sugli alti recinti di confine che li separano dal Marocco.(

AP Antonio Sempre

)

Il Fronte Polisario si batte da tempo per l’indipendenza del Sahara occidentale dal Marocco e gli analisti hanno avvertito che la disputa potrebbe minacciare la cooperazione bilaterale tra Madrid e Rabat nella lotta all’immigrazione illegale.

Benaissa ha detto che l’afflusso di rifugiati lunedì “potrebbe essere collegato alla crisi diplomatica tra Marocco e Spagna”.

Francia Agenzia di stampa

READ  Il piano radicale di Singapore per far fronte al COVID-19