Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’astronauta australiano Kim Ellis Hayes si allena con la NASA prima di andare nello spazio

Attualmente mi sto allenando per diventare la prima astronauta donna australiana.

Mi aspetto di fare la mia prima missione suborbitale nel 2023 come specialista del carico utile in una missione commerciale.

In altre parole, sarò uno dei pochi membri dell’equipaggio certificati in grado di gestire apparecchiature scientifiche specializzate su un veicolo spaziale suborbitale.

Una volta arrivati ​​lì, io e il mio team prevediamo di condurre ricerche sull’atmosfera terrestre. È un’opportunità che considero fuori dal mondo. Ma ci sono voluti molti sforzi per realizzare questo sogno.

La mia strada per lo spazio

Come professionista STEM donna e professionista legale, il mio lavoro precedente includeva il lavoro come ricercatrice mineraria e mineraria per BHP-Billiton, Rio Tinto e l’Australian Nuclear Science and Technology Organization (ANSTO) – ma ho sempre amato lo spazio.

Dopo aver combinato le mie due lauree con due lauree in giurisprudenza, ho vinto una borsa di studio dell’Università Spaziale Internazionale. Di recente ho ricevuto un Endeavour Executive Award dal governo australiano per un progetto al Kennedy Space Center della NASA. Detto questo, mi sono orientato verso una carriera nell’industria spaziale, senza mai voltarmi indietro.

Studenti e docenti dell'International Space University nel 2012.
Studenti e docenti della International Space University nel 2012, davanti allo shuttle Atlantis al Kennedy Space Center.(

Fornitore: Kim Ellis Hayes

)

Selezionato come candidato scienziato PoSSUM (Polar Subtropical Science Upper Mesosphere) Ambasciatore 2021. PoSSUM è un programma di ricerca e formazione statunitense senza fini di lucro gestito dall’International Institute of Astronautics (IIAS).

Il programma utilizza veicoli spaziali suborbitali di nuova generazione per studiare l’atmosfera superiore e il suo ruolo potenziale nel cambiamento climatico globale. In generale, un volo spaziale suborbitale è qualsiasi volo che raggiunge un’altitudine superiore a 80 chilometri ma non sfugge alla gravità terrestre per trasformarsi in orbita.

Tutto ciò che supera gli 80 chilometri è considerato “spazio” secondo la legislazione degli Stati Uniti, anche se alcuni paesi, inclusa l’Australia, non sono d’accordo con questo e il dibattito su dove inizia lo “spazio” – è anche chiamato linea Kerman – Continua.

Kate Ellis Hayes con la delegazione vittoriana all'International Space Trade Summit nel 2019.
Nel 2019, Kim Ellis Hayes (terzo da destra) ha guidato la missione Victorian Space Commerce negli Stati Uniti. Girato qui in Connecticut all’International Space Trade Summit con la delegazione Victoria e Karl Rodrigues dell’Agenzia spaziale australiana(

Fornitore: Kim Ellis Hayes

)

Il mese scorso, le aziende di turismo spaziale commerciale Blue Origin e Virgin Galactic ha completato il primo volo spaziale suborbitale con passeggerisenza ricerca. Questa è stata un’impresa incredibile, che secondo molti potrebbe segnare l’inizio del turismo spaziale commerciale.

Preparati a tutte le possibilità

Per laurearmi come candidato scienziato astronauta PoSSUM, ci sono diversi componenti dell’addestramento accademico e di volo che devo completare prima di poter andare nello spazio.

Durante la mia formazione accademica nel 2020, ho trattato argomenti come la fisiologia del volo spaziale (cosa succede al corpo nello spazio), il supporto vitale nei voli spaziali, la scienza dell’atmosfera e le attrezzature per la ricerca sui voli spaziali.

Il mio addestramento di volo entro la fine dell’anno includerà giornate trascorse con ex addestratori di astronauti della NASA e scienziati del team PoSSUM. Il primo giorno, inizieremo a utilizzare il simulatore di volo spaziale che è attualmente configurato come nave Virgin Galactic Unity 22.

Nei giorni seguenti, riceveremo formazione di alto livello, formazione sulla gestione delle risorse dell’equipaggio, formazione in alta quota e formazione sulle attrezzature, che sarà necessaria per condurre la nostra ricerca. Impareremo come far funzionare una serie di strumenti per misurare le proprietà fisiche dell’atmosfera.

Avremo anche bisogno di sapere come aggirare le tute spaziali, che saranno simili a quelle usate dalla NASA. Le famose tute arancioni sono il sistema di supporto vitale per gli astronauti. Gli astronauti sui voli spaziali orbitali e suborbitali devono indossarli durante il lancio, il volo e il ritorno nel caso in cui debbano uscire dal veicolo spaziale in caso di emergenza o se la pressione del veicolo spaziale diminuisce.

Gli studenti della International Space University posano davanti allo shuttle Atlantis al Kennedy Space Center della NASA
Kim Ellis Hayes (in alto, terzo da destra) con altri della International Space University, di fronte allo Shuttle Atlantis al Kennedy Space Center della NASA.(

Fornitore: Kim Ellis Hayes

)

Avremo anche bisogno di imparare a gestire gli imprevisti come alleviare lo stress. Ciò si verifica quando la pressione all’interno del veicolo spaziale o della tuta spaziale viene ridotta a causa di una perdita. Se la pressione diventa troppo bassa, l’ossigeno respirabile può essere espulso dalla tuta. L’astronauta sperimenterà quindi l’ipossia (mancanza di ossigeno nei tessuti del corpo), che può essere fatale.

o supponiamo di non essere in grado di atterrare dove abbiamo pianificato; La formazione riguarderà come gestire un atterraggio in acqua e una rapida uscita dal veicolo. Dobbiamo essere preparati nel caso in cui un sistema elettrico o fisico si guasti, causando un ambiente pericoloso.

A nessuno piace immaginare che le cose stiano andando male, ma la pianificazione di emergenza è essenziale.

Una curva di apprendimento “ripida” sui voli parabolici

Probabilmente completerò il mio primo viaggio di ricerca nello spazio a bordo della Virgin Galactic, ma data la velocità con cui si stanno evolvendo i veicoli spaziali, potrebbe essere un altro simile.

L'imprenditore Richard Branson nello spazio a bordo della Virgin Galactic Unity 22
L’uomo d’affari Richard Branson è nello spazio a bordo della navicella spaziale Virgin Galactic Unity 22, simile all’auto che Kate Ellis Hayes spera di viaggiare.(

Fornito: Virgin Galactic

)

Il lancio di un’astronave espone il corpo umano a una varietà di forze. Imparare a identificare e gestire i cambiamenti causati da queste forze è fondamentale. Il quarto giorno di allenamento salirò su un acrobata a 317 km/h, dove mi eserciterò nell’uso di attrezzature e tecniche per evitare i blackout durante il volo acrobatico.

Il test finale sarà una serie di voli parabolici che simulano la microgravità su un piano diverso.

Questo viene ripetuto da 20 a 25 volte durante il volo per dimostrare l’assenza di gravità nello spazio. Gli esperimenti vengono condotti durante l’assenza di gravità.

L’ultimo giorno di formazione includerà l’uso della realtà virtuale e aumentata per esercitarsi nella pianificazione delle missioni spaziali. Saremo in grado di lavorare su qualsiasi aspetto della formazione che riterremo necessario prima della valutazione finale.

Se tutto va bene, mi diplomerò con una qualifica FAA come membro dell’equipaggio per qualsiasi volo spaziale negli Stati Uniti (orbitale e suborbitale). Sia la mia formazione che il lavoro che svolgerò sul mio volo suborbitale come specialista del carico utile rientrano nelle linee guida delineate nella FAA circolare consultiva Rilasciato il 20 luglio.

Se non ci sono ulteriori modifiche ai requisiti o ai criteri di idoneità, posso essere nominato per ricevere le suite degli astronauti una volta completata la missione.

Perché cercare nello spazio comunque?

Ma qual è il problema quando si tratta di ricerca spaziale? Ebbene, ad esempio, il volo spaziale consente ai ricercatori di osservare il comportamento dei materiali in assenza di gravità.

Lo studio del comportamento dei materiali in ambienti privi di peso si è rivelato molto utile per gli scienziati. Ad esempio, studiare come un virus si riproduce nello spazio può aiutare gli scienziati a sviluppare vaccini e cure migliori per malattie come il COVID-19.

La maggior parte delle persone ha sentito parlare della Stazione Spaziale Internazionale (ISS); Un laboratorio delle dimensioni di un campo da calcio nello spazio è costantemente in orbita attorno alla Terra. In generale, solo gli astronauti delle agenzie spaziali degli Stati Uniti, della Russia, del Giappone e dell’Europa viaggeranno da e verso la Stazione Spaziale Internazionale in vari veicoli spaziali orbitanti, noti come razzi. La ricerca sulla Stazione Spaziale Internazionale è costosa, lenta e soggetta a lunghi tempi di attesa.

Le compagnie australiane possono sfruttare le opportunità di ricerca offerte dai voli subtropicali negli Stati Uniti. La capacità di completare la ricerca sponsorizzata dall’uomo su un volo di ricerca suborbitale è un’opzione conveniente e quindi un punto di svolta. Ciò significa che le piccole imprese che in precedenza non potevano permettersi il volo spaziale possono ora entrare in gioco.

È un onore potersi allenare per questa missione e spero di avvicinare il sogno dello spazio all’Australia. E insegnando tecnologia spaziale e legge, non vedo l’ora di fare la mia parte nel promuovere l’accesso allo spazio della prossima generazione.

Kim Ellis Hayes è un docente senior di diritto e ricerca spaziale e si sta formando come astronauta laureato nel programma PoSSYM Suborbital Spaceflight presso la Swinburne University of Technology. Questo pezzo è apparso per la prima volta Conversazione.

READ  Il governo olandese ordina un blocco parziale di tre settimane a causa dell'escalation di COVID-19