Maggio 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’aria pulita porta a più uragani nell’Oceano Atlantico

Un nuovo studio del governo degli Stati Uniti ha scoperto che l’aria pulita negli Stati Uniti e in Europa sta fermentando più uragani nell’Atlantico.

Lo studio della National Oceanic and Atmospheric Administration ha collegato i cambiamenti nell’inquinamento atmosferico regionale in tutto il mondo con l’attività di tempesta su e giù.

Una diminuzione del 50% delle particelle e delle goccioline di inquinamento in Europa e negli Stati Uniti è associata a un aumento del 33% della formazione di tempeste atlantiche negli ultimi due decenni.

Questa immagine satellitare fornita dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) mostra cinque tempeste tropicali che si increspano nel bacino atlantico lunedì 14 settembre 2020. Le tempeste da sinistra sono l’uragano Sally sul Golfo del Messico, l’uragano Paulette sulle Bermuda, e un residuo di tempesta tropicale. Renee, le tempeste tropicali Teddy e Vicki. Uno studio pubblicato mercoledì 11 maggio 2022 dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha rivelato che l’aria pulita in Europa e negli Stati Uniti sta contribuendo a causare un aumento significativo del numero di uragani nell’Oceano Atlantico. (NOAA tramite AP) (AFP)

Tuttavia, l’opposto sta accadendo nell’Oceano Pacifico con più inquinamento e meno uragani, secondo lo studio pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances.

Hiroyuki Murakami, uno scienziato degli uragani del NOAA, ha condotto diverse simulazioni al computer del clima per spiegare i cambiamenti nell’attività delle tempeste in diverse parti del mondo che non possono essere spiegati dai cicli climatici naturali e ha trovato una correlazione con l’inquinamento da aerosol dell’industria e delle automobili – particelle di zolfo e goccioline nell’aria che rendono difficile la respirazione e la vista.

Gli scienziati sanno da tempo che l’inquinamento da aerosol raffredda l’aria, a volte diminuendo i maggiori effetti dei gas serra causati dalla combustione di combustibili fossili, e studi precedenti hanno indicato questo come un potenziale per l’aumento delle tempeste nell’Atlantico.

Case distrutte, illuminate dalle luci dei vigili del fuoco, viste dopo che un tornado ha colpito l’area di Arabi, negli Stati Uniti, martedì 22 marzo 2022. Martedì notte un tornado ha attraversato parti di New Orleans e dei suoi sobborghi, distruggendo le linee elettriche e spargendo detriti in una parte della città duramente colpita da un tornado Katrina 17 anni fa. (Stampa Associata/Gerald Herbert) (AFP)

Tuttavia, Murakami ha ritenuto che fosse un lavoratore mondiale e un collegamento più diretto.

Gli uragani hanno bisogno di acqua calda – riscaldata dall’aria – per il carburante e sono danneggiati dal wind shear, che si trasforma in venti di livello superiore che possono decapitare le tempeste.

L’aria pulita nell’Atlantico e l’aria più sporca nel Pacifico, a causa dell’inquinamento in Cina e India, stanno devastando entrambi, ha detto Murakami.

L’inquinamento da aerosol è diminuito costantemente dal 1980. (GT)

Nell’Atlantico, l’inquinamento da aerosol ha raggiunto il picco intorno al 1980 e da allora è in costante calo. Ciò significa che il raffreddamento che ha mascherato parte del riscaldamento causato dai gas serra sta svanendo e le temperature della superficie del mare stanno aumentando ancora di più, ha affermato Murakami.

Inoltre, la mancanza di aerosol di refrigerante ha contribuito a spingere la corrente a getto, il fiume d’aria che sposta il clima da ovest a est su un binario simile a montagne russe, a nord, riducendo il taglio che stava scoraggiando la formazione di uragani.

Come sarà l’innalzamento del livello del mare nel mondo

“Questo è il motivo per cui l’Atlantico è stato piuttosto folle dalla metà degli anni ’90 e perché era così calmo negli anni ’70 e ’80”, ha affermato il climatologo e uragano Jim Kosin della società di rischio The Climate Service.

Non faceva parte dello studio, ma ha detto che aveva senso.

I residenti di Lismore sono sopraffatti e chiedono più aiuto quando l'impatto delle inondazioni diventa chiaro.
Nel 2022, il New South Wales ha registrato un aumento delle precipitazioni senza precedenti a causa di La Niña poiché molte città della costa orientale dell’Australia come Lismore hanno subito inondazioni improvvise di massa. (9 notizie)

L’inquinamento da aerosol ha dato una pausa a molte persone negli anni ’70 e ’80, ma ora lo stiamo pagando tutti.

Ci sono altri fattori nell’attività dei cicloni tropicali con La Nina ed El Niño – le fluttuazioni naturali delle temperature tropicali dell’Oceano Pacifico che alterano il clima in tutto il mondo – che sono enormi.

Un’altra cosa, ha detto Murakami, è il cambiamento climatico causato dai gas serra causati dall’uomo, che aumenterà man mano che i livelli di inquinamento da aerosol diminuiranno e ci saranno altre oscillazioni climatiche naturali a lungo termine.

Forti piogge sono cadute sulla Gold Coast, poiché le onde agitate hanno costretto la chiusura delle spiagge.
Forti piogge sono cadute sulla Gold Coast, poiché le onde agitate hanno costretto la chiusura delle spiagge. (Città della Costa d’Oro)

Murakami, Kosen e altri scienziati hanno affermato che il cambiamento climatico causato dai gas serra dovrebbe ridurre leggermente il numero totale di tempeste, ma aumentare il numero e la forza degli uragani più gravi, renderli più umidi e aumentare le inondazioni.

Sebbene il raffreddamento mediante aerosol sia probabilmente da metà a un terzo inferiore al riscaldamento dovuto ai gas serra, è quasi altrettanto efficace nel ridurre l’intensità dei cicloni tropicali quanto aumentare il riscaldamento; studio.

Poiché l’inquinamento da aerosol rimane a livelli bassi nell’Atlantico e le emissioni di gas serra aumentano, l’impatto del cambiamento climatico sulle tempeste future aumenterà e diventerà più importante, ha affermato Murakami.

Una vista deserta del fiume Yamuna senza acqua a Kadusya Ghat ISBT il 1 maggio 2022 a Nuova Delhi, India. (Hindustan Times tramite Getty Images)

Nel Pacifico, l’inquinamento da aerosol dei paesi asiatici è aumentato del 50% dal 1980 al 2010 e ora sta diminuendo. La formazione di cicloni tropicali dal 2001 al 2020 è stata del 14% inferiore rispetto al periodo dal 1980 al 2000, ha affermato Murakami.

Murakami ha anche trovato un’associazione leggermente diversa a sud. Una diminuzione dell’inquinamento da aerosol europeo e americano ha alterato i modelli dell’aria globale in un modo che significa una riduzione delle tempeste dell’emisfero meridionale intorno all’Australia.

Per quanto più uragani atlantici potrebbero essere un problema, le morti per ulteriori tempeste non sono paragonabili ai sette milioni di persone ogni anno in tutto il mondo che muoiono a causa dell’inquinamento atmosferico, ha affermato Kristi Ibe, professore di salute pubblica all’Università di Washington che studia salute . Il clima e il clima rigido.

“L’inquinamento atmosferico è un killer importante, quindi ridurre le emissioni è fondamentale indipendentemente da ciò che accade con il numero di uragani”, ha affermato Ibe, che non faceva parte dello studio.

READ  L'OMS ritira la teoria della fuga di laboratorio di Covid-19 in Cina