Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’anno in cui la Russia ha vissuto una crisi energetica globale

(Reuters) – Per il settore energetico, il 2022 sarà ricordato come l’anno in cui l’invasione russa dell’Ucraina ha provocato una crisi energetica globale.

L’invasione e le successive sanzioni occidentali hanno accumulato nuove pressioni sulle forniture di petrolio e gas già messe a dura prova dalla rapida ripresa economica dalla pandemia.

Le principali compagnie energetiche del mondo hanno resistito a un frettoloso ritiro dalla Russia e hanno svalutato attività per decine di miliardi di dollari. Le nazioni europee si sono affrettate per assicurarsi di poter mantenere le luci accese e le loro popolazioni dal congelamento a morte

I prezzi del gas naturale sono ai massimi pluriennali e il petrolio è vicino ai 140 dollari al barile, non lontano dal record di tutti i tempi, alimentando una spirale inflazionistica dopo che la pandemia ha causato una crisi del costo della vita in molti paesi.

L’invasione e le successive sanzioni occidentali hanno interrotto i rapporti di fornitura che esistevano da decenni.

Le principali economie del mondo si sono affrettate a trovare fonti di energia, utilizzando qualsiasi cosa potessero trovare per mantenere le luci accese. I governi hanno spinto per accelerare la diffusione dell’energia solare ed eolica, ma anche per acquistare carbone. Gli obiettivi sul cambiamento climatico sono andati indietro.

I governi hanno speso miliardi di dollari per supportare le principali utility come la tedesca Uniper. Il Sudafrica ha vissuto i peggiori blackout della storia. Lo Sri Lanka, che è a corto di riserve di liquidità estere, ha semplicemente esaurito il carburante.

Perchè importa

L’invasione russa dell’Ucraina ha spinto i paesi europei a rivalutare i loro rapporti con quel paese, che è stato a lungo il principale fornitore di gas naturale del continente.

READ  Il primo ministro italiano Draghi dice che non rimarrà in carica se i partiti si ritirano dalla coalizione Di Reuters

Da allora i paesi occidentali hanno discusso e iniziato a implementare un tetto massimo per il prezzo del petrolio russo, mentre l’Europa sta discutendo un tetto massimo per il prezzo del gas e sta investendo di più nel gas naturale liquefatto (GNL) per soddisfare il fabbisogno energetico.

“Non vediamo niente di meno che porre fine a una partnership di successo di 50 anni sul gas tra Russia ed Europa”, ha affermato Michael Stoppard, consulente speciale e analista globale del gas presso S&P Global Commodity Insights. “Porterà a una ricalibrazione della domanda e dell’offerta e ciò richiederà tempo, e ne soffriremo il dolore nel 2023 e oltre”.

Questa divisione è evidente in molti paesi. La Polonia è il mercato in più rapida crescita in Europa in termini di aggiunta di pompe di calore. Allo stesso tempo, le regole per ridurre lo smog sono state rinviate e sempre più residenti stanno bruciando qualunque materiale possano utilizzare, che si tratti di lignite dannosa e rifiuti per riscaldare le loro case. Il sindaco, Michał Peszko, ha detto che le persone a Klodzko, una città di 28.000 abitanti nel sud-ovest della Polonia, stanno risparmiando rifiuti per il carburante.

Cosa significa per il 2023?

Il caos non è finito. Le principali economie industriali si stanno preparando per i limiti di offerta anche nel 2023, se non per anni a venire.

I governi degli Stati Uniti e dell’Europa si sono pubblicamente spostati per sostenere le forniture strategiche “amichevoli” agli alleati, indipendentemente dal potenziale costo elevato, e hanno promosso l’uso di pacchetti fiscali e di aiuti per sviluppare risorse nucleari, solari, eoliche e di idrogeno . Le loro mosse non sono intese solo come una risposta specifica alla Russia, ma anche per contrastare la Cina, sviluppando risorse per compensare il predominio di quel paese nella produzione di pannelli solari e nell’estrazione di materiali chiave per le batterie.

READ  La crisi della catena di approvvigionamento ha causato una carenza di imprenditori locali

“Sarà visto come un anno fondamentale, o davvero l’inizio di un sistema completamente nuovo”, ha dichiarato Francesco Staras, amministratore delegato di Enel in Italia, una delle più grandi società energetiche del mondo. “’22 e parte del ’23 diremo tutti: ‘È stato allora che sono successe tutte queste cose sulla dipendenza. È un anno di abitudini spezzate e cambiamenti molto evidenti.'”

Verso la fine dell’anno, i costi del gas naturale e del combustibile per riscaldamento sono diminuiti a causa del rallentamento dell’attività economica. Ma le persone stanno ancora lottando e potrebbero continuare a farlo per qualche tempo poiché la carenza di offerta causa ulteriori shock sui prezzi.

“Riscaldo solo la stanza in cui mi trovo e accendo il riscaldamento solo per un’ora. Poi mi siedo con un maglione, un cappello e un cappotto”, ha detto Ruth Gohan, disoccupata a Coventry, in Inghilterra, che non può permettersi per riscaldare tutta la sua casa in inverno.

Scopri il Reuters gruppo di notizie che ha dominato l’anno e le previsioni per il 2023.

Segnalazione di David Gavin. Segnalazioni aggiuntive di Bozorgmehr Sharafeddine a Londra e Marek Strzelecki a Varsavia. Montaggio di Lisa Shumaker

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.