Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Voyager 1 invia i dati dopo che la NASA ha riparato da remoto la sonda vecchia di 46 anni | spazio

La Voyager 1 invia i dati dopo che la NASA ha riparato da remoto la sonda vecchia di 46 anni |  spazio

La navicella spaziale più distante sulla Terra, la Voyager 1, ha ripreso a comunicare correttamente con la NASA dopo che gli ingegneri hanno lavorato per mesi per riparare a distanza la sonda vecchia di 46 anni.

Il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA, che costruisce e gestisce la navicella spaziale robotica dell'agenzia, ha detto a dicembre Che la sonda, a più di 24 miliardi di chilometri di distanza, stava inviando codici senza senso alla Terra.

In Aggiornamento diffuso lunedìIl JPL ha annunciato che il team della missione è stato in grado “dopo alcune indagini innovative” di ottenere dati utilizzabili sulla salute e le condizioni dei sistemi ingegneristici della Voyager 1. “Il passo successivo è consentire alla navicella spaziale di iniziare nuovamente a restituire dati scientifici”, ha affermato il JPL. Ha aggiunto che, nonostante il difetto, la Voyager 1 ha sempre funzionato normalmente.

Lanciata nel 1977, la Voyager 1 è stata progettata con l'obiettivo principale di effettuare studi ravvicinati di Giove e Saturno in una missione di cinque anni. Tuttavia, il suo viaggio è continuato e la navicella spaziale si avvicina ormai al mezzo secolo di attività.

La Voyager 1 è entrata nello spazio interstellare nell'agosto 2012, diventando il primo oggetto creato dall'uomo a uscire dal sistema solare. Attualmente sta viaggiando a 37.800 mph (60.821 km/h).

L'ultimo problema riguarda uno dei tre computer a bordo della navicella spaziale, responsabile dell'inserimento dei dati scientifici e ingegneristici prima dell'invio sulla Terra. Impossibile riparare un chip rotto, il team del JPL ha deciso di spostare il codice danneggiato altrove, un compito difficile data la tecnologia obsoleta.

I computer della Voyager 1 e della sorella Voyager 2 avevano meno di 70 kilobyte di memoria in totale, l'equivalente di un'immagine di un computer a bassa risoluzione. Usano il vecchio nastro digitale per registrare i dati.

READ  L.A. I ricoveri per Covid aumentano, provocando l'avviso per la festa della mamma - NBC Los Angeles

La correzione è stata inviata dalla Terra il 18 aprile, ma ci sono voluti due giorni per valutare se avesse avuto successo, poiché occorrono circa 22 ore e mezza perché un segnale radio raggiunga la Voyager 1 e altre 22 ore e mezza per la risposta a tornare nello spazio. Terra. “Quando la squadra di volo della missione ha ricevuto una risposta dal veicolo spaziale il 20 aprile, ha visto che la modifica funzionava”, ha detto il JPL.

Insieme al suo annuncio, JPL ha pubblicato una foto dei membri della squadra di volo della Voyager che esultano e applaudono in una sala conferenze dopo aver ricevuto dati utilizzabili, con laptop, notebook e biscotti sul tavolo davanti a loro.

L'astronauta canadese in pensione Chris Hadfield, che ha volato in due missioni dello Space Shuttle e ha servito come comandante della Stazione Spaziale Internazionale, ha paragonato la missione del JPL alla manutenzione a lunga distanza di una vecchia automobile.

“Immaginate che un chip di computer si sia rotto nella vostra macchina nel 1977. Ora immaginate che sia nello spazio interstellare, a 15 miliardi di miglia di distanza”, ha detto Hadfield. Scritto su X. “La sonda Voyager della NASA è stata riparata da questo team di straordinari meccanici software.

Le navi Voyager 1 e 2 hanno fatto molte scoperte scientifiche, comprese registrazioni dettagliate di Saturno e la rivelazione che anche Giove ha degli anelli, nonché attività vulcanica attiva su una delle sue lune, Io. Successivamente le sonde scoprirono 23 lune nuove attorno ai pianeti esterni.

Poiché il loro percorso le allontana dal Sole, le sonde della Voyager non sono in grado di utilizzare pannelli solari e convertono invece il calore generato dal naturale decadimento radioattivo del plutonio in elettricità per alimentare i sistemi della navicella.

READ  Uno studio conferma che l'arte rupestre spagnola è stata realizzata da uomini di Neanderthal

La NASA spera di continuare a raccogliere dati dalle due navicelle Voyager per molti altri anni, ma gli ingegneri prevedono che le sonde saranno troppo fuori portata per comunicare entro circa un decennio, a seconda della quantità di energia che possono generare. La Voyager 2 è un po' indietro rispetto alla sua gemella e si muove un po' più lentamente.

Tra circa 40.000 anni, le due sonde passeranno relativamente vicine, in termini astronomici, a due stelle. La Voyager 1 arriverà a 1,7 anni luce da una stella nella costellazione dell'Orsa Minore, mentre la Voyager 2 arriverà a una distanza simile da una stella chiamata Ross 248 nella costellazione di Andromeda.