Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La stabilità dell’economia dell’Eurozona nel quarto trimestre

La stabilità dell’economia dell’Eurozona nel quarto trimestre

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’economia della zona euro è stata stagnante negli ultimi tre mesi dello scorso anno, colpita dalla contrazione della produzione tedesca e dalla cessazione della crescita francese, che hanno compensato una ripresa più forte del previsto in Spagna e Italia.

La performance stabile delle 20 economie che utilizzano l’euro è stata migliore della contrazione dello 0,1% prevista dagli economisti in un sondaggio Reuters. Ciò fa seguito ad un calo dello 0,1% nel trimestre precedente e ha significato che la zona euro è cresciuta dello 0,5% lo scorso anno, ha riferito l’ufficio statistico dell’Unione Europea. Egli ha detto Martedì.

Ciò ha lasciato il blocco alle spalle degli Stati Uniti, che la scorsa settimana si sono affermati come l’economia avanzata a più rapida crescita del mondo nel 2023, con una crescita annua del 3,1%. Il governo cinese ha recentemente stimato che la sua economia è cresciuta del 5,2% lo scorso anno.

“L’Europa si sta ancora riprendendo dallo shock energetico in corso e non ha visto negli ultimi anni lo stesso grado di stimolo fiscale dell’economia statunitense, più resiliente”, ha affermato Nicola May, analista del credito sovrano presso la società di investimento Pimco.

Il principale ostacolo alla crescita della zona euro è l’economia tedesca, che si è contratta dello 0,3% nel periodo in esame, colpita da un calo degli investimenti in costruzioni, macchinari e attrezzature, ha detto martedì l’agenzia statistica tedesca, confermando una stima preliminare all’inizio di questo mese.

READ  La startup Etioca punta alla quotazione del Nasdaq l'anno prossimo quando svela il taxi elettrico

Lo stallo del PIL francese nel quarto trimestre ha fatto seguito a un risultato simile nel terzo trimestre, che martedì è stato rivisto al rialzo rispetto a una precedente stima di una contrazione dello 0,1% da parte dell'agenzia statistica francese Insee.

Al contrario, l’economia italiana ha fornito una spinta dopo un’espansione dello 0,2% durante questo periodo grazie all’aumento della produzione nell’industria e nei servizi che ha compensato la debole domanda interna. Ciò rappresenta una crescita dello 0,1% nel trimestre precedente ed è più forte delle previsioni di recessione in un sondaggio Reuters.

Anche l'economia spagnola ha accelerato più velocemente di quanto previsto dagli economisti con una crescita trimestrale dello 0,6%, l'espansione più forte dell'anno, grazie alla crescente domanda interna.

L'ufficio statistico spagnolo ha anche affermato che l'aumento dei prezzi dell'elettricità, che riflette la graduale eliminazione delle agevolazioni fiscali, ha causato un aumento inaspettato dell'inflazione dal 3,3% di dicembre al 3,5% di gennaio. Gli economisti si aspettavano un rallentamento al 3,1%.

Gli investitori staranno attenti a vedere se l’inflazione in tutto il blocco scenderà come previsto al 2,8% a gennaio dal 2,9% di un mese fa, quando i dati sui prezzi verranno pubblicati giovedì. Questi numeri saranno un indicatore chiave di quanto la Banca Centrale Europea sia vicina al taglio dei tassi di interesse.

I dati pubblicati martedì mostrano che l’economia spagnola è cresciuta del 2,5% lo scorso anno, mentre la Francia è cresciuta dello 0,9% e l’Italia dello 0,7%. Nel corso dell’anno l’economia tedesca ha tuttavia registrato una contrazione dello 0,3%.

“I dettagli provenienti da Francia e Spagna, così come i rapporti italiano e tedesco, suggeriscono che la domanda interna ha frenato la crescita, mentre il commercio netto ha fornito una spinta”, ha affermato Melanie Debono, economista presso la società di consulenza Pantheon Macroeconomics.

READ  Inter Parfums svilupperà le fragranze Roberto Cavalli dall'Italia

Gli economisti si aspettano che l’economia della zona euro si riprenda leggermente quest’anno, poiché la minore inflazione e la continua crescita dei salari aumentano il potere d’acquisto dei consumatori. Anche un mercato del lavoro forte, con la disoccupazione che ha raggiunto il minimo storico del 6,4% a novembre, sosterrà la domanda.

Tuttavia, i governi stanno ritirando molti dei sussidi energetici e alimentari forniti per attutire l’impatto dell’aumento del costo della vita seguito all’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia, che potrebbe compromettere qualsiasi ripresa.

La settimana scorsa la Commissione Europea ha dichiarato che la sua stima preliminare per l'indice della fiducia dei consumatori mostrava che era sceso di un punto a meno 16,1 nella zona euro, collocandolo al di sotto della media a lungo termine.

Secondo un sondaggio condotto dai direttori degli acquisti pubblicato da S&P Global la scorsa settimana, le imprese della zona euro erano ancora alle prese con una domanda debole all’inizio di quest’anno, secondo cui l’attività ha continuato a diminuire a gennaio, anche se al ritmo più lento degli ultimi sei mesi. .

“Il previsto calo dell’inflazione dovrebbe contribuire a sostenere le finanze delle famiglie, anche se questo impatto positivo sarà almeno parzialmente compensato da condizioni finanziarie meno favorevoli”, ha affermato Diego Escaro, economista di S&P Global.