Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La specie di ittiosauro appena scoperta era un oceano di dinosauro gigante

Il cranio della prima creatura gigante che abbia mai abitato la Terra, l’ittiosauro “Cymbospondylus youngorum” è attualmente in mostra al Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles (NHM). Credito: Fotografia di Natalia Kent, per gentile concessione del Los Angeles County Museum of Natural History (NHM)

Il cranio lungo due metri della specie appena scoperta di ittiosauri giganti, i più antichi ittiosauri conosciuti, getta nuova luce sulla rapida crescita dei rettili marini per diventare giganti negli oceani dei dinosauri e ci aiuta a comprendere meglio il viaggio dei moderni cetacei (balene e delfini) per diventare gli animali più grandi che siano mai vissuti sulla terra.

Mentre i dinosauri dominavano la Terra, gli ittiosauri e altri rettili acquatici (che certamente non erano dinosauri) dominavano le onde, raggiungendo dimensioni gigantesche e diversità di specie. Evolundo le pinne idrodinamiche e le forme del corpo viste sia nei pesci che nelle balene, gli ittiosauri hanno nuotato negli oceani antichi per quasi l’intera età dei dinosauri.

C. Yongorum Ricostruzione dell'ittiosauro

La resurrezione di “C. youngorum” che si aggirava negli oceani del Nevada nel tardo Triassico 246 milioni di anni fa. Credito: illustrazione di Stephanie Abramovich, per gentile concessione del Museo di storia naturale della contea di Los Angeles (NHM)

L’autore principale, il dottor Martin Sander, paleontologo dell’Università di Bonn e ricercatore associato presso il Dinosaur Institute presso il Museo di storia naturale della contea di Los Angeles (NHM), afferma. Dalle prime scoperte scheletriche nel sud dell’Inghilterra e in Germania più di 250 anni fa, questi “pesci sauri” sono stati tra i primi grandi rettili fossili conosciuti dalla scienza, molto prima dei dinosauri, e da allora hanno catturato l’immaginazione popolare.

Scavato da un’unità rocciosa chiamata Fossil Hill Member nelle montagne di Augusta in Nevada, il cranio ben conservato, insieme a parte della colonna vertebrale, della scapola e della cresta, risale a est triassico (247,2-237 milioni di anni fa), che rappresenta il caso più antico di un ittiosauro che ha raggiunto proporzioni epiche. La dimensione di un grande capodoglio che misura oltre 17 metri (55,78 piedi), appena nominato Cymbospondylus youngorum È l’animale più grande scoperto finora da quel periodo di tempo, a terra o in mare. In effetti, è stata la prima creatura gigante a vivere sulla Terra come la conosciamo.

Monti Augusti

A causa della sua posizione remota, i fossili sono stati scoperti solo di recente nei Monti Augusta. Un team internazionale di scienziati guidati dal Dr. Sander ha iniziato a raccogliere da terreni pubblici lì 30 anni fa, con scoperte fossili che si sono unite al Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles (NHM), dal 2008. Credito: per gentile concessione di Lars Schmitz

Il significato della scoperta non è stato immediatamente chiaro”, osserva il dott. Sander, “perché solo poche vertebre sono state esposte sul lato della valle. Tuttavia, l’anatomia delle vertebre suggerisce che l’estremità anteriore dell’animale potrebbe ancora nascondersi nelle rocce. Poi, in una fredda giornata di settembre del 2011, l’equipaggio aveva bisogno di riscaldarsi e ha testato questo suggerimento scavando, trovando il cranio, gli arti anteriori e l’area del torace”.

READ  Gli astronauti di SpaceX Crew-2 lasciano la stazione spaziale domenica: guardalo in diretta

Il nuovo nome della specie, C. Youngorum, felice coincidenza, lavoro sul campo sponsorizzato dalla Great Basin Brewery di Reno, di proprietà e gestito da Tom e Bunda Young, inventori della famosa birra locale Icky che presenta un ittiosauro sulla sua etichetta.

scala di ittiosauro

Il volontario del Museo di storia naturale della contea di Los Angeles (NHM) presso il Dinosaur Institute Fiji cardo si trova accanto al cranio di “Cymbospondylus youngorum” durante la preparazione del campione. Fonte immagine: Fotografia di Martin Sander, per gentile concessione del Los Angeles County Museum of Natural History (NHM)

In altre catene montuose del Nevada, i paleontologi hanno recuperato fossili di calcare, scisto e fango del membro di Fossil Hill dal 1902, aprendo una finestra sul Triassico. Le montagne collegano il nostro presente con antichi oceani e hanno prodotto molte specie di ammoniti, gli antenati squamosi dei moderni cefalopodi come calamari e polpi, nonché rettili marini. Tutti questi esemplari animali sono noti collettivamente come la Fauna Fossil Hill, che rappresenta molti Jim Youngoromprede e concorrenti.

Jim Youngorom Hanno inseguito gli oceani circa 246 milioni di anni fa, o solo circa tre milioni di anni dopo che le pinne del primo ittiosauro si erano bagnate, un tempo sorprendentemente breve per diventare così grande. Un naso allungato e denti conici lo indicano Jim Youngorom Si nutrivano di calamari e pesci, ma le loro dimensioni consentivano di cacciare anche piccoli rettili marini e giovani.

ittiosauro ammonite

Il fossile di ittiosauro è circondato da gusci di ammonite, la fonte di cibo che potrebbe aver alimentato la sua crescita fino a dimensioni gigantesche. Fonte immagine: Georg Olechinsky, per gentile concessione dell’Università di Bonn, Germania

Forse il predatore gigante aveva una forte concorrenza. Attraverso complessi modelli computazionali, gli autori hanno esaminato l’energia potenziale che passa attraverso la rete alimentare della fauna di Fossil Hill, ricreando l’ambiente antico attraverso i dati e scoprendo che le reti trofiche marine erano in grado di supportare alcuni grandi ittiosauri carnivori. Proliferarono ittiosauri di varie dimensioni e strategie di sopravvivenza, simili ai moderni cetacei: da delfini relativamente piccoli a giganteschi balenotteri che si nutrono di filtri, e capodogli giganti cacciatori di calamari.

READ  Dopo il ritardo del lancio di SpaceX, Musk afferma che è necessaria una riforma affinché l'umanità diventi una "civiltà spaziale"

Co-autore e progettista ambientale Dr. C. youngourum Dovrebbe essere molto meno di quanto suggerito dal nostro censimento sul campo. Le prestazioni ambientali di questa rete alimentare da modelli ecologici erano così interessanti che i produttori primari ad alto rendimento erano assenti. mesozoico Le reti alimentari sono state un fattore importante nell’evoluzione delle dimensioni delle balene”.

Riepilogo ittiosauro

Figura dal testo che confronta “C. youngorum” con il moderno capodoglio, nonché i tassi di evoluzione delle dimensioni corporee nel tempo tra ittiosauri e cetacei. Le linee rivolte verso l’alto indicano taglie più grandi mentre le linee rivolte verso il basso indicano taglie più piccole. Il tempo è indicato dal punto di origine del gruppo fino alla sua estinzione (per gli ittiosauri) o presente (per le balene). Crediti: illustrazione di Stephanie Abramovich, per gentile concessione del Los Angeles County Museum of Natural History (NHM)

Le balene e gli ittiosauri condividono più di una gamma di dimensioni. Hanno piani fisici simili, ed entrambi sono sorti inizialmente dopo l’estinzione di massa. Queste somiglianze li rendono scientificamente preziosi per lo studio comparativo. Gli autori hanno combinato la modellazione al computer con la paleontologia tradizionale per studiare come questi animali marini hanno raggiunto indipendentemente dimensioni record.

“Un aspetto abbastanza unico di questo progetto è la natura integrativa del nostro approccio. Abbiamo prima dovuto descrivere in dettaglio l’anatomia del cranio gigante e determinare in che modo questo animale fosse correlato ad altri ittiosauri”, afferma l’autore senior Dr. Lars Schmitz, professore di biologia presso la Scripps School of Dinosaur Research and Research. “Non ci siamo fermati qui, perché volevamo capire il significato della nuova scoperta nel contesto del modello evolutivo su larga scala degli ittiosauri e delle dimensioni del corpo delle balene, e come potrebbe funzionare l’ecosistema fossile di Fossil Hill Fauna. Sia evolutivo che le analisi ecologiche hanno richiesto una grande quantità di calcolo, con conseguente infine alla confluenza della modellazione con la paleontologia tradizionale.

READ  È stato rilevato uno "tsunami" da record di onde gravitazionali

Hanno scoperto che mentre le balene e gli ittiosauri evolvevano ciascuno di dimensioni corporee molto grandi, i loro percorsi evolutivi verso il gigantismo erano diversi. Gli ittiosauri hanno avuto un aumento iniziale delle dimensioni, diventando giganti all’inizio della loro storia evolutiva, mentre le balene hanno impiegato più tempo per raggiungere i loro enormi limiti esterni. Trovano una connessione tra le grandi dimensioni e la caccia alla preda – pensa a un capodoglio che si tuffa per cacciare calamari giganti – e una connessione tra le grandi dimensioni e la perdita dei denti – pensa alle balene giganti che si nutrono di filtri che sono gli animali più grandi mai nidificati sulla Terra .

L’incursione iniziale degli ittiosauri nel gigantismo probabilmente fu dovuta alla mutazione nelle ammoniti e nei conodonti senza mascelle simili ad anguille per riempire il vuoto ecologico dopo l’estinzione di massa alla fine del Permiano. Sebbene i loro percorsi evolutivi fossero diversi, sia le balene che gli ittiosauri facevano affidamento sullo sfruttamento di nicchie nella catena alimentare per renderli davvero grandi.

“Come ricercatori, parliamo spesso di somiglianze tra ittiosauri e cetacei, ma raramente entriamo nei dettagli. Questo è uno dei motivi per cui questo studio si distingue, perché ci ha permesso di esplorare e ottenere ulteriori informazioni sull’evoluzione delle dimensioni del corpo all’interno di questi gruppi marini. .” Quadrilateri“Un altro aspetto interessante è questo”, afferma il dott. Jorge Vélez-Guarps, assistente curatore per la mammologia (mammiferi marini) presso l’NHM. Cymbospondylus youngorum Il resto della fauna di Fossil Hill è una testimonianza della resilienza della vita oceanica dopo la peggiore estinzione di massa nella storia della Terra. Si può dire che questo è il primo grande attacco di un quadrupede negli oceani”.

Riferimento: “Il gigantismo precoce rivela un’evoluzione più rapida delle grandi dimensioni corporee negli ittiosauri rispetto ai cetacei” di B. Martin Sander, Eva Maria Greebler, Nicole Klein, Jorge Velez Stocking, Tanya Winterrich e William J. Revell & Lars Schmitz, 24 dicembre 2021 Disponibile qui. Scienza.
DOI: 10.1126 / science.abf5787

Jim Youngorom Sarà permanentemente ospitato nel Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles, dove è attualmente in mostra. visita NHM.ORG/ittiosauro Per saperne di più.