Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La sostenitrice dei diritti delle donne afgane Mitra Hosseini si è stabilita in Australia, ma la sua battaglia non è ancora finita

Seduta nel suo ufficio a Coffs Harbor, Mitra Hosseini sta solo ora iniziando a cimentarsi con gli ultimi 12 mesi della sua vita.

A quel tempo, è fuggita dalla sua casa in Afghanistan e dai talebani che l’hanno presa di mira, si è fatta una nuova vita nel nord del New South Wales e ora sta combattendo per portare la sua famiglia fuori dall’Afghanistan.

Molto prima della caduta di Kabul, venne all’attenzione dei talebani per le ragioni sbagliate.

“Ero una persona che credeva fermamente nell’emancipazione delle donne e credeva fermamente che le ragazze dovessero ricevere un’istruzione”, ha detto.

Una foto di Mitra che tiene un discorso a Kabul nel 2018.
Mitra Al-Husseini durante un discorso a una conferenza in Afghanistan nel 2018.(In dotazione: Mitra Husseini)

Lavorando con le Nazioni Unite, la signora Al-Hussaini ha condotto campagne e corsi per educare i giovani afgani sui diritti delle donne, in particolare conversazioni sul consenso sessuale.

Ha detto che era una posizione che ha inserito nella lista dei talebani.

Telefonata anonima

Il primo incontro della signora Hussainiya con i talebani è avvenuto nell’ottobre 2019, mentre era in viaggio nella provincia rurale di Bamiyan.

Dopo uno scontro a fuoco con giovani afgani a un seminario sulla soddisfazione sessuale, ha detto di aver ricevuto una telefonata agghiacciante.

Mitra con un gruppo di uomini tra cui Harid Karzai, ex presidente dell'Afghanistan
Mitra Al-Husseini (al centro) incontra l’ex presidente afghano Hamid Karzai e altre figure politiche per discutere di questioni scottanti.(In dotazione: Mitra Husseini)

La signora Husseini credeva che gli uomini che la criticavano per aver promosso l’importanza del consenso sessuale dessero loro il suo nome.

La persona che l’ha chiamata anonima ha detto che il suo numero di targa era stato dato ai talebani.

Dissero che la sua auto doveva essere parcheggiata nel distretto di Jalreez, in un noto villaggio controllato dai talebani, dove credeva di essere stata probabilmente assassinata.

penso che [the boy] Me l’ha detto forse perché faceva parte del gruppo [that informed the Taliban] Ha cambiato posizione”.

Fuga da Kabul

Due anni dopo, quando i talebani iniziarono la loro rapida ascesa al potere, Husseini si rese conto che doveva andarsene.

Una settimana dopo che il gruppo aveva preso il controllo di Kabul, ha iniziato a prendere provvedimenti per fuggire con l’aiuto dei contatti occidentali, nonostante le suppliche della sua famiglia di restare.

I contatti del suo lavoro con le Nazioni Unite l’hanno aiutata a garantire un viaggio all’estero.

Mi ci sono volute diverse ore per passare attraverso la sicurezza talebana.

Scene al campo del barone durante l'esodo di massa a Kabul - si può vedere un corpo avvolto in un panno.
Mitra al-Husseini ha attraversato cinque posti di blocco talebani per raggiungere Camp Baron all’aeroporto di Kabul.(In dotazione: Mitra Husseini)

“C’erano cinque posti di blocco talebani”, ha detto. “Indossavo un burqa molto lungo e coprivo tutto”.

La signora Husseini ha assistito a molte delle atrocità riportate durante la caduta di Kabul all’aeroporto della città.

“I talebani stavano uccidendo direttamente persone, molte donne, molti bambini”, ha detto.

Anche gli stranieri avevano paura: uccidevano e sparavano anche loro”.

Una foto di soldati stranieri che coprono i corpi dei morti all'aeroporto di Kabul
Mitra al-Husayni è stato testimone in prima persona di molte delle atrocità denunciate durante la caduta di Kabul.(In dotazione: Mitra Husseini)

Usando il suo accreditamento delle Nazioni Unite per raggiungere la sezione dell’aeroporto controllata da ovest, la signora Al-Hussaini ha trascorso quattro giorni nel campo americano, prima di salire a bordo di un aereo cargo per Dubai, dove le è stato concesso un visto australiano temporaneo.

Le donne sono rimaste indietro

La signora Husseini sente un relativo senso di sicurezza e ora si trova a Coffs Harbor.

È circondata da amici e colleghi di supporto e lavora con lei presso il Dipartimento dell’ambiente e della pianificazione dello stato.

Ma la sua famiglia si nasconde per evitare la punizione del nuovo regime.

È particolarmente preoccupata per sua sorella, che ha detto di essere rimasta traumatizzata nel vedere le donne attaccate e uccise per strada.

“È davvero spaventata, perché ora non può uscire e ha visto tre incidenti [killings] Con i suoi occhi».

segno della mano mitra
Nessuno poteva salire a bordo di un aereo senza un cartello come questo. Mitra Al-Husseini dice che non dimenticherà mai il marchio.(In dotazione: Mitra Husseini)

Ha chiesto alla sua famiglia di limitare le informazioni che dicono loro, al fine di proteggersi.

“Io dico loro: ‘Non dirmi dove sei, resta lì'”, ha detto.

La signora Al-Husseini, che è ancora in attesa di richiedere un visto permanente, ha affermato di aver avuto difficoltà a fare pressioni a nome della sua famiglia.

“Devi conoscere le persone al vertice”, ha detto.

Ha detto che anche le donne con cui ha lavorato in precedenza a casa hanno dovuto affrontare una situazione che peggiorava ogni giorno.

Mentre lavora per trovare un modo per portare in salvo la sua famiglia, la sua supplica al mondo è di non dimenticare le donne dell’Afghanistan.

READ  Almeno 12 persone sono state uccise e 15 ferite in una ressa in un santuario religioso nel Kashmir Indian indiano