Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La sonda itinerante della NASA ha catturato le immagini più abbaglianti della terra marziana nelle ultime settimane

Watchman

Il Messico affronta un tumultuoso ricordo del genocidio cinese

Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ricorderà le 303 morti cinesi durante la Rivoluzione in cui Torreon cercò di dimenticare i suoi soldati a cavallo a Torreon nel 1911. Foto: per gentile concessione degli archivi municipali di Torreon. Lavoratori agricoli cinesi, che furono uccisi nei frutteti e nei giardini che circondavano Torreon, in Messico, dall’avanzata delle forze rivoluzionarie nelle prime ore del 13 maggio 1911. Dopo scaramucce alla periferia della città, la guarnigione federale in inferiorità numerica abbandonò le sue posizioni e si è infiltrato via al riparo dell’oscurità. Quando i ribelli sono entrati in città, sono stati raggiunti da migliaia di locali, che sono stati infiammati da sermoni razzisti. Si dice che un erbivoro con in mano una bandiera messicana abbia gridato: “Uccidiamo i cinesi!” Si ritiene che il leader rivoluzionario, Benjamin Argomido, abbia sparato il primo colpo. Nelle dieci ore successive, la folla ha saccheggiato aziende di proprietà cinese, saccheggiato la banca cinese, trascinato i loro vicini cinesi con le loro trecce distintive e li ha calpestati a morte con i cavalli. “L’Argomido ha dato l’ordine di uccidere i cinesi”, ha detto Julian Herbert, autore di The History of the Massacre. Ma tutti hanno partecipato all’omicidio. Erano soldati, uomini e donne, tutti “. Un totale di 303 cinesi furono uccisi nel massacro di Torreon, che allora era una fiorente città ferroviaria a circa 500 miglia a sud del confine degli Stati Uniti. scattare foto con i corpi delle loro vittime prima che fossero trasportati via dal carrello della spesa. I corpi dei morti sono stati trasportati su carri e sepolti in fosse comuni. Foto: per gentile concessione dell’archivio municipale di Torreon La brutalità era un’espressione orribile dell’ondata di anti -Razzismo cinese che ha travolto il Nord America nel diciannovesimo e all’inizio del ventesimo secolo. Lavoratore cinese che vieta l’immigrazione di lavoratori cinesi; culminato in Messico con l’espulsione della maggior parte dei cinesi nel paese negli anni ’30. accettato di pagare 3,1 milioni di pesos d’oro a titolo di risarcimento, sebbene il pagamento non sia mai stato effettuato. A Torreon, nessuno è stato accusato – per non parlare di processato o condannato – del massacro, e oggi gli eventi del 1911 rimangono in gran parte non denunciati. tracce della tragedia e tentativi sono stati accolti. J ricordo degli eventi della resistenza. “Questo problema degli omicidi cinesi ci fa affrontare una realtà di cui non volevamo parlare a livello locale”, ha detto lo storico Carlos Castañón, che sovrintende agli archivi del comune. Le forze rivoluzionarie a Torreon al momento del massacro. FOTO: Per gentile concessione dell’archivio municipale di Torreon, lunedì, il presidente Andres Manuel Lopez Obrador dovrebbe recarsi a Torreon per chiedere perdono per il massacro come parte di una serie di eventi lunga un anno che indicano alcuni dei capitoli più oscuri della storia messicana, compreso il cinquantesimo anniversario della caduta della capitale azteca, Tenochtitlan. “È un gesto sincero che va oltre la politica”, ha detto Castanians. “Per la prima volta, affronteremo la grande bugia che abbiamo onorato: il silenzio della nostra complicità”. A Torreon il silenzio rimane così assoluto che non ci sono tracce del massacro che all’epoca uccise metà della popolazione cinese della città. Una targa commemorativa è stata rapidamente rubata. Una statua eretta in un parco pubblico è stata vandalizzata nel 2007 e successivamente rimossa, ma sarà restaurata in una piazza pubblica per la commemorazione. Le vittime della strage furono sepolte in fosse comuni, tra cui un cimitero ora coperto da una strada e un piccolo parco giochi. “Gli storici locali hanno preso questo come solo un aneddoto:” Un giorno a Torreón hanno ucciso dei cinesi “. Il piano del presidente per commemorare il massacro ha inaspettatamente disturbato le piume, ha detto Castanians, che ha cercato negli archivi nel tentativo di scoprire maggiori dettagli sul massacro. Tra alcuni a Torreon. Il sindaco dell’epoca, Jorge Zermeneo, ha detto a febbraio, secondo il quotidiano El Sol de la Laguna: “Tutta l’umanità avrebbe dovuto scusarsi per quello che è successo nel corso dei secoli”. Forze rivoluzionarie a cavallo a Torreon. Foto: per gentile concessione dell’archivio comunale Torreon “Parteciperemo [in the ceremony] “Avremo la nostra opinione”, ha detto. “Penso che nelle guerre ci sia molta confusione. Questi sono eventi in quel momento e devono essere visti nel contesto. Ovviamente sono stati sfortunati”. Gran parte di questo brontolio deriva dal “mito fondamentale” di Torreon come città di immigranti duri che occupavano il Sahara, ha detto Javier Garza, ex redattore di un giornale a Medina. Prima del massacro, gli immigrati cinesi avevano aperto una banca, costruito un tram che collegava Torreon alla vicina città di Gómez e Alassios e gestiva la maggior parte delle lavanderie locali. Le loro fattorie nutrivano la popolazione locale. La comunità cinese [in Torreón] Era il più prospero [Chinese community] In Messico, “ha detto Herbert.” Non era il numero più grande, ma era il più prospero “. Nel suo libro The House of the Pain of Others: A Small Chronicle of Genocide, Herbert si oppone alla narrativa locale secondo cui il massacro era un rivolta spontanea dei poveri messicani, sostenendo che il razzismo anti-cinese era diffuso a Torreon e in tutto il paese. Le conclusioni di Herbert si dimostrarono così controverse che non fu in grado di organizzare un evento per promuovere il libro a Torreon. Torreon era una fiorente città ferroviaria all’epoca Foto: per gentile concessione degli archivi municipali di Torreon Non hanno partecipato Tutti i locali al massacro: alcuni, incluso il proprietario del legno locale, hanno protetto i residenti cinesi dalla folla La maggior parte dei sopravvissuti di Torreon sono fuggiti, anche se alcuni sono tornati in seguito, e la comunità cinese locale conta ora circa 1.000 Antonio Li Shirez.: David Agrin / The Guardian Alcuni nella società cinese sono ancora riluttanti a parlare del massacro, anche se esprimono il loro orgoglio per il loro ruolo nella costruzione del Torreon in una città famosa per l’industria e agricoltura. [Amlo’s] La visita è importante e l’evento ne vale la pena. Ma il [Chinese] “ Ma deve essere positivo ”, ha detto Antonio Lee Cherries, 90 anni, il cui padre, Joan Lee, è sopravvissuto al massacro con l’aiuto dei vicini. [that he is coming] – Perché questa è stata un’atrocità che nessuno ha ammesso. “

READ  San Diego tra i giovani adulti che segnalano problemi cardiaci dopo la vaccinazione - NBC7 San Diego