Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La scoperta di un nuovo ceppo di corona virus nel cervo dell’Ontario

Seleziona gli studiosi Una nuova versione altamente mutata di coronavirus nel cervo dalla coda bianca nell’Ontario sudoccidentale, una specie che potrebbe essersi evoluta negli animali dalla fine del 2020.

Hanno anche trovato sequenze virali molto simili in una persona nella zona che ha avuto uno stretto contatto con i cervi, che è la prima prova che il virus può essere trasmesso dai cervi all’uomo.

“Il virus si evolve nei cervi e differisce nei cervi ben lontano da ciò che vediamo chiaramente evolversi negli esseri umani”, ha affermato Samira Mubarak, virologa del Sunnybrook Research Institute e dell’Università di Toronto e autrice del nuovo articolo.

Il rapporto non è stato ancora pubblicato su una rivista peer-reviewed e non ci sono prove che la razza di cervo si stia diffondendo tra le persone o rappresenti un rischio maggiore per loro. Esperimenti di laboratorio preliminari indicano che è improbabile che il ceppo sfugga agli anticorpi umani.

Ma il giornale è stato pubblicato online solo pochi giorni dopo Informare un’altra squadra La variante alfa potrebbe aver continuato a diffondersi ed evolversi nei cervi della Pennsylvania anche dopo che era scomparsa dagli esseri umani.

Insieme, i due studi suggeriscono che il virus potrebbe circolare tra i cervi per lunghi periodi di tempo, aumentando il rischio di questo Gli animali possono diventare un serbatoio a lungo termine del virus e fonte di future varianti.

“Non c’è assolutamente bisogno di farsi prendere dal panico”, ha affermato Aringai Banerjee, virologo dell’Università del Saskatchewan, che non è stato coinvolto in nessuno dei due studi.

Ma, ha aggiunto, “più host hai, maggiori sono le possibilità che il virus si evolva”.

Studi precedenti lo hanno scoperto Il virus si sta diffondendo Nel cervo dalla coda bianca. La ricerca indica che gli esseri umani hanno ripetutamente introdotto il virus ai cervi, che poi lo trasmettono l’un l’altro. Il modo in cui gli esseri umani diffondono il virus ai cervi rimane un mistero e finora non ci sono prove che gli animali lo trasmettano agli esseri umani.

Lo studio canadese è stato una collaborazione di più di venti ricercatori presso istituzioni in tutto l’Ontario. Gli scienziati hanno raccolto tamponi nasali e campioni di tessuto linfonodale da 300 cervi dalla coda bianca uccisi dai bracconieri in Ontario tra il 1 novembre e il 31 dicembre 2021. Il sei percento degli animali, tutti dell’Ontario sudoccidentale, è risultato positivo al virus, indicando che erano attivamente infettati quando sono morti.

READ  Mentre i casi di Covid aumentano negli Stati Uniti, i tassi di vaccinazione più bassi suggeriscono esiti peggiori

I ricercatori hanno sequenziato i genomi virali completi di cinque cervi infetti e hanno trovato una costellazione unica di mutazioni che non era stata documentata prima. In tutto, 76 mutazioni, alcune delle quali sono state precedentemente trovate in cervi, visoni e altri animali infetti, distinguono la razza dalla versione originale del virus.

I campioni di cervo erano più strettamente correlati ai campioni virali prelevati da pazienti umani nel Michigan, non lontano dall’Ontario sudoccidentale, a novembre e dicembre 2020. Erano anche simili ai campioni umani e da te nel Michigan all’inizio di quell’autunno.

Questi risultati, così come la velocità con cui il virus accumula mutazioni, suggeriscono che il nuovo ceppo potrebbe aver deviato dalle versioni note del virus e si è evoluto inosservato, dalla fine del 2020.

Ma il suo percorso esatto non è chiaro. Una possibilità è che gli esseri umani possano aver trasmesso il virus direttamente al cervo e che il virus abbia poi accumulato le mutazioni mentre si diffondeva tra la cervice. In alternativa, la razza potrebbe essersi evoluta almeno in parte in altre specie intermedie, forse visoni d’allevamento o selvatici, che in qualche modo la trasmettono ai cervi.

“Non abbiamo tutti i pezzi del puzzle”, ha detto in una e-mail il microbiologo veterinario della Penn State, il dottor Suresh Kochipudi, che non è stato coinvolto nella ricerca. “Non possiamo escludere il coinvolgimento di un ospite intermedio”.

Un campione virale raccolto da un paziente umano nell’Ontario sudoccidentale nell’autunno del 2021 corrispondeva a campioni di cervo molto simili. È noto che questa persona era in stretto contatto con i cervi, I ricercatori hanno detto.

(Non sono stati in grado di rivelare maggiori dettagli sulla natura di questo contatto per motivi di privacy, anche se il dottor Mubaraka ha notato che le persone non dovrebbero preoccuparsi di incontri occasionali e indiretti, come avere un cervo che vaga nel loro giardino.)

READ  Gli astronauti SpaceX Crew-2 della NASA tornano sulla Terra - guardalo dal vivo

Gli scienziati hanno avvertito che la dimensione del campione è piccola e non ci sono prove conclusive che la persona abbia contratto il virus dai cervi. “Non abbiamo ancora informazioni sufficienti per confermare che questa trasmissione sia tornata agli esseri umani”, ha affermato Roderick Ganey, ecologista delle malattie della fauna selvatica presso il College of Veterinary Medicine dell’Università della Pennsylvania.

Ma al momento della raccolta del campione umano, l’Ontario stava campionando campioni del virus da tutti coloro che nell’area erano risultati positivi alla PCR. I ricercatori non hanno trovato altre persone che avessero versioni simili del virus, rendendo meno probabile che si sviluppasse in modo indipendente negli esseri umani.

“Se fosse stato così diffuso negli esseri umani, anche negli esseri umani, penso che l’avremmo catturato”, ha detto il dottor Mubaraka.

Inoltre, non ci sono prove che una persona infetta dal ceppo abbia trasmesso il virus a qualcun altro.

I primi dati suggeriscono che gli attuali vaccini dovrebbero ancora essere in grado di proteggere dal lignaggio. Gli scienziati hanno scoperto che gli anticorpi delle persone vaccinate erano in grado di neutralizzare gli pseudovirus – virus innocui e non replicanti – progettati per assomigliare a un ceppo di cervo.

Nel secondo studio, gli scienziati dei Colleges of Veterinary Medicine and Medicine dell’Università della Pennsylvania hanno analizzato i tamponi nasali di 93 cervi morti in Pennsylvania nell’autunno e nell’inverno del 2021. Il 19% è stato infettato dal virus. Quando i ricercatori hanno sequenziato sette dei campioni, hanno scoperto che cinque dei cervi erano stati infettati dal tipo delta, mentre due erano stati infettati dall’alfa.

Al momento della raccolta dei campioni, il delta era diffuso tra gli esseri umani residenti negli Stati Uniti, ma l’onda alfa che ha colpito gli americani nella primavera del 2021 era svanita da tempo.

READ  Omicron arriva in Oregon I ricercatori avvertono di un'altra ondata di infezioni da COVID-19

“L’alfa sembra persistere nei cervi dalla coda bianca anche durante il periodo in cui non circola negli esseri umani”, ha affermato Iman Anis, microbiologo presso la University of Pennsylvania School of Veterinary Medicine e autore dello studio.

In effetti, i campioni di delta nei cervi erano geneticamente simili a quelli degli esseri umani, indicando che hanno attraversato i confini delle specie relativamente di recente. Ma le sequenze alfa si sono discostate in modo più significativo dai ceppi umani. (Erano anche significativamente diversi l’uno dall’altro, indicando che la variante era stata introdotta nel gruppo dei cervi almeno due volte.)

“L’implicazione principale è che i cervi mantengono la trasmissione e l’infiammazione tra le loro popolazioni”, ha affermato il dottor Jani, autore dello studio in Pennsylvania. “Questo non è solo un evento indiretto da parte dell’uomo, in cui i cervi vengono infettati e poi muoiono”.

Non è noto se questi ceppi continueranno a diffondersi ed evolversi nei cervi, così come i rischi che possono rappresentare per l’uomo e altri animali.

“Sulla base delle informazioni attuali, direi che il rischio di diffondere il virus tra gli animali selvatici, compresi i cervi, è basso”, ha affermato Jeff Bowman, ricercatore presso il Dipartimento per lo sviluppo, le miniere, le risorse naturali e le foreste dell’Ontario. Autore di giornali canadesi.

Ma gli scienziati hanno affermato che il monitoraggio costante è fondamentale. Il dottor Mubarak ha suggerito che i funzionari dovrebbero rafforzare lo screening delle acque reflue in Ontario e in altre aree vicine per cercare specificamente la razza dei cervi e per garantire che non si diffonda ulteriormente.

Gli esperti hanno anche esortato le persone a continuare a seguire le linee guida stabilite dalle agenzie di salute pubblica, incluso il non nutrire cervi o altri animali selvatici e indossare guanti durante la macellazione della selvaggina.

“Dobbiamo anche ridurre il più grande serbatoio di questo virus, che siamo noi, per assicurarci di non passare costantemente ai cervi e creare questi nuovi ceppi”, ha detto il dottor Mubaraka.