Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Russia estende la data di partenza prevista per la Stazione Spaziale Internazionale

Pochi giorni dopo che la Russia ha annunciato il suo piano per lasciare definitivamente la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel 2024, i funzionari spaziali del paese hanno detto alla NASA che si aspettano di rimanere almeno parte della Stazione Spaziale Internazionale fino alla costruzione del loro sito nel 2028.

Yuri Borisov, il nuovo direttore generale dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, ha sorpreso la NASA martedì annunciando che Mosca intende porre fine alla sua partnership a lungo termine con la stazione spaziale “dopo il 2024”.

Kathy Lueders, il capo delle operazioni spaziali della NASA, ha dichiarato in un’intervista che funzionari russi hanno detto all’agenzia spaziale statunitense che Roscosmos rimarrà nella partnership mentre la Russia lavora per costruire e gestire il suo sito orbitale pianificato, chiamato Ross.

“Non stiamo ricevendo alcuna indicazione a nessun livello di lavoro che qualcosa sia cambiato”, ha detto Luders, aggiungendo che i rapporti della NASA con l’agenzia spaziale russa (Roscosmos) sono rimasti “come al solito”.

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS), un laboratorio scientifico che si estende per le dimensioni di un campo da calcio e orbita attorno alla Terra a un’altitudine di 400 chilometri, è stata occupata ininterrottamente per più di due decenni nell’ambito di una partnership guidata da Stati Uniti e Russia che comprende anche Canada, Giappone e 11 paesi europei.

Un'immagine dalla Stazione Spaziale Internazionale che mostra la Terra molto in alto, con la stazione spaziale stessa nella metà superiore
La Stazione Spaziale Internazionale orbita a un’altitudine di 400 km sopra la Terra.(In dotazione: NASA)

Rappresenta uno degli ultimi bastioni della cooperazione tra Stati Uniti e Russia, sebbene i dubbi sul destino della partnership siano incombenti dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio.

Deve ancora essere raggiunto un accordo formale per estendere la partecipazione della Russia oltre il 2024.

La signora Luders ha affermato che la NASA, la Russia e altri partner della stazione hanno in programma di discutere la possibilità di estendere la reciproca presenza nel laboratorio fino al 2030 durante una riunione regolare del consiglio di amministrazione che sovrintende alla gestione della stazione.

E l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha pubblicato sul suo sito web un’intervista a Vladimir Solovyov, direttore di volo della sezione russa della stazione spaziale, che avrebbe affermato che la Russia dovrebbe rimanere nella stazione fino a quando la Russia non funzionerà.

“Ovviamente, dobbiamo continuare a far funzionare la ISS fino a quando non avremo creato un arretrato abbastanza tangibile di ROSS”, ha affermato Solovyov.

“Dobbiamo tenere presente che se fermiamo i voli con equipaggio per diversi anni, sarà molto difficile ripristinare ciò che è stato realizzato”.

Le parti americana e russa della stazione spaziale sono state costruite intenzionalmente per essere tecnicamente interconnesse e interconnesse.

Reuters/ABC

READ  Il capitano Kate McCoy lavora per rompere i pregiudizi in mare