Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La prima Hollywood fu finanziata da immigrati italiani – come mostra il nostro nuovo documentario

La prima Hollywood fu finanziata da immigrati italiani – come mostra il nostro nuovo documentario

Cosa hanno in comune Charlie Chaplin, Walt Disney e Frank Capra? Lo stesso banchiere italiano.

I primi film di Hollywood sono stati ampiamente studiati e indagati. Ma sorprendentemente si sa poco sui loro finanziamenti e su come i contributi degli immigrati a basso reddito abbiano contribuito a plasmare l’industria cinematografica di Hollywood, soprattutto quella italiana.

Quasi 4 milioni di persone Da ambienti svantaggiati, arrivarono negli Stati Uniti attraverso Ellis Island nel 1920. E lo fecero Spesso fotografato Nel film, sono delinquenti nel Lower East Side di New York. Questo carattere stereotipato assegnato agli italiani persiste da decenni ed è stato ripreso attraverso la popolarità Film sulla mafia E programmi TV come Il soprano.

Queste immagini mi hanno gradualmente colpito Percezioni e atteggiamenti del pubblico Verso gli immigrati italiani e i loro discendenti. Ma in realtà i primi immigrati italiani furono determinanti nella fondazione e nella crescita dell’economia americana. Un finanziere visionario il cui nome (ancora) non è così conosciuto come dovrebbe (come nel nostro caso). Prossime ricerche documentarie intende evidenziare) ha visto un’opportunità per cambiare la narrazione.

A.P.Giannini

Amadeo Peter Giannini (1870-1949), noto come A.P., era una figura popolare a San Francisco. Era figlio di immigrati italiani e fondatore della Banca d'Italia, che gradualmente trasformò nella Bank of America. Attraverso questa fondazione, Giannini ha contribuito alla nascita di progetti come il ponte Golden gate (1937), 1948 Piano Marshall (Gli Stati Uniti hanno fornito aiuti economici ai paesi dell’Europa occidentale dopo la seconda guerra mondiale). È stato anche un attore importante nella nascita di Hollywood.

A volte noto come “Il banchiere del popolo” O il “uomo banchiere”Giannini iniziò l'attività agricola attraverso la sua piccola azienda di famiglia. Dopo aver ereditato alcune azioni di una piccola banca da suo suocero, ha potuto vedere che il sistema era stato creato da e per i ricchi.

READ  Un nuovo film italiano su Netflix basato su una storia vera
Banconota della Banca Nazionale degli Stati Uniti emessa dalla Banca d'Italia nel 1927.
Ufficio dell'Incisione e della Stampa

Giannini credeva che gli immigrati che perseguivano il sogno americano, come suo padre e sua madre liguri, potessero essere un'importante risorsa per gli Stati Uniti. Credeva che il sistema bancario etico avrebbe consentito la mobilità sociale generale e con essa l’opportunità di finanziare le industrie emergenti, come il cinema.

Giannini fondò la Banca d'Italia nel 1904 come piccola banca a San Francisco. Lì, le minoranze tradizionalmente escluse da qualsiasi forma di finanziamento, come italiani, cinesi, irlandesi, messicani e portoghesi, possono depositare i propri risparmi, non importa quanto modesti. La banca era molto più di un semplice luogo in cui depositare lo stipendio. Si trattava di un mezzo di ingresso nelle istituzioni americane che consentiva a questi immigrati di prendere in prestito denaro in modo etico, spesso stringendosi la mano, e di crescere.

Questi depositi non solo hanno consentito alla comunità di immigrati di stabilirsi e prosperare, ma hanno anche permesso di creare posti di lavoro investendo nelle imprese di immigrati.

Cambia il gioco

La più promettente di queste società era il sistema degli studi cinematografici. La Banca d'Italia iniziò a prestare denaro a giovani registi e produttori di Hollywood. Molti di questi registi non avevano diritto a prestiti commerciali, ma poiché Giannini credeva nella costruzione non solo di un'industria, ma di una comunità, la banca concesse prestiti personali.

Il produttore Sol Lesser, meglio conosciuto per i film di Tarzan, è un esempio calzante. Ancora minorenne ottenne un prestito privato firmato dallo stesso Giannini per acquistare i posti per il suo primo cinema Nickelodeon. Questo fu l'inizio del suo percorso per diventare un produttore influente.

READ  È morto all’età di 92 anni il pluripremiato regista italiano Paolo Taviani

La piccola banca di Giannini scoprì un sistema di prestito che da allora è diventato lo standard del settore. Come spiega Warren Sherk della Biblioteca Margaret Herrick dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences nel nostro prossimo documentario AP Giannini: La banca del futuro, le banche inizialmente utilizzarono i negativi delle pellicole come garanzia, ritenendo che possedessero valore in quanto potevano essere utilizzati per realizzare stampe vendibili e consentire così loro di recuperare i propri investimenti se i produttori non fossero stati in grado di far fronte ai pagamenti del prestito. Ma questo approccio ha impedito ai registi di accedere, stampare e distribuire i propri film.

Come soluzione, Giannini ha invece proposto un nuovo protocollo di prestito cinematografico in cui la banca si sarebbe assicurata i diritti e i ricavi di distribuzione di due film già prodotti come garanzia per il prestito cinematografico finanziato dalla banca. Iniziò anche quello che oggi è noto come “pegging”, la pratica di associare una star a un film per garantire la vendita dei biglietti.

Trailer del documentario AP Giannini – Bank To The Future.

Grazie a questo nuovo modello di finanziamento i rischi bancari furono ridotti al minimo, i registi riuscirono a soddisfare le condizioni e l’industria di Hollywood fiorì. Classici come Il vagabondo (1915), Biancaneve e i sette nani (1937) e Via col vento (1939) furono finanziati tramite Giannini. Cineasti tra cui Charlie Chaplin, Frank Capra, Walt Disney e Alfred Hitchcock, organizzazioni come United Artists e persino l'Accademia stessa furono sostenuti dalla visione rivoluzionaria di Giannini.

La trasparenza della Banca Giannini è stata la chiave del suo successo e l'ha salvata attraverso alcuni dei periodi finanziari più difficili del 20° secolo. La sua stabilità fu alimentata dal flusso costante di denaro immigrato, depositato attraverso un conto bancario da coloro che desideravano diventare rispettabili cittadini americani, un privilegio concesso alle donne nel 1920 quando la Banca d'Italia aprì la prima sezione femminile del paese.

READ  Le organizzazioni cinematografiche e televisive italiane affermano che la produzione sta per fermarsi a causa dell'incertezza sui finanziamenti statali e sulle agevolazioni fiscali

Nella misura in cui, Come spiega SherkFurono i centesimi degli immigrati, depositati nella Banca d'Italia e nella Bank of America, a finanziare la prima industria cinematografica di Hollywood.


Cerchi qualcosa di buono? Distruggi il rumore con una selezione accurata delle ultime uscite, eventi dal vivo e mostre, direttamente nella tua casella di posta ogni due settimane, il venerdì. Registrati qui.