Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La presenza dell’addetto militare e l’addestramento navale rientrano tra le misure adottate dall’India e dall’Unione Europea per rafforzare la cooperazione

La presenza dell’addetto militare e l’addestramento navale rientrano tra le misure adottate dall’India e dall’Unione Europea per rafforzare la cooperazione

Mentre l’India e l’UE cercano di espandere la cooperazione in materia di difesa e sicurezza, il primo addetto alla difesa dell’UE ha preso il comando all’inizio di questo mese, mentre le due parti hanno recentemente condotto la loro prima esercitazione navale, mentre i funzionari hanno notato che la portata della cooperazione in materia di sicurezza si sta espandendo. . Con un focus sulla regione indo-pacifica.

Abbiamo aumentato il numero di esercitazioni navali tra Unione Europea e India… soprattutto Francia e Italia. “L’Unione europea ora non è più solo un partner commerciale e di investimenti, ma anche un partner per la sicurezza”, ha affermato un funzionario dell’UE a margine di una discussione organizzata dal Consiglio dei think tank per la ricerca strategica e di difesa e dalla Fondazione Konrad Adenauer. “Ora ci concentriamo sulla sicurezza, sull’energia e sulle tecnologie sensibili…”, ha detto il funzionario, sottolineando che c’è molta attenzione alla comunicazione digitale.

La settimana scorsa, il Capitano della Marina Fabrizio Falzi, che in precedenza ha servito come addetto alla difesa italiano in India, ha assunto l’incarico di procuratore capo presso la delegazione dell’UE a Nuova Delhi. Un altro funzionario dell’UE ha sottolineato che l’UE ha un’agenda di sviluppo limitata nel mondo e la nomina in India dimostra l’importanza che attribuisce.

“Il governo indiano si riserva il diritto, sulla base del principio di reciprocità, di avvalersi di adeguati accordi reciproci come e quando richiesto”, ha affermato il Ministero indiano degli Affari Esteri nella lettera di accettazione della nomina.

Recentemente, India e Italia hanno firmato un accordo di cooperazione in materia di difesa. Il funzionario ha fatto riferimento anche all’accordo tra le agenzie spaziali. Nell’ambiziosa iniziativa, annunciata a margine del vertice dei leader del G20 lo scorso settembre, il funzionario ha aggiunto che l’India e l’Europa sono le stazioni terminali del corridoio economico India-Medio Oriente-Europa (IMEC).

READ  L'economia tedesca si contrae, ma non il “malato d'Europa” - EURACTIV.com

Prima esercitazione navale

Il 24 ottobre India e UE hanno condotto la prima esercitazione navale congiunta nel Golfo di Guinea alla quale hanno partecipato la nave INS Sumedha della Marina indiana, pattugliatore d’altura, la nave ITS Foscari della Marina italiana, la nave FS della Marina francese Ventôse e la nave della Marina spagnola. La Marina indiana ha dichiarato in un comunicato che il Tornado. Queste esercitazioni sono avvenute sulla scia del terzo incontro del dialogo sulla sicurezza marittima UE-India il 5 ottobre a Bruxelles.

La Marina ha affermato che le quattro navi hanno effettuato una serie di manovre tattiche nelle acque internazionali al largo delle coste del Ghana, tra cui un’esercitazione di abbordaggio, un’esercitazione di volo utilizzando elicotteri lanciati a bordo della nave francese Ventus e della nave navale indiana Sumedha, e il trasferimento di personale. tra le navi. . “Questo esercizio è stato seguito da una sessione di condivisione delle conoscenze ad Accra, in Ghana, che si è basata sull’esperienza condivisa in mare per migliorare le conoscenze operative. La sessione ha inoltre contribuito ad approfondire le relazioni tra funzionari ghanesi e rappresentanti delle missioni dell’India, dell’UE e degli Stati membri dell’UE in Ghana .

La Marina ha affermato che le attività sottolineano l’impegno congiunto dell’India e dell’Unione Europea a sostenere gli stati costieri e Yaounde Engineering nel garantire la sicurezza marittima nel Golfo di Guinea. “Riflette l’ampiezza e il dinamismo della cooperazione UE-India nel campo della sicurezza marittima e indica una determinazione condivisa a sostenere l’UNCLOS”, ha affermato la Marina.

Hai esaurito il limite degli articoli gratuiti. Sostieni il giornalismo di qualità.

Hai esaurito il limite degli articoli gratuiti. Sostieni il giornalismo di qualità.

Questo è il tuo ultimo articolo gratuito.