Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘La persona peggiore che conosci’: L’uomo che inavvertitamente è diventato un meme | Internet

Poco dopo lo scoppio dell’epidemia, Spagna In reclusione, Josep Maria Garcia ha ricevuto una telefonata in preda al panico da suo cognato.

“Mi ha detto di non preoccuparmi, ma avrei dovuto cercare su Google la frase ‘la persona peggiore che conosci'”, ha detto Garcia. “L’ho messo su e l’ho trovato dappertutto. Sono passato ed era la mia faccia, la mia faccia, la mia faccia. Ho pensato a cosa sta succedendo? “

La paranoia lo travolse mentre si affrettava a dipingere quello che era successo. Aveva posato per la foto nel 2014 mentre accompagnava suo cognato, fotografo professionista, in viaggio d’affari a Barcellona. come suo cognatoE il Garcia, che ha chiesto di non essere nominato e si è preparato per un servizio fotografico con uno scrittore americano, ha chiesto a Garcia di alzarsi in piedi in modo da potersi adattare alla luce.

La foto di García, allora 34enne, è andata così bene — che la coppia ha deciso di caricarla sul catalogo Getty Images.

Garcia ricorda vagamente che suo fratello gli disse nel 2018 che la foto era usata a scopo illustrativo Un articolo per una rivista satirica americana. A quel tempo non gli importava molto; Ora, mentre stava setacciando Internet, si è reso conto che era diventato inavvertitamente un meme universale. L’immagine è stata usata per illustrare un pezzo tiepido su un tipo odioso che di solito parla di spazzatura per una volta e ne esce con un’osservazione killer sulla politica che nessuno può davvero superare.

“Ti chiedi, beh, cosa sta succedendo ora”, ha detto al Guardian. “Appariranno persone qui che vogliono conoscermi? O vuoi picchiarmi?”

READ  La massiccia fuoriuscita di petrolio al largo della costa della California meridionale è un "disastro ambientale"

Ha lottato per conciliare la sua fama su Internet con la sua vita a Molins de Rei, un comune di 26.000 persone vicino a Barcellona. Era così popolare online che una rapida ricerca della frase “la persona peggiore che conosci” ha prodotto quasi due miliardi di risultati, ma il fatto che fosse in inglese significava che pochi nella sua città natale o nell’agenzia di marketing per cui lavorava avevano qualcosa da fare con lui.

“Stavo andando al lavoro ed era tutto normale, e nessuno mi ha accolto in modo diverso”, ha detto Garcia.

La sua vita quotidiana è stata raramente intersecata con la vergogna di Internet, fino a quando un giornalista ha lanciato indizi su come trovarlo in una serie di post sui social media. I messaggi arrivavano da tutto il mondo anglofono, spingendo suo genero a rimuovere la foto.

Ma in realtà è venuta per presentare Garcia su Internet. Ha detto: “Ho letto i commenti che dicevano ‘Ha la faccia di un fanatico nazista’ o ‘Non c’è empatia nel mio aspetto’. Si è scrollato di dosso i commenti, aggiungendo con una risata: ‘Ho molte foto con quello sguardo – quello è il mio sguardo.’

András Arató, un ingegnere ungherese in pensione che ha condiviso la sua esperienza di avere un volto davanti a loro a livello globale, che ha partecipato nel 2019 il pubblico è andato Con quello che doveva scoprire il suo volto era un meme universale, nel suo caso “Hide the Pain Harold”.

“All’inizio è stata un’esperienza orribile”, ha detto Arato, che all’epoca aveva 73 anni, Ha detto a TEDxKyiv. “Non sapevo cosa fare.”

READ  Una famiglia in "perdita totale" dopo che l'insegnante di inglese Alice Hodgkinson è stata trovata morta in Giappone

La prima reazione di Arató è stata quella di chiudere tutto recuperando le foto archiviate su cui si era seduto un anno prima. Una volta che si è calmato, ha scelto di aspettare e vedere. “La mia unica speranza era che con così tante cose nuove che escono giorno dopo giorno su Internet, a poco a poco le persone si dimenticheranno di me”, ha detto. “Devo dire che mi sbagliavo completamente.”

Il momento di Eureka è arrivato quando ha deciso di ripristinare la sua immagine, liberando la propria immagine Pagina dei fan di Facebook Con video e racconti dei suoi viaggi. Presto emersero offerte di collaborazione e Arató si trasformò in una celebrità a pieno titolo; Da un ruolo in uno spot televisivo ungherese Per una piccola parte in un video A proposito di Manchester City.

Dopo più di due anni di inciampare sull’onnipresente meme, Garcia, che si è descritto come conservatore, è arrivato ad accettare la sua statura unica. “Non è facile. È incredibile quanti milioni di hit ci siano”, ha detto. “Ma è vero che col tempo inizi a vederla diversamente”.

Per anni ha rifiutato le richieste di intervista, optando invece per rimanere fuori dai riflettori. Ma negli ultimi mesi, mentre stava valutando la possibilità di rilasciare magliette a tema meme, si è aperto ad alcuni media. Rifiutò fermamente di farsi fotografare – “per timore che si diffondesse di nuovo”, ha detto a un giornale – alludendo alle cicatrici che ancora indugiano.

Ha ignorato i suggerimenti secondo cui accettare il suo meme avrebbe potuto essere più difficile che accettare altri. Invece, ha fatto riferimento al dibattito online sul fatto che la foto lo ritraesse come la persona peggiore o se fosse stato fotografato mentre guardava una persona del genere.

READ  Chauvin rischia decenni di carcere per la morte di Floyd

Tuttavia, l’associazione opposta è stata raggiunta durante una recente apparizione alla televisione spagnola, quando è stato accolto con la frase: “Non hai la faccia da cattivo”.

I presentatori televisivi hanno continuato a chiedergli comicamente se poteva essere la persona peggiore che conoscessero e gli hanno chiesto cosa Il tipo di commissione che riceverà Se fornisce mascherine durante la pandemia o se pulisce dopo una festa in hotel. “Grazie per il tuo senso dell’umorismo”, ha detto uno dei padroni di casa mentre Garcia si è dimostrato un ospite affascinante.

Ha imparato a fare affidamento sul suo senso dell’umorismo. “Lo trovo molto divertente, è un buon articolo. Ha detto ‘Non mi infastidisce o qualcosa mi infastidisce.’ Ma questo sorprende le persone. C’è chi mi chiede ‘Stai davvero bene con tutto questo?'”