Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Nuova Zelanda batte il record per il caso di Covid, ma Ardern afferma che “stanno arrivando tempi migliori” | Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda ha attraversato per la prima volta 200 casi giornalieri di Covid-19 nella pandemia, mettendolo su un preoccupante corso per l’estate e sollevando i timori degli esperti che la crescente epidemia possa sopraffare il sistema sanitario.

Sabato sono stati annunciati 206 casi, di cui 200 ad Auckland, la città in cui si è verificata l’epidemia. C’erano 73 persone in ospedale con il virus e sette in terapia intensiva.

Ha raggiunto numeri di casi record come Primo Ministro, Jacinda ArdernHa tenuto un discorso promettendo al paese tempi migliori a venire. A tutta la Nuova Zelanda, ma soprattutto ad Auckland, dico: un giorno nel passatoHa detto sabato alla conferenza del Partito Laburista.

“Nelle prossime settimane, vedremo aumentare il livello di protezione nelle nostre comunità man mano che vengono vaccinate più persone. In effetti, siamo sulla buona strada per avere i tassi di vaccinazione più alti al mondo, avendo già superato quelli come Australia, Stati Uniti Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania e Irlanda”.

Secondo il Dipartimento della Salute, l’89% dei neozelandesi idonei – quelli di età superiore ai 12 anni – ha ricevuto la prima dose e il 78% è stato completamente vaccinato.

Ma gli esperti hanno continuato a sollevare preoccupazioni nelle ultime settimane sul fatto che il crescente numero di casi giornalieri in Nuova Zelanda possa superare la diffusione del vaccino, portando a un’epidemia devastante prima che una popolazione sufficiente sia protetta. Epidemiologi al Centro Ricerche Te Bona Matatini Modello rilasciato la scorsa settimana Notando che lo scenario ad alta trasmissione, che determina gli attuali numeri di casi giornalieri visti dalla Nuova Zelanda, potrebbe comportare circa 2.300 ricoveri e 160 decessi tra l’inizio di ottobre e l’inizio di gennaio – una potenziale necessità di cure ospedaliere che “stabilirebbe” i requisiti capacità massima del sistema sanitario.

I tassi di vaccinazione sono particolarmente bassi tra i Maori e i neozelandesi del Pacifico, soprattutto nelle fasce d’età più giovani. Tre su quattro (74%) dei Maori idonei hanno ricevuto una singola dose del vaccino e il 56% è stato completamente vaccinato. Gli esperti di salute pubblica hanno sollevato preoccupazioni persistenti sul fatto che Māori e Pasifika potrebbero sopportare le peggiori conseguenze sulla salute di un’epidemia su larga scala.

Ardern ha affermato che gli alti tassi di vaccinazione significano che “non tutti i casi di Covid lanceranno l’allarme di un arresto improvviso, ma significheranno anche che continueremo a prendere sul serio il Covid e ad adottare misure per proteggere le persone da esso”.

“La vita potrebbe essere diversa per un po’, ma sembrerà di nuovo più familiare. E dopo tanto tumulto e tanta ansia, tutti se lo meritano”.

READ  La provincia canadese della Columbia Britannica colpita dalle inondazioni sta limitando il carburante e i viaggi non essenziali