Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Nigeria ha realizzato vendite di birra per 2,29 miliardi di dollari nel 2019 – Arise News

Uno studio dell’Oxford Economics per la Worldwide Brewing Alliance (WBA), pubblicato giovedì, ha rivelato che la Nigeria ha guadagnato 2,294 miliardi di dollari vendendo birra nel 2019.
Giovedì il ministro dell’Industria, del Commercio e degli Investimenti, Adeniyi Adebayo, ha anche espresso la disponibilità del governo federale a sostenere i produttori di birra per mantenerli in attività di fronte a sfide scoraggianti.

La Nigeria è anche classificata al 30° posto tra i 70 migliori mercati globali della birra trattati nel rapporto, messo insieme da Oxford Economics nel gennaio 2022, intitolato “Beer’s Global Economic Footprint”. Il rapporto, ottenuto ieri, ha rivelato che 70 paesi controllano l’89% delle vendite globali di birra.
Presentato come il primo rapporto globale in assoluto a valutare l’impatto economico globale dell’industria della birra, il rapporto ha rilevato che un lavoro su 110 nel mondo è collegato attraverso canali di influenza diretti, indiretti o indotti al settore della birra.

Ha affermato che il settore della birra ha contribuito con $ 555 miliardi di valore aggiunto lordo (GVA) al PIL globale nel 2019 e ha aiutato i governi di tutto il mondo a generare $ 262 miliardi di entrate fiscali nei 70 paesi studiati. Ha affermato che questo rappresentava l’89% della birra venduta in tutto il mondo e supportava circa 23,1 milioni di posti di lavoro.
Presentando il rapporto durante un webinar, Adrian Cooper, CEO di Oxford Economics, ha affermato che il settore della birra è pronto a contribuire alla ripresa economica globale dopo il COVID poiché la sua importanza economica è maggiore nelle economie in più rapida crescita e porta a un aumento significativo delle attività economiche in agricoltura , distribuzione e industria manifatturiera.
Oxford Economics ha sottolineato che il settore della birra è importante per le economie di tutto il mondo e ha avuto un impatto su tutti gli aspetti della catena del valore della birra, dai birrifici, dai distributori, dai rivenditori e dall’industria dell’ospitalità ai fornitori da cui ciascuno dipende.
Oxford Economics ha affermato che lo “studio si basava” sui dati del 2019 (piuttosto che sul 2020). Lo spieghiamo a causa delle anomalie causate dal COVID-19. Gli effetti della pandemia significano che il 2019 è più di un anno normale per il settore della birra”.

READ  Maria Amelie BG4Real: Supportiamo le piccole e medie imprese che puntano su innovazione e sostenibilità

Ha aggiunto che “durante la produzione e la consegna della birra che le persone amano, le attività del settore della birra mantengono quantità significative di PIL, posti di lavoro e entrate pubbliche nelle economie di tutto il mondo.
“La catena del valore finale per i produttori di birra e i produttori di birra fornisce importanti contributi diretti, crea effetti indiretti significativi acquistando beni e servizi dai loro fornitori e stimola l’ulteriore attività economica pagando i salari e sostenendo i salari lungo la catena di approvvigionamento.
“Sulla base della nostra analisi dettagliata in 70 paesi, stimiamo che nel 2019 l’impatto economico totale del settore della birra è stato di 555 miliardi di dollari, il contributo del valore aggiunto lordo (GVA) al PIL globale, sostenendo 23 milioni di posti di lavoro. In totale, il il settore della birra ha sostenuto lo 0,8% del PIL in 70 paesi o 1 dollaro per ogni 131 dollari del PIL prodotto in queste economie nel 2019.
“Per contestualizzare, il contributo del settore della birra al PIL nel PIL globale è paragonabile a quello dell’economia belga nel 2019 (533 miliardi di dollari) e il numero di posti di lavoro supportati è pari all’intera forza lavoro italiana (23 milioni di persone).

Il rapporto affermava che era importante notare che l’importanza economica del settore della birra era maggiore per i paesi a basso reddito.
Ha aggiunto: “Mentre il settore della birra nei paesi ad alto reddito contribuisce in media allo 0,9% del PIL nazionale, la cifra equivalente nelle economie a basso reddito è dell’1,6%. Allo stesso modo, il settore della birra supporta relativamente più posti di lavoro nei paesi a basso reddito. “Rispetto ai paesi ad alto reddito (1,4 per cento contro 1,1 per cento dell’occupazione nazionale), il settore della birra sostiene anche pagamenti fiscali significativi ai governi globali.
“Collettivamente, stimiamo che i produttori di birra e la loro catena del valore finale abbiano fornito e sostenuto $ 262 miliardi di pagamenti fiscali ai governi di tutto il mondo. Del contributo fiscale totale, $ 109 miliardi sono costituiti da imposta sul valore aggiunto e accise pagate sulle vendite di birra .”
Il presidente e CEO della WBA, Justin Kissinger, ha dichiarato: “Sebbene ci siano stati molti studi precedenti sui singoli paesi, nessuno di loro ha mai tentato di fare una stima accurata e coerente dell’impatto globale utilizzando le stesse metriche allo stesso tempo, né hanno considerati pienamente nel commercio internazionale elementi come l’importanza dell’orzo e del luppolo di alcuni paesi. Ciò che emerge chiaramente dal rapporto è il ruolo positivo che la birra svolge nell’economia”.
Parlando allo stesso modo, Brandy Rand, Direttore delle operazioni per le Americhe per le Americhe per l’analisi del mercato delle bevande IWSR, ha affermato che il segmento della birra è stato in grado di far crescere il proprio mercato e vivere il primo semestre 2021 relativamente meglio di alcolici e vino, ma è comunque in ritardo. 1° semestre 2019.

READ  L'Italia vieta alle grandi navi da crociera di navigare verso Venezia

Rand ha affermato che “la birra analcolica e a bassa gradazione alcolica è la parte più morbida e in più rapida crescita della birra con una tendenza alla moderazione stabilita”.
Nel frattempo, Adebayo è stato citato in una dichiarazione dicendo, rivolgendosi ieri ai rappresentanti del gruppo settoriale della birra del settore manifatturiero del paese nel suo ufficio, guidato dal direttore generale dei birrifici internazionali, Hugo Pius Rocha, che il governo era ben consapevole del sfide che il settore manifatturiero deve affrontare e fa tutto il possibile per affrontarle.
Nella sua presentazione al ministro, il segretario del Sectoral Beer Group, Tony Inh, ha elencato le sfide che i produttori di birra devono affrontare per includere la svalutazione, l’accesso limitato ai cambi, l’insicurezza, l’escalation dei costi logistici, il COVID-19 e la facilità di fare così. Commercio, aumento dell’imposta sulla produzione, molteplicità di tasse e bolli.

Ha osservato che, nonostante l’aumento delle tasse annuali pagate dai produttori di birra, il loro profitto netto è in calo a causa delle varie sfide che hanno elencato.
Di conseguenza, Inh ha chiesto il supporto del Ministro per ottenere il differimento delle tasse per il 2022 e oltre. supporto con incarichi ministeriali; accesso a valuta estera; Una più stretta collaborazione tra il ministro e l’industria della birra; e altri tipi di supporto che possono essere ritenuti necessari.
In risposta, Adebayo si è detto pronto a fornire supporto al settore coinvolgendo i suoi colleghi su alcune delle questioni sollevate nelle loro presentazioni.
Sulla questione del forex, ha affermato di aver ricevuto assicurazioni dal governatore della banca centrale che sarebbe stata prestata attenzione ai produttori che utilizzano materie prime nazionali nel tentativo di importare macchinari per il loro uso.

READ  Spike di Jeremy Farrar con Anjana Ahuja - Ignore the Flag

Dyke Unwami