Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La NASA dimostra come SpaceX rifornisce di carburante i veicoli spaziali nell'orbita terrestre bassa

La NASA dimostra come SpaceX rifornisce di carburante i veicoli spaziali nell'orbita terrestre bassa
Ingrandire / Illustrazione artistica di due veicoli spaziali ancorati pancia a pancia in orbita.

SpaceX

L’anno prossimo, la NASA ritiene che SpaceX sarà pronta a mettere in orbita due astronavi per un’ambiziosa dimostrazione di rifornimento di carburante, un’impresa tecnica che porterebbe la Luna a portata di mano.

SpaceX ha stipulato un contratto con la NASA per la fornitura di due astronavi a capacità umana per i primi due atterraggi di astronauti sulla Luna attraverso il programma Artemis dell'agenzia, che mira a riportare gli esseri umani sulla superficie della Luna per la prima volta dal 1972. di questi atterraggi, sulla missione Artemis III della NASA, attualmente prevista per il 2026, sebbene questa sia ampiamente considerata una tempistica ambiziosa.

L’anno scorso, la NASA ha assegnato un contratto a Blue Origin per sviluppare il proprio lander lunare Blue Moon per gli esseri umani, offrendo ai manager di Artemis due opzioni per le missioni successive.

I progettisti di entrambe le sonde erano lungimiranti. Hanno progettato la navicella spaziale e la Blue Moon per fare rifornimento nello spazio. Ciò significa che potrebbe eventualmente essere riutilizzato per molteplici missioni e, in definitiva, potrebbe utilizzare propellenti prodotti da risorse trovate sulla Luna o su Marte.

Amit Kshatriya, che guida il programma Moon to Mars all'interno della divisione Exploration della NASA, ha spiegato il piano di SpaceX in questo senso in un incontro con un comitato del comitato consultivo della NASA venerdì. Il programma di test di Starship sta guadagnando slancio e il prossimo volo di prova dovrebbe avvenire dal sito di lancio Starbase di SpaceX nel sud del Texas entro la fine di maggio, ha affermato.

READ  I problemi di vista non trattati possono aumentare il rischio di demenza del 44%.

“La produzione non è il problema”, ha detto Kshatriya. “Estraggono i nuclei. I motori entrano nella fabbrica. Non è questo il problema. Il problema è che fare quello che stanno cercando di fare è un'enorme sfida di sviluppo… Dobbiamo superarla.” Questo problema di trasferimento del propellente è quello giusto da provare a risolvere. Stiamo cercando di costruire un progetto per l'esplorazione dello spazio profondo.

Mappa del percorso di rifornimento

Prima di raggiungere la Luna, SpaceX e Blue Origin devono padroneggiare le tecniche e le tecniche necessarie per fare rifornimento nello spazio. Attualmente, SpaceX dovrebbe tentare la prima dimostrazione pratica del trasferimento di propellente su larga scala tra due astronavi in ​​orbita il prossimo anno.

Prima di allora ci saranno almeno molti altri voli di prova della Starship. Durante l'ultimo volo di prova della Starship a marzo, SpaceX ha testato il trasferimento del propellente criogenico tra due serbatoi all'interno del veicolo. Il trasferimento di ossigeno liquido da un serbatoio all'altro faceva parte di una dimostrazione supportata dai finanziamenti della NASA. Questa dimostrazione consentirà agli ingegneri di saperne di più su come si comporta il fluido in un ambiente a bassa gravità, hanno affermato i funzionari dell’agenzia.

Kshatriya ha detto che mentre gli ingegneri stanno ancora analizzando i risultati dell'esperimento di trasporto criogenico, il test sul volo della Mars Starship “ha avuto successo sotto tutti gli standard”.

“Questo risultato è alle loro spalle”, ha detto venerdì. Ora SpaceX lancerà altri voli di prova di Starship. Il prossimo lancio tenterà di verificare alcune capacità aggiuntive che SpaceX non ha dimostrato nel volo di prova di marzo.

READ  Segui una dieta varia e ricca di proteine ​​per aumentare il volume e ridurlo: dietista

Ciò includerà un atterraggio di precisione del booster Super Heavy della Starship nel Golfo del Messico, necessario prima che SpaceX tenti di riportare il booster sulla piattaforma di lancio in Texas. Un altro obiettivo sarebbe probabilmente quello di riavviare un singolo motore Raptor a bordo della Starship durante il volo, qualcosa che SpaceX non è riuscita a raggiungere durante il volo di marzo a causa delle velocità di rotazione imprevedibili del veicolo mentre sfrecciava nello spazio. Ottenere il riavvio del motore in orbita, necessario per guidare la navicella verso il rientro controllato, è un prerequisito per i futuri lanci in un’orbita stabile più alta, dove la nave può restare per ore, giorni o settimane per schierare i satelliti e tentare il rifornimento di carburante.

A lungo termine, SpaceX vuole aumentare la cadenza di lancio di Starship con diversi voli giornalieri da più siti di lancio. Per raggiungere questo obiettivo, SpaceX prevede di recuperare e riutilizzare rapidamente le astronavi e i booster super pesanti, basandosi sull’esperienza del razzo Falcon 9 parzialmente riutilizzabile. Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, è ansioso di rimettere in funzione le navi e i booster il più rapidamente possibile. All'inizio di questo mese, Musk si è detto ottimista sulla possibilità che SpaceX possa recuperare il booster Super Heavy in Texas entro la fine dell'anno e far atterrare nuovamente il veicolo Starship in Texas l'anno prossimo.