Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Germania è il malato d’Europa, ma altri tossiscono

La Germania è il malato d’Europa, ma altri tossiscono

La storia continua qui sotto

Germania, Un uomo malato L'Europa, sta per chiudersi un trimestre che preferiresti dimenticare. I primi tre mesi del 2024 segneranno probabilmente il secondo trimestre consecutivo di contrazione economica e si prevede che forniranno una crescita scarsa o nulla per l’intero anno. La sua forza industriale è diventata un ostacolo, con una domanda che rimane debole, e il mondo in via di deglobalizzazione l’ha privata di strumenti di pressione come le esportazioni cinesi, il gas russo a buon mercato e le affidabili garanzie di sicurezza americane.

La nuova preoccupazione è il suono della tosse proveniente da altre parti dell’eurozona. Le economie dipendenti dal commercio come i Paesi Bassi e l’Irlanda sono state grandi motori della crescita europea negli ultimi anni (e forse… Molto ingannevole Nel caso dell’Irlanda), ma ora sono in fase di stallo. Francia, che ha portato alla domanda
L’economia di solito vacilla quando la Germania inciampa, raggiungendo nonostante ciò una crescita anemica Inflazione di bilancio Deficit con l’aumento dei tassi di interesse. L’ottimismo sulla possibilità di evitare una recessione è mitigato dalla scarsa crescita degli investimenti e della produttività.

La storia continua qui sotto

Il che lascia intatto l’ultimo grande paese: l’Italia, dove i funzionari di Giorgia Meloni stanno sfidando l’oscurità Previsioni di crescita del PIL Circa l’1% quest’anno. Sarebbe migliore della media di Germania, Francia, Paesi Bassi e dell’euro, e sarebbe in linea con la sovraperformance dell’Italia dal 2019, nonostante la sua storia di bassa crescita, debito elevato e politica volatile. Oltre a paesi come Spagna e Portogallo, che dopo anni di crisi godono di maggiore competitività e crescita delle esportazioni, secondo ING Research La ripresa dell'Italia è stata una spinta per l'Europa.

READ  Poste Italiane punta all'acquisizione dei pagamenti

Il problema è che ci sono anche segnali di cattiva salute, o di quelli che il ministro delle Finanze italiano Giancarlo Giorgetti ha recentemente definito “mal di pancia”. Si riferiva al Superbonus, un credito d’imposta per la ristrutturazione di case ecologiche pari al 110% del loro costo, che ha innescato un’enorme corsa agli investimenti residenziali e ha giocato un ruolo importante in Italia dopo la pandemia. Financiere de la Cité Economista Nicolas Goetzmann apprezzare I super bonus – che ammontano all’incredibile cifra di 107 miliardi di euro (116 miliardi di dollari) di investimenti ammissibili – hanno aggiunto circa 15 volte di più al PIL della zona euro come investimenti fissi nel settore edile italiano rispetto all’intera economia tedesca dalla fine del 2019.

Ciò che causa l'indigestione di Giorgetti non è tanto la crescita quanto il colpo alle finanze pubbliche – si tratta dopo tutto di un credito d'imposta – ed è per questo che il super bonus è stato tagliato dopo che aveva contribuito ad un deficit di bilancio del 7,2% l'anno scorso. Senza questo, Bloomberg Economics prevede che lo slancio della crescita continuerà a perdere slancio, come mostra il grafico qui sopra. “I benefici economici sono nel passato, mentre i costi finanziari sono nel futuro”, afferma Fabio Balboni, economista di HSBC Holdings Plc.

La storia continua qui sotto

La questione non si limita al pessimismo e alla tristezza: ci sono segnali che la fiducia dei consumatori sta migliorando e i salari sono in aumento, e i mercati finanziari non hanno ancora esercitato pressioni sul debito italiano. Le aspettative che i tassi di interesse abbiano raggiunto il picco, insieme al calo dell’inflazione, hanno portato a ridurre le scommesse su una recessione.

READ  L'UE Gentiloni afferma che l'Italia non può permettersi alcun ritardo nel suo piano di ripresa

Ma il punto è che l’Italia ha ancora maggiori probabilità di sottoperformare che di sovraperformare quest’anno, rendendo i funzionari europei più allarmati riguardo al divario a lungo termine tra l’economia europea e l’economia statunitense, che è destinata a crescere del 2% quest’anno. Enrico Letta, l’ex primo ministro italiano incaricato da Bruxelles di scrivere un rapporto sul futuro del mercato unico europeo, ha lanciato l’allarme la scorsa settimana sulla questione. Il discorso degli investitori su un atterraggio morbido significherà poco in un’Europa afflitta da debito elevato e inflazione, che non può raggiungere una crescita maggiore.

Quale potrebbe essere il percorso migliore per la ripresa? Il primo è che l’Italia – e l’Europa – creino fondi efficaci per la ripresa dalla pandemia, progettati per guarire le cicatrici del Covid e investire nel futuro. Roma ha speso 45,7 miliardi di euro, ovvero meno della metà dei finanziamenti ricevuti, il che non è sufficiente. L’Europa ha enormi esigenze di investimenti – tra cui 620 miliardi di euro all’anno per il cambiamento climatico – e un’implementazione più efficace dei fondi pandemici significa maggiori possibilità di lanciare altre iniziative di spesa necessarie, come la spesa per la difesa. Ciò compenserebbe inoltre la riduzione dei super bonus, aggiungendo un potenziale di 2,5 punti percentuali alla crescita del PIL italiano entro il 2026.

La storia continua qui sotto

Anche se il prossimo rapporto di Letta conterrà molte idee su come rimuovere le barriere strutturali alla crescita, magari unificando i diversi mercati finanziari e le norme fiscali europee, l’Europa dovrebbe anche prendere spunto dal libro americano adottando politiche più orientate alla domanda. consumo. La scarsa attuazione del super premio non dovrebbe renderci ciechi di fronte all’attuale mix fuorviante di politica monetaria restrittiva e mancanza di sostegno fiscale in Europa, con le nuove regole fiscali dell’UE che probabilmente porteranno a tagli agli investimenti pubblici – un risultato non ideale data la necessità dell’Europa di diventare più geopoliticamente autonomo – A certificato.

READ  Granarolo cede una quota della società per finanziare futuri piani di crescita

“Si dice sempre che la Germania sia un uomo malato”, ha detto la settimana scorsa Joachim Nagel, capo della Bundesbank, “io sono più preoccupato che l’Europa si ammali”. Ha ragione. Faresti meglio a portare delle medicine.

Lionel Laurent è un editorialista di Bloomberg che scrive del futuro del denaro e del futuro dell'Europa. Le opinioni sono personali e non rappresentano la posizione di questa pubblicazione.

Credito: Bloomberg