Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La falsa vita degli adulti di Netflix racconta la Napoli di Ferrante

La falsa vita degli adulti di Netflix racconta la Napoli di Ferrante

Come il romanzo di Elena Ferrante da cui è tratto, la battuta di apertura della serie Netflix “La vita bugiarda degli adulti” è pronunciata dalla precoce eroina adolescente del romanzo, Giovanna, che ascolta alla porta mentre i suoi genitori parlano di lei.

“Prima di uscire di casa, mio ​​padre disse a mia madre che ero brutta”, dice Giovanna, aggiungendo tristemente di averla paragonata alla sorella Vittoria, da cui era lontana, un insulto così vile da spingere la madre di Giovanna a rispondere: “Non dirlo”. . “Lei è un mostro.”

Lo spettatore viene così presentato a Giovanna (Giordana Marengo) e Vittoria (Valeria Golino), nuove voci nel ricco repertorio di formidabili personaggi femminili centrali dell'autore italiano. Portati sullo schermo in una versione modernizzata in sei episodi del romanzo di Ferrante del 2019, sono complessi e contraddittori come Lila e Lino, i personaggi principali dei quattro romanzi più venduti di Ferrante che raccontano la loro amicizia, una versione del quale è apparsa sulla HBO. serie “Mio mio”. Amico meraviglioso.”

Anche in “La falsa vita degli adulti”, Napoli fornisce un quadro sociale per questa storia di formazione, che spinge Giovanna dall’innocenza infantile al mondo dei compromessi adulti complessi e contraddittori. Ambientata a metà degli anni '90, la serie mette in luce la scivolosa posizione sociale delle ragazze e delle donne italiane che cercano di trovare un punto d'appoggio in un mondo in cui sono gli uomini a dettare legge.

La serie è “veramente” il mondo di Ferrante, secondo Domenico Procacci, amministratore delegato di Fandango, la società di intrattenimento italiana che ha prodotto “Lying Life” per Netflix, che ha parlato in una conferenza stampa per presentare la serie a Roma il mese scorso. Fandango ha anche coprodotto “L'amica geniale” con HBO, RAI, Radio Nazionale Italiana e altri.

In “Lying Life”, Giovanna si muove tra due quartieri distinti di Napoli, così diversi che è difficile credere che appartengano alla stessa città. Vive nel Rione Alto, un quartiere alto-borghese sviluppatosi soprattutto negli anni '60 e '70 che incorona la collina del Vomero con una vista mozzafiato sul Golfo di Napoli. “Fuori Fomero la città non era certo mia”, dice Giovanna nel romanzo.

READ  In the Highlands è l'epica celebrazione della cultura latina di cui tutti abbiamo bisogno

Ma nella sua insistenza nell'incontrare la zia, Giovanna apre il suo mondo al quartiere della città bassa da cui è fuggito suo padre Andrea (Alessandro Preziosi), ma in cui Vittoria vive ancora: un quartiere fatiscente chiamato Bascone nel romanzo, ambientato in l'ex quartiere industriale di Poggioreale.

“Non credo che ci sia città in Italia dove le differenze tra le classi sociali sono così evidenti come a Napoli, e talvolta questa differenza è molto piccola”, ha detto in conferenza stampa Francesco Piccolo, uno dei quattro sceneggiatori della serie. . Nella serie, gli spettatori non di lingua italiana potrebbero non notare il fatto che il contrasto è evidenziato dalla differenza del dialetto napoletano parlato tra i due quartieri. Nella ricca famiglia Fumero il dialetto è parlato “per divertimento, per divertimento”, dice Piccolo, mentre nell’altra lingua è “un dialetto piuttosto emotivo”.

Comprendere bene Vittoria, i suoi movimenti e il suo accento, ha pesato molto su Golino, che il pubblico americano forse ricorda meglio per i suoi ruoli da protagonista in “Rain Man” e “Hot Shots”. In un'intervista telefonica ha detto che anche lei è cresciuta nel quartiere Vomero, sul “lato buono della ferrovia”, e ha ammesso di non aver mai visto “Napoli Vittoria”, tanto che “doveva andarci”. Trovalo e capiscilo.

L'allenatore vocale le ha insegnato quella che era essenzialmente una nuova lingua. “Anche se sono napoletano, non ho mai parlato così”, ha detto Golino. “Era un suono che ho sentito in città, ma non ha mai fatto parte del mio mondo.” L'attrice ha detto che incarnare la dissolutezza terrena di Vittoria “è stato difficile”. “Ho dovuto studiare le parole, il modo di muoversi, il modo di abitare lo spazio”, che le era estraneo. “Quindi ho passato molto tempo a Napoli, che è la mia città, ma Napoli è fatta di tanti strati”, ha detto.

READ  Kevin Spacey interpreta "Il Diavolo" nel thriller italiano "The Contract"

A sua volta, Marengo, 19 anni, apparsa per la prima volta sullo schermo come Giovanna dopo essere stata scelta tra 3.000 ragazze che avevano fatto il provino per il ruolo, ha detto che Giulino si è preso cura di lei per tutta la serie. “Mi ha dato molti consigli”, ha detto Marengo, e i due hanno creato un forte legame che Marengo pensava fosse evidente sullo schermo, ha detto in un'intervista telefonica.

“Ci siamo davvero aiutati a vicenda”, ha detto Golino. “Eravamo entrambi nello stesso stato d'animo, lei perché era la sua prima volta e io perché avevo sempre paura di sbagliare.

Marengo ha detto di sentire la responsabilità di ritrarre la protagonista di una storia che si sviluppa interamente dal punto di vista di Giovanna. “All'inizio temevo di non farcela”, ha detto. Ma il regista e la troupe si sono assicurati che lei non sentisse quella responsabilità, “e questo mi ha davvero calmato”, ha detto.

Nel romanzo la visione interiore di Giovanna è più chiara. Ma Eduardo De Angelis, il direttore dello spettacolo, ha detto che trasformare questa riflessione interiore in forma visiva è stata un'estensione naturale della scrittura di Ferrante.

“Ogni parola contiene un'evocazione che suggerisce ed evoca una moltitudine di immagini”, ha detto De Angelis in un'intervista telefonica. “Le parole indicavano sempre la strada da seguire perché le evocazioni di Ferrante sono sempre molto concrete, anche se partono da un pensiero interiore”.

La Napoli di De Angelis comprende una cacofonia di colori e suoni, una scena musicale underground nei centri comunitari d'avanguardia della città e una nostalgia per i festival estivi ospitati dal potente Partito Comunista italiano.

Ferrante, un'autrice notoriamente sfuggente che non ha mai annunciato ufficialmente la sua identità, ha una lunga esperienza come sceneggiatrice, e la corrispondenza con Ferrante includeva “molte lettere da trovare”, ha detto De Angelis, a cui è anche attribuito il merito di aver scritto la sceneggiatura con Piccolo e Piccolo. Laura Paolucci. Una lingua comune.”

READ  Recensione: gli artisti italiani stupiscono al Tramonto Music Festival Encinitas

Quando il romanzo passò alla televisione, anche la storia prese una piega inaspettata, un colpo di scena che nel romanzo non c'era ma che fu firmato da Ferrante, che sapeva bene, dice De Angelis, che il passaggio dalla pagina allo schermo “servì come occasione per esprimere elementi che erano stati solo suggeriti.” “Nel romanzo è lasciata all'immaginazione”, mentre sullo schermo “l'immaginazione si trasforma in immagine”, rendendo possibili “scelte più radicali”.

Queste scelte radicali aprono nuove strade e gli episodi si concludono con una serie di domande senza risposta, forse in un potenziale seguito. (Per questo lettore, la fine del romanzo suggerisce anche che potrebbe seguire un secondo libro.)

Proprio come Giulino era preoccupato di rendere giustizia al personaggio di Vittoria, “la nostra serie mira a mostrare l'autenticità dell'Italia, anche fuori dagli stereotipi”, ha detto in conferenza stampa Eleonora Andreatta, detta “Tini”, vicepresidente degli originali italiani di Netflix. Ha lavorato anche alla serie “L'amica geniale” nel suo precedente lavoro alla RAI.

“Rappresentare un personaggio che non è costruttivo, in cui interpreti un essere umano, un vero essere umano che commette errori”, che era “disobbediente”, è stato uno dei motivi per cui ha accettato il ruolo, “anche se mi ha spaventato”, Lo ha detto Golino nell'intervista telefonica.

“Un buon attore non è necessariamente un buon bugiardo, ma di solito lo è”, ha detto in conferenza stampa, scatenando risate. “Se devono dire una bugia, un bravo attore la dice molto bene.”