Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La disuguaglianza nell’uso dell’inglese nell’istruzione superiore globale deve essere affrontata

In quanto lingua franca, l’inglese facilita i viaggi internazionali, la comunicazione, l’innovazione, la diplomazia e la mobilità economica e sociale. Tuttavia, allo stesso tempo, la lingua inglese divide il mondo in “abbienti” e “non abbienti”, aumentando le disuguaglianze sociali ed economiche in un momento di crescente nazionalismo e populismo.

In nessun luogo le conseguenze sono di più vasta portata che nell’istruzione, che è stata a lungo considerata il livello sociale ultimo. E potrebbe non essere scansionato in modo meno efficace ovunque.

Due utili rapporti recenti. il primo, Il panorama mutevole dei programmi di insegnamento della lingua inglese, compilato da Studyportals per il British Council, ha rilevato che, a differenza delle “Big Four” destinazioni anglofone in Australia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti, c’è stato un aumento del 77% dei programmi di insegnamento dell’inglese da gennaio 2017. L’Europa continua a guidare, mentre la Cina e l’Africa subsahariana mostrano i segnali di crescita più evidenti. I programmi si trovano principalmente in università di alto livello, sebbene si stiano gradualmente diffondendo al di fuori di esse.

Il secondo rapporto di English First Indice di conoscenza della lingua ingleseÈ l’ultima classifica annuale di 112 paesi in cui l’inglese non è la lingua nazionale, ha rilevato che la conoscenza dell’inglese è elevata e in aumento in Europa e principalmente in miglioramento in America Latina. Ma le tendenze sono contrastanti in Asia e Africa e povere in Medio Oriente.

Dal 2015, gli adulti sulla trentina hanno migliorato il proprio inglese tre volte di più rispetto ai vent’anni. Il rapporto rileva che questo indica la motivazione tra i giovani a imparare l’inglese per benefici professionali. Se è così, significa che i sistemi scolastici non riescono a dotare adeguatamente gli studenti delle competenze della lingua inglese prima che entrino nel mercato del lavoro. Il rapporto ha anche rilevato un ampio divario tra le aree urbane e rurali, con un livello di conoscenza dell’inglese degli adulti più alto in quasi tutte le grandi città rispetto all’area circostante.

READ  Biden chiede ai leader mondiali di tagliare il metano nella lotta al clima

L’Europa offre un terreno fertile per esplorare la divisione inglese e le sue conseguenze. Le università utilizzano la lingua inglese per promuovere l’internazionalizzazione e affinare la propria reputazione globale, nonché per preparare gli studenti all’economia globale e, in alcuni casi, per aumentare le entrate. Sebbene la maggior parte degli europei inizi a studiare l’inglese in giovane età, il vocabolario e la fluidità necessari per lavorare a livello accademico superano di gran lunga le abilità di conversazione di base acquisite nelle classi di lingua scolastiche, a volte da insegnanti che non parlano correntemente l’inglese.

Pertanto, i programmi insegnati in inglese tendono a favorire gli studenti più privilegiati, che hanno beneficiato di un’istruzione di lingua inglese di alta qualità in scuole con risorse adeguate, nonché di lezioni private e viaggi di famiglia all’estero. Altri hanno difficoltà a scavare più a fondo nei compiti di lettura dell’inglese universitario, mentre la loro scrittura manca allo stesso modo di sostanza e precisione.

Questo cambiamento accademico è ricaduto ugualmente sui professori. Il reclutamento e le promozioni dei docenti si basano sempre più su citazioni in riviste indicizzate in lingua inglese. Ma per coloro che non hanno le capacità per insegnare e scrivere in inglese in modo efficace, produrre un manoscritto pubblicabile richiede tempo, a volte richiede lunghe trattative con editori e revisori. Alcuni si rivolgono a “mediatori dell’alfabetizzazione”, che addebitano commissioni esorbitanti che gli studiosi più giovani e meno sicuri dal punto di vista economico non possono permettersi. Laddove l’istruzione superiore è finanziata dallo stato, come è comune in Europa, solo la pubblicazione in lingua inglese priva i contribuenti delle classi meno privilegiate dell’accesso a informazioni importanti che riguardano la loro vita quotidiana.

READ  Italia - Fattori da tenere d'occhio il 3 novembre

Aspri dibattiti in Francia, Italia e Paesi Bassi hanno sollevato molte di queste preoccupazioni e i risultati sono stati contrastanti. Nel 2013 francesi e altri intellettuali si sono scontrati sulla Legge Furasso, che ha allentato le restrizioni all’insegnamento universitario in lingue diverse dal francese; Entro il 2021, la Francia è balzata al quarto posto in Europa (escluso il Regno Unito) per numero di programmi in lingua inglese.

Nel 2017 la Corte Costituzionale italiana ha ribaltato il progetto di conversione in lingua inglese di tutti i corsi di laurea del prestigioso Politecnico di Milano. Nonostante ciò, il governo italiano ha annunciato che le proposte di finanziamento della ricerca, anche in ambito umanistico, devono essere scritte in lingua inglese, con colloqui orali condotti anche in lingua inglese. A parte la sua discutibile legittimità, questo mandato è particolarmente sconcertante dato che la conoscenza della lingua inglese tra gli adulti italiani è attualmente la più bassa dell’Europa occidentale.

Anche i paesi anglofoni del Nord Europa che hanno guidato i programmi di insegnamento della lingua inglese si stanno ora chiedendo se hanno oltrepassato i propri limiti. I Paesi Bassi hanno preso in considerazione la possibilità di limitare tali programmi, riducendo così l’adozione di studenti internazionali. La Danimarca si è mossa lentamente e selettivamente in questa direzione, nonostante i crescenti avvertimenti sulle esigenze commerciali dei talenti stranieri.

Queste mosse sono vantaggiose poiché i programmi di insegnamento dell’inglese guadagnano slancio in paesi come la Cina, con una conoscenza dell’inglese solo moderata e in istituzioni non classificate. Suggeriscono che prima di andare avanti, i responsabili politici e i leader universitari dovrebbero pensare a come mitigare la disuguaglianza. A breve termine, ciò può includere un’ampia e continua formazione in lingua inglese per insegnanti scolastici e supporto in lingua inglese per studenti universitari e professori. A lungo termine, potrebbe richiedere piani nazionali, con l’inizio dell’insegnamento della lingua inglese in tutte le scuole primarie indipendentemente dalla loro ubicazione o assunzione.

READ  I programmi di stimolo pandemico hanno perso enormi quantità di denaro

Allo stesso tempo, le università devono trovare un ragionevole equilibrio tra i programmi insegnati in inglese e quelli insegnati nella lingua nazionale, per preparare gli studenti all’economia globale e locale. Dovrebbero anche premiare la produzione accademica nelle lingue indigene, per espandere la base di conoscenze oltre la prospettiva ristretta della lingua inglese.

Ciò richiede di riconoscere il ruolo che le lingue svolgono nel plasmare l’identità, migliorare le opportunità e diffondere la conoscenza in un mondo che lotta per fare i conti con le ingiustizie del passato mentre lotta per un presente più equo e inclusivo.

Rosemary Salomon è Kenneth Wang Professor of Law alla Saint John’s University di New York. Il suo libro appena pubblicato è L’ascesa della lingua inglese: la politica globale e il potere della lingua (Oxford University Press, 2021).