Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Corea del Nord non ha segnalato nuovi casi di febbre tra i dubbi sui dati COVID-19

Corea del nord Sabato non sono stati segnalati nuovi casi di febbre per la prima volta da quando è stato introdotto improvvisamente il primo caso locale COVID-19 L’epidemia ha messo 26 milioni di persone sotto restrizioni più severe a maggio.

Ci sono stati ampi dubbi esterni sull’accuratezza delle statistiche nordcoreane poiché i decessi segnalati sono molto bassi e i casi di febbre quotidiana sono diminuiti molto rapidamente negli ultimi tempi.

Alcuni esperti affermano che la Corea del Nord ha probabilmente manipolato l’entità delle malattie e dei decessi per aiutare il leader Kim Jong Un a mantenere il controllo assoluto in mezzo alle crescenti difficoltà economiche.

Il Centro di controllo dell’epidemia della Corea del Nord ha dichiarato tramite i media statali di non aver rilevato pazienti con febbre nelle ultime 24 ore, mantenendo il numero totale di casi nel paese a circa 4,8 milioni.

Un insegnante misura la temperatura corporea di una studentessa per aiutare a limitare la diffusione del coronavirus prima di entrare nella scuola elementare Kim Sung Ju nel distretto centrale di Pyongyang, in Corea del Nord. (AFP)

Il bilancio delle vittime rimane a 74, con un tasso di mortalità dello 0,0016 percento, il livello più basso al mondo, se vero.

Nonostante i presunti zero casi, non è chiaro se la Corea del Nord dichiarerà ufficialmente la vittoria sul COVID-19 e solleverà le restrizioni epidemiche perché gli esperti affermano che potrebbe affrontare un rimbalzo virale entro la fine dell’anno come molti altri paesi.

I media statali della Corea del Nord hanno recentemente affermato che sta intensificando e sviluppando i suoi sistemi antiepidemici per proteggere dalle sottovarianti del coronavirus e da altre malattie come il vaiolo delle scimmie.

“La forza organizzativa e l’unità unica della società (della Corea del Nord) sono pienamente dimostrate nella lotta per la vittoria nella campagna anti-epidemia di emergenza”, ha affermato sabato l’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale.

La mancanza di presunti casi di infezione in Corea del Nord potrebbe essere di importanza simbolica nei suoi sforzi per cementare l’immagine di Kim come leader che ha represso l’epidemia molto più velocemente di altri paesi.

Gli osservatori affermano che Kim avrà bisogno di tali certificazioni per ottenere un maggiore sostegno popolare per superare le difficoltà economiche causate dalla chiusura dei confini pandemici e dalle sanzioni e dalla cattiva gestione delle Nazioni Unite.

Un visitatore osserva il lato nordcoreano del Centro di monitoraggio dell’unificazione a Paju, in Corea del Sud. (AFP)
I visitatori osservano il lato nordcoreano del punto di osservazione dell’unificazione a Paju, in Corea del Sud, vicino al confine. (AFP)

ha affermato Ahn Kyung-soo, presidente di DPRKHEALTH.ORG, un sito web incentrato sui problemi di salute in Corea del Nord.

“Da quando hanno iniziato con i dati manipolati, ora stanno ponendo fine all’epidemia con i dati manipolati”.

Secondo le previsioni, la Corea del Nord non avrebbe segnalato alcun caso, poiché il numero di casi di febbre giornaliera è diminuito negli ultimi giorni – tre casi sono stati segnalati venerdì e 11 giovedì – da un picco di circa 400.000 casi al giorno a maggio.

Il Paese, privo di kit di test, ha identificato solo una piccola parte dei suoi 4,8 milioni di pazienti con febbre come casi confermati di COVID-19.

Varianti e mutazioni di COVID-19

“Realisticamente, centinaia di migliaia di casi di febbre al giorno che diventano zero in meno di tre mesi è impossibile”, ha affermato Lee Yu-han, professore presso la Graduate School of Public Health presso l’Università di Ajo in Corea del Sud.

Molti esperti esterni in precedenza avevano temuto che l’epidemia in Corea del Nord avrebbe avuto gravi conseguenze perché si ritiene che la maggior parte della sua popolazione non sia vaccinata e circa il 40% è denutrito.

Ma ora attivisti e disertori con contatti in Corea del Nord affermano di non aver sentito parlare di una catastrofe umanitaria. Dicono che l’epidemia nel paese abbia probabilmente raggiunto il picco.

In questa foto fornita dal governo nordcoreano, il leader nordcoreano Kim Jong Un visita una farmacia a Pyongyang. (AFP)

In segno di allentamento dell’epidemia, questa settimana la Corea del Nord ha organizzato enormi eventi pubblici senza maschera nella sua capitale, Pyongyang, mentre migliaia di veterani della guerra di Corea e altri provenienti da tutto il paese si sono riuniti per celebrare il 69° anniversario della fine del 1950- 53 guerra.

Durante la festa di anniversario, Kim ha abbracciato e scambiato strette di mano con alcuni veterani prima di scattare foto di gruppo con altri partecipanti.

Secondo le foto ufficiali dei media, nessuno indossava maschere.

La Corea del Nord saprà che zero casi non significa che non ci siano pazienti COVID-19 perché ci sono probabilmente casi asintomatici, ha affermato Shin Young-gyun, professore di medicina preventiva all’Università Hanyang di Seoul.

Ha detto che la Corea del Nord probabilmente non annuncerà presto di aver sconfitto ufficialmente l’epidemia a causa dei timori di una recrudescenza.

I media statali della Corea del Nord hanno già usato espressioni come la sua vittoria nella sua lotta contro i virus. Shen ha detto che l’unica altra espressione che possono usare ora è annunciare la completa eliminazione del virus Corona dal suo territorio.

“Ma se emergeranno di nuovo nuovi casi, la Corea del Nord perderà la faccia”.

È probabile che l’unico modo in cui il nuovo virus della Corea del Nord si diffonda dall’estero sia attraverso la Cina, il suo principale alleato che condivide un confine lungo e poroso, ha detto Lee, e la Corea del Nord avrà difficoltà a dichiarare la vittoria sull’epidemia fino a quando la Cina non lo farà.

In questa foto rilasciata dal governo nordcoreano il 28 giugno 2022, i dipendenti nordcoreani disinfettano una struttura in un negozio sotterraneo a Pyongyang, in Corea del Nord. Ai giornalisti freelance non è stato permesso di coprire l’evento rappresentato in questa foto distribuita dal governo nordcoreano. Il contenuto di questa immagine è come presentato e non può essere verificato in modo indipendente. La filigrana coreana sull’immagine come menzionata dalla fonte recita: “KCNA” che è l’abbreviazione di Korean Centra (AFP)

Il confine tra Corea del Nord e Cina è stato in gran parte chiuso per più di 2,5 anni, tranne che per pochi mesi quando è stato riaperto all’inizio di quest’anno.

Alcuni osservatori affermano che la maggiore risposta della Corea del Nord alla pandemia ha fornito a Kim uno strumento per rafforzare il suo governo autoritario tra le denunce pubbliche di restrizioni di vecchia data.

Dicono che la Corea del Nord potrebbe segnalare nuovamente un piccolo numero di casi di febbre nei prossimi giorni.

I giovani si riuniscono per celebrare il 69° anniversario della firma del cessate il fuoco che ha posto fine ai combattimenti nella guerra di Corea. (AFP)

Esperti stranieri lottano per valutare il vero bilancio delle vittime in Corea del Nord.

Hanno notato che la mancanza di kit di test da parte della Corea del Nord renderebbe quasi impossibile per il Paese determinare se gli anziani o altri con malattie di base sono morti per COVID-19 o qualcos’altro.

Shin, il professore universitario, ha confermato il suo precedente studio che prevedeva che la Corea del Nord avrebbe probabilmente subito da 100.000 a 150.000 morti.

Ha detto di aver utilizzato i dati della Corea del Sud che mostrano il tasso di mortalità delle persone non immunizzate per la variante omicron, che la Corea del Nord ha riconosciuto l’epidemia a maggio, allo 0,6%.

Altri esperti affermano che il bilancio delle vittime in Corea del Nord sarà al massimo di diverse migliaia. Hanno detto che i gruppi di controllo della Corea del Nord devono aver scoperto più morti.

READ  I critici affermano che l'approvazione di una legge anti-inchiesta a Hong Kong ha sollevato timori che possa essere utilizzata per soffocare il dissenso