Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Biblioteca Vaticana accorcia la distanza tra le sue opere e i suoi studiosi

La Biblioteca Vaticana accorcia la distanza tra le sue opere e i suoi studiosi

ROMA – Il 13 aprile 1923, un vescovo francese di nome Eugenio Tessrant e il suo assistente salparono dalla città portuale italiana di Trieste per acquistare alcuni libri.

L’anno successivo, dopo aver cercato biblioteche e collezioni private sparse in tutto il Medio Oriente e in Europa, sono tornati con 2.700 volumi e una biblioteca Pontificio Istituto Orientale, nasce una scuola di specializzazione dedicata allo studio del ramo orientale del cristianesimo.

“Ero seduto su una scala, nella polvere e nel caldo”, ricorda Tisran dopo anni di permanenza a Costantinopoli, esaminando i volumi “uno per uno, per giorni interi”.

Gli studiosi della chiesa contemporanei potrebbero trovarlo molto più facile. Alcuni dei testi dell’Institut de Rome, che nel corso degli anni sono diventati circa 200.000 opere, sono stati digitalizzati e saranno presto accessibili a un pubblico globale, senza bisogno di rampe o scale.

Le prime versioni digitali saranno disponibili pubblicamente a metà del 2022, prodotto a iniziativa di beneficenza Ciò ha collegato l’istituto a società tecnologiche negli Stati Uniti e in Germania.

“Sapete, come nel film di Mickey Rooney: ho i costumi, conosco un ragazzo che ha un fienile e possiamo metterci lo spettacolo”, ha detto il reverendo David Nazar, presidente dell’istituto.

Ha detto che le aziende hanno riconosciuto immediatamente il valore del progetto. Molti libri provengono da paesi come la Siria, il Libano o l’Iraq, dove la guerra o altri sconvolgimenti mettono a rischio interi gruppi. Altri provengono da paesi in cui il controllo autoritario era altrettanto minaccioso.

Sebbene la maggior parte dei titoli dell’istituto siano irriconoscibili per il grande pubblico – la raccolta di canoni ortodossa orientale in sei volumi del XIX secolo “Syntagma tôn theiôn kai hierôn kanonôn” non è mai stata classificata come bestseller – sono preziosi per gli studiosi. Comprende volumi come la prima edizione greca delle Liturgie di Giovanni Crisostomo, il primo padre della chiesa, stampata a Roma nel 1526.

“La biblioteca è unica al mondo”, ha affermato Gabriel Radel, professore all’Università di Notre Dame che ha insegnato all’istituto dieci anni fa.

I suoi volumi coprono l’ampia gamma che è il cristianesimo orientale, un termine generico per le tradizioni e le sette che si sono sviluppate nei primi secoli della Chiesa a Gerusalemme e nel Medio Oriente, e si sono diffuse attraverso la Grecia, la Turchia e l’Europa orientale, a nord in Russia, a sud in Egitto ed Etiopia e ad est fino all’India.

La prima serie di libri da digitalizzare è stata scansionata da un team di otto membri della Long Island Corporation, Seery .Systems Group, utilizzando la tecnologia di scansione di scuola superiore Germania. Il progetto era in qualche modo insolito per Richard Serry, i cui clienti dell’azienda sono solitamente governi statali e locali.

“Ho detto alle persone che normalmente non viaggio attraverso il ponte per il New Jersey per lavoro, e ora vado a Roma”, ha detto Siri in un’intervista telefonica. Anche per lui era la prima sostanza.

“Una pagina potrebbe essere in tedesco, la pagina successiva potrebbe essere in sanscrito o in un’altra lingua”, ha detto Siri della sua esperienza nella scansione dei testi. “E la cosa divertente è che dopo aver sfogliato pagina dopo pagina, libro dopo libro, all’improvviso sono riuscito a leggere qualcosa: inglese, qualcosa in inglese”.

READ  Usa questa ricetta della salsa marinara di Amy Schumer per più pasti

I libri digitali saranno gestiti tramite rifugio, una società di New York la cui tecnologia blockchain garantirà che l’istituto mantenga la proprietà e il controllo sui volumi.

Zhao Cheng Shoreland, CEO di rifugioHa detto di aver visitato la biblioteca l’anno scorso ed era molto entusiasta del progetto.

“È unico, non solo nel senso tecnologico ma anche nel senso di contribuire a una parte così meravigliosa della storia”, ha detto in un’intervista telefonica. ShelterZoom sta sottoscrivendo la prima fase del progetto.

Fabio Tassoni, direttore della biblioteca, ha detto che le scansioni sono state date ai libri più richiesti, quelli che trattano di liturgia orientale e lo studio degli scrittori paleocristiani per le Chiese orientali.

Tra le prime ad essere digitalizzate sono state anche le riviste pubblicate dallo stesso Istituto, in particolare i fascicoli che comprendevano manoscritti inediti, la loro traduzione e analisi scientifica. In tutto, finora sono stati digitalizzati circa 500 volumi, ha affermato, con l’intenzione di continuare il processo in futuro.

Il materiale riflette l’unicità dell’istituto, dove “si possono studiare tutte le chiese orientali, non solo una”, ha detto padre Nizar. “Conserviamo le risorse di molte di queste culture e chiese orientali affinché le persone possano tornare indietro e guardare alle proprie radici, specialmente quando le cose sono in un tale caos”.

Gli sforzi di acquisto di libri di Tisserant riflettevano l’ampiezza della missione dell’istituto e la profondità dell’impegno

Nel 1923, il suo assistente, il prete cattolico orientale Cyril Korolevsky, disertò in Romania, Transilvania, Ungheria e Polonia, prima di arrivare finalmente a Vilnius, la capitale della Lituania.

Tisrant ricorda in una lettera che scrisse nel 1955, quando ormai la sua stella era sorta: “Sperava di raggiungere la Bosnia, ma ha dovuto arrendersi”. Tesseran assunse la presidenza della Biblioteca Vaticana e, come Decano del Collegio Cardinalizio, in seguito presiedette alle messe funebri di Papa Pio XII nel 1958 e di Papa Giovanni XXIII nel 1963.

READ  Il duo per la festa del papà lancia la serie Dock Music 2022

Molti dei libri che l’Istituto ha continuato a raccogliere provenivano da paesi che facevano parte dell’ex Unione Sovietica.

Il signor Tasoni ha affermato che la biblioteca ha avuto come risultato alcune gemme inaspettate, come una serie completa di giornali Izvestia e Pravda dell’era sovietica, inclusi numeri che non sono stati trovati in Russia, “perché non ci sono più”.

L’istituto, che sta lavorando a un tariffario per l’accesso ai volumi digitali, continuerà a digitalizzare la raccolta anche dopo la partenza dei suoi partner di beneficenza. Ho finito per acquistare lo scanner con questo in mente.

Un altro ex studente ha affermato che la pandemia ha portato a casa il valore del progetto.

L’ex studentessa Leyla Demere, ora capo del dipartimento di fede islamica presso l’Università di Tubinga in Germania, ha scritto in una e-mail che due anni di chiusure e chiusure hanno dimostrato “quanto sia importante l’accesso digitale alle risorse accademiche”. Nessuna scala richiesta.