Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La banca di mamma e papà deve essere ritirata ora che è maggiorenne, dice il tribunale a una 32enne

La massima corte d’appello italiana ha detto a un uomo di 32 anni che non ha diritto a ricevere sostegno finanziario da suo padre, in un caso che ha fatto notizia in un paese in cui milioni dipendono dalla banca di una madre e di un padre.

Il disoccupato, il cui nome è stato omesso per motivi di privacy, vive con la madre in Sicilia da quando si è separata dal padre diversi anni fa.

La madre voleva continuare a ricevere una rata mensile dall’ex marito per mantenere il figlio, e per preservare il diritto dei coniugi a vivere nella casa di famiglia.

I giudici inizialmente si erano pronunciati a suo favore nel 2018, ma questo è stato ribaltato in appello nel 2020 e confermato dalla Corte di Cassazione, la Corte Suprema italiana, in una sentenza pubblicata questo mese.

Facendo appello al “principio di auto-responsabilità”, il tribunale ha affermato che un figlio non deve “abusare del diritto a ricevere il sostegno dei genitori oltre limiti ragionevoli di tempo e misura”.

Ha detto che il sostegno dei genitori esteso può essere giustificato solo per i figli che sono ancora in fase di istruzione o formazione.

Si segnala che il siciliano in questione ha frequentato gli ultimi corsi di formazione professionale nel 2012.

I giudici, che non hanno specificato quanto l’uomo si allontani così tanto dal padre, hanno affermato che non c’erano “circostanze oggettive o soggettive che potessero giustificare la sua incapacità di entrare nel mercato del lavoro”.

È noto da tempo che gli italiani orientati alla famiglia fanno fatica a lasciare il nido dei genitori, di solito a causa della difficoltà di trovare un lavoro in un paese stagnante che in genere offre lavori poco pagati e non sicuri per i giovani.

READ  Il capo del ministero della Sanità ha affermato che Israele sta ancora aspettando le dosi del vaccino COVID per i bambini

In media, gli italiani escono di casa intorno ai 30 anni, rispetto alla media dell’Unione europea di circa 26 anni. Questa media scende a circa 24 in Francia e Germania e 17,5 in Svezia.