Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un’azienda italiana vuole riciclare gli scarti delle concerie Savar

Un’azienda italiana ha proposto di ottenere una licenza per la gestione dei rifiuti solidi nella zona industriale della conceria di Savar (STIE) in modo da poterli riciclare in biogas e fertilizzante.

Ilsa SPA afferma sul proprio sito web che produce e commercializza biostimolanti e prodotti ad effetto specifico, fertilizzanti organici e minerali, solidi e liquidi.

La proposta insieme a una bozza di memorandum d’intesa per condurre uno studio di fattibilità è ora offerta al ministero dell’Industria, che è stata inviata dalla Bangladesh Small and Cottage Industries Corporation (BSCIC).

L’Italia lavorerà per trasferire tecnologia verde in una joint venture tra Bangladesh e Italia e aumentare gli investimenti italiani in Bangladesh, ha affermato ieri l’ambasciatore italiano in Bangladesh Enrico Nunziata, in visita di cortesia al presidente della BSCIC nel suo ufficio.

Attualmente, circa 50-60 tonnellate di rifiuti solidi, come carne, rifilatura e segatura, vengono generate ogni giorno da 132 delle 155 concerie che operano a STIE.

Durante il picco di produzione di quattro mesi che si concentra sui sacrifici di animali durante l’Eid al-Adha, la quantità sale a 150 tonnellate al giorno, secondo BSCIC.

In assenza di depositi di rifiuti, tutti i rifiuti vengono stoccati in un vicino lotto libero a cielo aperto su base temporanea, inquinando il distretto di Hemayetpur a Savar.

Il governo ha trasferito le concerie da Hazaribagh in città a Savar nel 2017 con l’obiettivo di rendere il settore della pelle più rispettoso dell’ambiente.

Ma a STIE manca ancora un’adeguata gestione dei rifiuti solidi e un impianto di trattamento delle acque reflue pienamente operativo.

READ  Buenos Aires incoronata Smart City di quest'anno

“Stiamo lottando con i rifiuti solidi. Non sarà possibile gestirli. Quindi dobbiamo utilizzare la tecnologia straniera”, ha affermato Mohamed Hassan, presidente del consiglio di amministrazione di BSCIC.

“BSCIC firmerà il protocollo d’intesa non appena il ministero concederà l’approvazione. Speriamo di attuare questa iniziativa entro un anno”, ha affermato.

“Siamo ottimisti. Possiamo usarlo. Tuttavia, la questione è ancora in fase di proposta. La verifica è in corso”, ha affermato Kazi Sakhawat Hussain, segretario aggiuntivo (BSCIC, SME e BITAC) presso il ministero.

“Porteremo tutti i rifiuti solidi nel nostro impianto… Ci sono piani per costruire questo impianto a Kaliakair a Gazipur”, ha affermato Abdus Salam Chito, direttore generale di Resources Regeneration BD, che funge da partner per l’azienda italiana.

Ha detto che biogas e fertilizzanti saranno esportati mentre l’impianto ospiterà un laboratorio all’avanguardia che collegherà l’industria e il mondo accademico.