Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Jimmy Fallon è tra i conduttori di talk show americani che sostengono scrittori sorprendenti

Jimmy Fallon è tra i conduttori di talk show americani che sostengono scrittori sorprendenti
  • Scritto da Ian Young
  • Reporter di spettacolo e arte

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia della foto,

Il comico britannico John Oliver ha mostrato il suo sostegno al “Comedy Writers Gathering” a luglio

I rivali dei talk show notturni della televisione americana, che sono andati in onda per quattro mesi durante lo sciopero di Hollywood, hanno unito le forze per ospitare un nuovo podcast per raccogliere fondi per i loro scrittori e la troupe.

Jimmy Kimmel, Seth Meyers, Jimmy Fallon, John Oliver e Stephen Colbert si definiscono Strike Force Five per la serie Spotify.

Sono stati tra i primi a non essere più trasmessi quando il libro è uscito a maggio.

Hanno quindi iniziato ad avere discussioni private settimanali sulla situazione.

Da quelle conversazioni, che Spotify ha descritto come “esilaranti e avvincenti”, è nata l’idea del podcasting.

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia della foto,

Stephen Colbert ha distribuito gelato durante un picchetto a New York il mese scorso

Il gruppo di star si alternerà a moderare le chat per i primi 12 episodi. Spotify ha affermato che “navigherà l’azione di Hollywood e oltre” e fornirà “uno sguardo dall’interno alla TV a tarda notte”.

Gli importi che vanno agli scrittori e ad altro personale nei loro programmi televisivi regolari non vengono resi noti.

Kimmel, che di solito ospita Jimmy Kimmel Live! Grazie sponsor Per risparmiare denaro, ha detto che il podcast continuerà “per il resto dello sciopero”.

Ci sono pochi segnali che lo sciopero, che ha coinvolto anche gli attori da luglio, sia terminato e abbia portato a gravi disagi nell’industria cinematografica e televisiva statunitense.

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia della foto,

Le star di Breaking Bad Aaron Paul (a sinistra) e Bryan Cranston erano ad un picchetto a Los Angeles martedì.

Il cast e la troupe della serie Breaking Bad e del film spin-off Better Call Saul erano tra gli ultimi picchetti a Los Angeles martedì.

“Onestamente, è come se fosse appena iniziato”, l’attore Aaron Paul ha detto a Deadline. “È importante che tutti sappiano che non andremo da nessuna parte.

“Stiamo combattendo una buona battaglia. Siamo solidali con ogni SAG [Screen Actors Guild] I membri sono lì, cercando di far quadrare i conti, mettendo il cibo in tavola, facendo ciò che amiamo.”

La star ha aggiunto che i dirigenti dello studio “non hanno veramente capito la realtà della situazione”, aggiungendo: “Una volta che gli anziani saranno tornati sulla Terra… sento davvero che troveremo un terreno comune e andremo avanti. “

Lo sciopero riguarderà anche i festival cinematografici previsti per questo autunno, poiché agli attori viene impedito di promuovere il proprio lavoro presso i principali studi cinematografici.

fonte dell’immagine, Daniele Venturelli

didascalia della foto,

L’attrice italiana Caterina Moreno ha fatto una sessione fotografica prima dell’inizio del Festival del Cinema di Venezia

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia della foto,

Il direttore di La La Land e il presidente della giuria di Venezia sostengono lo sciopero degli scrittori all’inizio del festival

Tra loro ci sono Sean Penn, Dakota Johnson, Finn Wolfhard, Viggo Mortensen, Maya Hawke e Laura Linney. La scadenza è stata comunicata.

Nel frattempo, Adam Driver, Mads Mikkelsen e Jessica Chastain saranno tra i partecipanti alla Mostra del cinema di Venezia, che inizierà mercoledì, perché neanche le loro produzioni sono coperte dallo sciopero.

Ancora più controverso, il festival italiano ospita proiezioni di film dei registi Woody Allen, Roman Polanski e Luc Besson, che in passato hanno dovuto affrontare accuse di violenza sessuale.

Il presidente del Festival Alberto Barbera ne ha difeso l’inclusione. Parlando di Allen, Barbera ha detto all’AFP: “È stato completamente vendicato. Sono passati venticinque anni e per me l’ostilità nei suoi confronti, soprattutto negli Stati Uniti, è assolutamente incomprensibile”.