Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

James Thornton, CEO di Intrepid Travel, spiega perché è felice di dire che “non è particolarmente intelligente”

James Thornton, CEO di Intrepid Travel, spiega perché è felice di dire che “non è particolarmente intelligente”

Quindi ogni giorno è solitamente diverso. L'unica cosa universale è che controllo sempre le mie e-mail per prima cosa e prendo un caffè, ma mi sveglio quando si accende la luce e vado da lì.

SP: Quindi davvero ti svegli secondo i raggi del sole?

JT: scienza. Viaggio per un lungo periodo di tempo. Quindi potrebbe essere Londra, New York o le nostre destinazioni asiatiche. Di solito dormo sempre bene.

Quando sorge il sole, mi sveglio e vado sempre direttamente alla posta elettronica. Abbiamo 20 uffici in tutto il mondo, quindi voglio tenere traccia di ciò che sta accadendo.

Naturalmente anche il caffè è estremamente importante. Faccio molto esercizio fisico, ma non la prima cosa al mattino. Per quanto mi riguarda, mi piace farlo più tardi nel corso della giornata.

SP: Quindi il caffè sembra almeno una cosa abbastanza costante.

JT: Il caffè è costante e davvero importante. Ciò è particolarmente impegnativo in alcune delle destinazioni verso cui viaggiamo in tutto il mondo. Vivo a Melbourne (Thornton è nato nel Regno Unito) e sono diventato un po' un amante del caffè. Quindi trovare un ottimo caffè è solitamente in cima alla mia agenda quando arrivo in città.

SP: Qual è il tuo caffè preferito?

GT: Sottile, piatto, bianco o magico.

SP: Cos'è la magia?

JT: La magia è una cosa molto tipica di Melbourne. È a metà tra un bianco piatto e un macchiato alto. Quindi è una versione leggermente più forte di un flat white e una versione leggermente più lattiginosa di un macchiato alto. lei è perfetta.

SP: Raccontami un momento cruciale della tua carriera che ha davvero cambiato il corso di ciò che stavi facendo, o che ti ha cambiato in qualche modo come leader.

JT: Ho abbandonato il college e ho ottenuto il tradizionale lavoro aziendale. Sono entrato in una società di gestione patrimoniale di clienti privati. È un modo carino per dire che stavo per passare i prossimi 40 anni della mia vita a rendere i ricchi ancora più ricchi.

Dopo qualche anno, ho pensato, aspetta un attimo, non ho molta passione per questo. Cosa farò davvero per andare avanti?

Ho due passioni nella vita, una è lo sport e l'altra sono i viaggi.

Non ero abbastanza bravo per giocare nella squadra di calcio inglese, quindi ho iniziato a seguire le compagnie di viaggio e ho trovato una compagnia di viaggi avventurosi per piccoli gruppi chiamata Intrepid. Portavano principalmente australiani in Asia e stavano aprendo un piccolo ufficio nel Regno Unito.

Stavano cercando un rappresentante di vendita che fosse il loro secondo o terzo dipendente nel paese. Hai proposto il mio nome anche se non avevo né qualifiche né esperienza. Sono andato a un colloquio di lavoro indossando un abito gessato e mi sono scottato perché il giorno prima avevo corso la maratona di Londra.

Hai avuto un colloquio terribile. Non mi hanno offerto il lavoro, l'hanno offerto a qualcun altro.

Esattamente tre settimane dopo ho ricevuto una telefonata che mi informava che la persona che avrebbe accettato il lavoro si era ritirata, sarei ancora interessato? Ho detto di sì.' Ho fatto il salto.

READ  Il controverso allenatore di relazioni Jake Maddock dice che le donne dovrebbero uscire con uomini più anziani

Il mio stipendio iniziale era di £ 18.500, meno della metà di quanto guadagnavo all'epoca nella gestione patrimoniale dei clienti privati.

Ho pensato di farlo per un paio d'anni, vivere qualche avventura, vedere il mondo e poi magari tornare e ottenere un lavoro aziendale tradizionale.

Ed eccomi qui, 19 anni dopo, a vivere dall'altra parte del mondo e ad essere stato amministratore delegato negli ultimi sette anni.

Quindi sono felice che mi abbiano richiamato. Sono felice che questa persona abbia rifiutato il lavoro.

SP: Ci hai pensato due volte prima di accettare un lavoro meno retribuito presso un'azienda più piccola?

JT: decisamente. Ricordo di aver parlato con mio padre in quel momento. Gli ho detto che avrei preso la metà dei soldi e avrei abbandonato una carriera aziendale tradizionale davvero buona per unirmi a una piccola azienda australiana di proprietà privata che portava gli australiani solo nel sud-est asiatico.

Ha semplicemente detto: “Penso che se sei appassionato, se sei disposto a lavorare duro, probabilmente avrai successo”.

So che sembra un cliché, ma per me ha funzionato incredibilmente bene. Nel giro di due anni ho avuto l'opportunità di trasferirmi a Melbourne con un contratto di un anno, sono arrivato con una valigia e da allora non sono più tornato a casa.

SP: Qual è il miglior consiglio professionale che tu abbia mai ricevuto?

JT: All'inizio di Intrepid, mi sono seduto con uno dei nostri leader globali e mi hanno detto: “In Intrepid, vogliamo che tu prenda decisioni e vogliamo che tu ammetta i tuoi errori”. E vogliamo che tu impari da questo. Se fai queste cose, spero che prenderai decisioni migliori e più informate.

Sei diventato un leader relativamente giovane del business. Sono stato il primo Amministratore Delegato non fondatore del marchio Intrepid quando avevo 31 anni. Ero amministratore delegato del gruppo quando avevo 35 anni.

Quindi ho dovuto riunire intorno a me persone più esperte e competenti di me.

Ora aggiungo a questo il mio consiglio personale, ovvero di avere due orecchie e una bocca. C'è una ragione per questo. Questo perché come leader devi ascoltare più che parlare.

Quindi passo molto tempo cercando di ascoltare le persone esperte intorno a me.

Quando prendi una decisione, spesso commetti ancora degli errori. E quando lo fai, devi ammettere quegli errori.

SP: La chiave per prendere una decisione è rapidamente o non importa quanto tempo ci vuole?

JT: Personalmente sono disposto a prendermi tutto il tempo necessario per prendere una decisione.

Ma sono anche molto consapevole del fatto che, in qualità di CEO, puoi mandare all'aria molte cose nel business se non vai avanti in tempi relativamente brevi. Quindi potrei cogliere l'occasione in una riunione per dire: “Vado via e ci penserò, ma tornerò con una decisione entro 24 ore”.

Penso che sia giusto andarsene e riflettere, ma come leader dell'azienda, stai ritardando le cose se non sei disposto a farti avanti e fare una chiamata.

READ  Israele sta valutando un piano di cessate il fuoco man mano che si realizzano progressi

SP: Sembra anche che tu non abbia paura di avere persone più intelligenti intorno a te e di non essere sempre la persona più intelligente nella stanza. Come gestisci la cosa?

JT: Sicuramente non sono la persona più intelligente nella stanza. Ne sono consapevole. Non sono particolarmente intelligente come individuo. Sono andato bene a scuola e penso di sapere in cosa sono bravo. Poi assumo altre persone, che sono molto migliori di me in molte, molte altre aree del business, ed è mio compito ascoltarle, prendere i loro giudizi informati e cercare di effettuare le chiamate di conseguenza.

Mi sono sentito molto a mio agio perché sono diventato un leader in tenera età. Ereditando team di gestione composti da persone più grandi di te, devi essere pronto ad ascoltarli ed è così che ottieni rispetto e fai quelle chiamate.

SP: Quale leader, aziendale o meno, ammiri davvero e perché?

JT: Yvon Chouinard, fondatore [outdoor clothing company] Patagonia.

Yvon Chouinard non ha mai voluto creare un'impresa di successo. Voleva fare escursioni e fare surf, eppure, creando ottimi prodotti e prendendo decisioni migliori per la sua gente e l'ambiente, ha creato un business straordinario.

Ora ha fatto una mossa [transforming the] Il 100% dei profitti dell'azienda che possiede viene donato al pianeta collocandoli in un fondo fiduciario. Quindi i profitti derivanti dall’attività vanno a beneficio del pianeta e delle cause ambientali sostenute da Patagonia. È un leader incredibilmente stimolante.

SP: Sostieni le ragioni di Intrepid?

JT: decisamente. Central è certificata B Corp dal 2018. Siamo stati il ​​primo tour operator a vietare i giri sugli elefanti nel 2014, il che potrebbe non sembrare una mossa molto audace, ma all'epoca il 32% della nostra attività era diretto nel sud-est asiatico e tutto nel sud-est Asia a quel tempo gli offrivamo un giro su un elefante.

Eravamo pienamente consapevoli che, se lo avessimo fatto, i clienti avrebbero potuto scegliere di organizzare i loro viaggi con alcuni dei nostri concorrenti.

Ciò che in realtà è successo è che abbiamo ottenuto la più grande copertura mediatica mai vista per una delle nostre attività. E abbiamo già cambiato il settore, perché più di 200 tour operator in tutto il mondo hanno seguito l'esempio.

Credo che con questa decisione abbiamo davvero cambiato il settore.

SP: Quando voli da uno stato all'altro, a che ora prendi generalmente i voli mattutini o serali? Vai sul volo delle 6? [interstate] E di nuovo sul volo delle 21:00?

JT: Non viaggio molto da uno stato all'altro e la maggior parte dei miei viaggi sono internazionali.

È più probabile che io sia sull'aereo per Londra che su quello per Sydney. Quindi per me non importa se è la prima cosa al mattino o l'ultima cosa la sera. Si svolge principalmente nei fine settimana, ma si adatta il più possibile al mio programma.

SP: Ti va bene svegliarti alle 3 o alle 4 del mattino se devi prendere un volo?

JT: completamente. C'è un volo in partenza da Melbourne e credo che siano le cinque o le sei del mattino. Può portarti in Europa entro sera. Quindi ti svegli alle tre del mattino, viaggi attraverso il Medio Oriente e sei in una città europea per cena. È ottimo.

READ  I conservatori hanno subito enormi perdite nel consiglio nell’ultimo test prima delle elezioni generali

SP: Hai consigli per il jet lag?

JT: Corro sempre quando arrivo a destinazione. Trovo davvero importante prendere una boccata d'aria fresca dopo essere stato su un aereo per un lungo periodo di tempo.

L'altra cosa che faccio è accedere immediatamente al fuso orario della destinazione in cui mi recherò, perché non devo chiedermi a che ora ero lì. Devi inserire immediatamente quel fuso orario. Se non riesco a dormire, cerco solo di riposarmi e rilassarmi quando sono nella stanza d'albergo e di non preoccuparmi davvero di essere abbastanza stanco da dormire.

SP: Per quanto tempo correrai?

JT: Dipende. Penso anche che correre sia un ottimo modo per vedere una nuova destinazione o città. Adoro stare all'aria aperta, all'aria aperta e in una nuova città e mi sento sempre meglio dopo averlo fatto.

SP: Qual è il tuo animale domestico da ufficio?

JT: Intrepid gestisce un piano di hot desking e diventa frustrante quando le persone tornano alla stessa scrivania ogni giorno. Adoro entrare in contatto con persone diverse, sedermi accanto a persone diverse, ascoltare storie diverse e imparare cose diverse, ma le persone sono spesso creature abitudinarie. Questo mi frustra un po'

SP: Davvero non ti piace la routine, vero?

JT: ovviamente no. Una cosa che faccio spesso è andare a sedermi [someone else’s] ufficio.

SP: Se avessi 12 mesi liberi, senza impegni, potessi fare tutto quello che vuoi, cosa faresti?

JT: Comprerò un biglietto per il giro del mondo con mia moglie e mio figlio di 11 anni. Partiremo per una grande avventura e visiteremo molti paesi in cui non abbiamo ancora avuto l'opportunità di andare.

Quindi attraverseremo l'America Centrale, nel corso di due mesi viaggiando da San Diego a Panama City. Ci rilassavamo su due isole dei Caraibi che non avevamo mai visitato prima, poi ci dirigevamo verso parti dell'Europa che non avevamo ancora esplorato, i Paesi Baltici o i Balcani, fino alle parti meridionali dell'Africa.

Andremo in Asia e andremo ai Cinque Stan. E penso che alla fine ci ritroveremo con un percorso sull'Himalaya, l'Annapurna Trail [in Nepal].

SP: Se ti dicessi per circa un mese o sei settimane su 12 mesi che devi tornare nei posti in cui sei già stato, dove torneresti?

JT: Andrò in Ruanda [with the] I gorilla di montagna, il momento clou del mio viaggio personale, e potrei tornare in Antartide, il settimo continente. La lontananza, la grandiosità e l'isolamento sono assolutamente sorprendenti e incredibili.

Penso che dovrò trascorrere un po' di tempo anche nel sud dell'Europa. Amo la cultura dell'Europa meridionale, lo stile di vita rilassato, il cibo, le spiagge e magari un po' di vela in Croazia.