Agosto 4, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Italia: Sicilia sonda dati epidemici errati per correggere misure di controllo – Corona virus

I dati epidemici inviati a un’organizzazione sanitaria superiore (modificando il numero di individui positivi e test PCR) sembrano essere cambiati, influenzando così le misure adottate per controllare la diffusione del virus. Con tale accusa il moschettone del Comando Provinciale NAS e Tropani di Palermo ha eseguito un mandato di arresto domiciliare nei confronti di dipendenti dell’Assessorato Regionale Operazioni Sanitarie Regionali e dell’Assessorato Regionale di Epidemiologia (TASO). Sicilia – Accusata di false dichiarazioni – lo riferisce martedì l’emittente Roy News, Citato da Radar.

Uno degli indagati è il consigliere sanitario regionale della Sicilia Rugero Rassa. L’amministratore delegato di DASOE Maria Leticia de Liberty, l’ufficiale regionale Salvador Guccimano ed Emilio Madonna, un dipendente di una società che si occupa della gestione informatizzata dei dati del consiglio comunale, sono stati condannati agli arresti domiciliari.

È iniziato con la scoperta che un laboratorio di Alcoma (Trapani) ha fornito dati falsi su decine di test PCR, motivo per cui la Procura ha ordinato una serie di indagini, tutte portate all’ufficio regionale. Allo stesso tempo, più interruzioni telefoniche confermeranno il trasferimento dei dati inviati alla ISS.

La Procura Tropani parla di un “piano politico vizioso” per aggirare le restrizioni

Il magistrato trapanese parla di “un vizioso piano politico” e, su richiesta dell’avvocato, ha disposto gli arresti domiciliari di un dirigente, un funzionario della sanità regionale e un dipendente di una società di informatica. Disinformazione sanitaria sull’evoluzione dell’epidemia nell’isola. Pertanto, il numero di morti e il numero di positivi sono stati “inciampati” in modo tempestivo per evitare di essere collocati nella Zona Rossa Siciliana.

Nell’indagine è coinvolto anche il consigliere sanitario Rugero Rassa, mentre – scrive il giudice del processo – “Musumasi, il leader della regione, sembra essere un outsider di questa farsa ed è tratto in inganno dalla disinformazione che gli è stata comunicata”. Oltre alle tre persone agli arresti domiciliari, sono indagati anche Ferdinando Gross, viceministro di Giunta regionale, e il dirigente Mario Palermo.

READ  Sylvia de Pietro batte il record italiano in 50 stile libero e 50 farfalle

“Hanno falsificato la morte e i dati dei test”

“61 ad Agrizento, 75 a Caldanicetta, 90 a Catania, 508 – Palermo …”. Ufficiale Salvador Guccimano, uno dei tre direttori regionali arrestati in patria a seguito di un lampo effettuato martedì mattina da NAS Carbineeri nell’ambito di un’indagine della Procura Tropani su false dichiarazioni dei dati di Covit. Dato che fa saltare dalla sedia un altro medico arrestato, Maria Leticia de Liberty risponde a Cusimano gridando al telefono: “Cosa stai dicendo? Che ne dici? No, scusate, questo non può essere, se questi sono i dati definitivi, il Palermo va subito in zona rossa, subito ”.

Il 19 marzo il dipartimento della salute è stato preso dal panico. L’Ospedale Cervello di Palermo non ha segnalato 228 pazienti positivi e si sono appena accorti di non essere stati registrati nei giorni precedenti. Con Cervello, il numero di nuovi positivi ha raggiunto più di 730 casi. “Ma hai tenuto i dati del Cervello?” Chiede De Liberto, ritenendo che su 508 positivi l’ospedale sia arrivato in ritardo nell’invio dei dati. Ma Cusimano gli dice: “No, no, no, senza Cervello, senza Cervello”.

730 New Positives è un sogno che si avvera perché con 508 entri direttamente nella zona rossa. Cosa fare? La soluzione arriva dopo aver consultato l’assessore Rassa: “Al momento vado sotto i 400 a Palermo. Ho parlato con Rugero e domani parteciperemo. “Cusimano,” con questi articoli? “Il direttore generale risponde:” Sì, sì, sì, porteremo 508 a 370 … Comunque, questi sono numeri esagerati … e abbiamo aggiunto 1.000 buffer “. Will essere al di sotto della soglia da rispettare.

Musumasi: Non ho mai nascosto i dati, la verità verrà svelata presto

READ  L'Italia introdurrà l'isolamento obbligatorio di 5 giorni per le persone provenienti da altri paesi dell'UE

“Non dico di essere sorpreso da circostanze come questa. Ci aspettavamo zone rosse in Sicilia e non le abbiamo nascoste”, ha commentato il responsabile regionale siciliano Nello Musumeci in merito all’indagine della Procura Tropani sui dati falsi durante il ” Programma “Omnibus” sul canale La 7. È coinvolto anche il consulente sanitario Rugero Rassa.

“Tutto quello che facciamo da più di un anno è improntato alla massima trasparenza – ha sottolineato Musumechi.” Ho sempre seguito un percorso rigoroso e determinato. Due settimane fa, abbiamo appena detto alla Sicilia di entrare nella zona rossa. Il nostro unico obiettivo non è la classificazione delle regioni, ma il numero di morti. Lavoriamo con gli investigatori e vediamo più tardi. “

Interruzioni telefoniche: “Morto? Spargiamoli un po ‘. “

“Spargiamoli un po ‘.” E ‘quanto il consigliere sanitario Rugero Rassa ha consigliato al direttore regionale di riferire all’Istituto Superiore di Sanità sulle date dei decessi causati da Kovit in Sicilia. Sia Rassa che la regista Leticia de Liberty sono indagati per frode. “Devo lasciare i morti da soli o spargerli?” Chiede, non sapendo di essere stata intercettata. “Ma sono numeri reali?” Chiede Rassa. “Sì, è stato 3 giorni fa”, ha risposto. Rassa è d’accordo: “Spargiamoli un po ‘”.

La verità era nascosta ai cittadini

“L’inefficienza, i difetti e i malfunzionamenti delle strutture esterne in relazione al cambiamento dei dati sono stati efficacemente sfruttati. Per quanto riguarda l’obiettivo finale da perseguire modificando deliberatamente e continuamente i dati epidemiologici, la natura e le conseguenze del comportamento criminale e la qualità del i soggetti coinvolti e la loro azione integrata non sono stati perseguiti per scopi personali dagli indagati. “Fa credere. Il progetto più comune e politico”.

La decisione è stata redatta dal giudice del processo Tropani Caterina Brignon in un documento con i mandati di arresto domiciliare della direttrice regionale Maria Leticia de Liberty e di due collaboratori e il mandato della guardia domestica nel caso dell’assessore regionale alla sanità Rugero Rassa. Dati errati sul numero di infezioni e decessi causati da Govt.

READ  Come si preparano i borghi più belli d'Italia per i turisti quest'estate

Il consigliere Ressa si è dimesso

“Alla luce dell’indagine svolta dall’avvocato di Trapani, vorrei ribadire che l’epidemia in Sicilia è sempre stata seguita da vicino, come testimonia il fatto che in Sicilia, ogni organo obiettivo, dai letti degli ospedali e dalle decisioni che vengono Da sempre attesi nella nostra regione, spesso anticipiamo le decisioni delle autorità di Roma e prendiamo provvedimenti drastici. “Non c’è bisogno di coprire la popolazione colpita o minimizzare l’impatto dell’epidemia”, ha detto Rugero Rassa, consigliere sanitario della Sicilia. Disinformazione, nota le sue dimissioni.

“I fatti identificati si riferiscono essenzialmente al trasferimento materiale dei dati dalla piattaforma, che viene segnalato in base al decorso effettivo dell’infezione, che spesso si riferisce a diversi giorni, ma non solo al giorno della comunicazione” – afferma. “Come sempre, l’evento della lettura del gatto dopo la morte contribuirà alla formazione di una diversa ipotesi, che sarà indagata da un’autorità giudiziaria competente individuata dal giudice del processo”. “Ma dovrebbe essere chiaro che ogni vittima è stata registrata per nome dal computer e nessun dato è stato trasferito finora per coprire il fatto”, dice Rassa. “Tuttavia, soprattutto durante le epidemie, le aziende devono essere protette dai sospetti. Ho chiesto al presidente regionale di accettare le mie dimissioni per liberare il governo da inevitabili polemiche”.

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha accettato le dimissioni di Rugero Rassa, consigliere sanitario coinvolto nell’inchiesta della Procura Tropani sulla disinformazione sulle epidemie in Sicilia, e ha convocato una riunione straordinaria della giunta regionale.