Febbraio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Italia, Arabia Saudita e Corea del Sud sono in lizza per ospitare l’Expo 2030

Italia, Arabia Saudita e Corea del Sud sono in lizza per ospitare l’Expo 2030

A Parigi è visibile un grande cartellone pubblicitario della candidatura dell’Arabia Saudita all’Expo mondiale 2030, che sarà scelta dagli stati membri del BIE come paese ospitante per l’Expo mondiale 2030, che si riunirà il 25 novembre alla 173a Assemblea generale a Parigi, in Francia. , 2023. REUTERS/Gonzalo Fuentes/file foto Ottieni i diritti di licenza

  • In lizza ci sono Busan della Corea del Sud, Riad dell’Arabia Saudita e Roma dell’Italia
  • I paesi stanno facendo pressioni a Parigi per un voto equo a livello globale
  • Il vincitore sarà scelto martedì tramite ballottaggio

PARIGI, 28 novembre (Reuters) – Italia, Arabia Saudita e Corea del Sud si contenderanno martedì a Parigi il diritto di ospitare l’esposizione mondiale Expo 2030, che si tiene ogni cinque anni. .

I rappresentanti dei tre paesi hanno trascorso gli ultimi mesi in lizza per i voti dei 182 stati membri del Bureau International des Expositions, organizzando vistosi eventi di lobbying nella capitale francese.

La città di Busan, nel sud-est della Corea del Sud, è in competizione con Riad in Arabia Saudita e Roma in Italia.

Roma ha posto una maggiore enfasi sui diritti umani e sulla democrazia nel suo tentativo di ospitare l’Expo, presentandosi come una scelta più etica rispetto a Riad, che è ampiamente considerata la favorita.

“Roma è la città più credibile per un’Expo con un obiettivo di sviluppo sostenibile che rispetti i diritti umani, la diversità, il dialogo, l’inclusione, le donne, la comunità LGBTQ+, i sindacati”, ha detto il sindaco della città Roberto Gualtieri in una conferenza la scorsa settimana.

“Certamente abbiamo meno capitale economico di quanto hanno avuto altri chiedendo un voto diretto… (ma) se i soldi derivanti dalla vendita di combustibili fossili superano tutto il resto, stiamo dicendo al mondo: ‘Guarda come. Questi eventi accadranno cambiamento”, ha aggiunto.

READ  Nasce Omni Bridgeway in Italia, dà il benvenuto a Giacomo Serra Zanetti

Commercio di cavalli

Una vittoria per l’Arabia Saudita sarebbe una vittoria importante per l’ambizioso piano Vision 2030 del principe ereditario de facto Mohammed bin Salman.

I critici sostengono che il principe Mohammed stia sfruttando l’evento per rafforzare la reputazione del suo paese dopo l’uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel 2018, che i leader occidentali ritengono sia stata ordinata dal principe ereditario.

Riyadh ha ottenuto il sostegno francese nel primo turno di votazioni, che secondo i consiglieri di Macron era in cambio di un aiuto saudita su altre questioni al centro delle priorità diplomatiche francesi.

Un funzionario europeo ha detto che è legato al Libano, senza specificare. Ma un consigliere di Macron ha affermato che l’impegno è limitato al primo turno di votazioni. Se nessun paese ottiene la maggioranza nel primo referendum, è necessario più di un voto.

Intanto a Parigi la campagna è in pieno svolgimento.

Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha affermato durante un viaggio a Parigi che l’Expo sarà un’opportunità per restituire la Corea del Sud al mondo attraverso gli aiuti internazionali dopo la guerra di Corea del 1950-53.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha cercato personalmente di persuadere i leader internazionali a sostenere l’iniziativa di Roma, dandole il suo pieno sostegno politico. Martedì, però, non è previsto il viaggio a Parigi, segno che ritiene che la causa potrebbe essere persa.

Roma vuole utilizzare l’Expo come un modo per attrarre investimenti, come ha fatto Milano quando ha ospitato con successo l’Expo del 2015. Sarà l’ultima Expo ad essere organizzata in Europa, e con Dubai nel 2020 e Osaka in Giappone nel 2025, il continente è giustificato a ritornare nel 2030, dice Roma.

READ  Jorgenho ed Emerson lasciano il campo della Lega italiana in vista della nuova stagione al Chelsea

Reportage di Michel Rose ed Elizabeth Pineau a Parigi, Crispian Balmer e Giselda Vagnoni a Roma, Hyonhee Shin a Seoul e Pesha Magid a Riyadh; Montaggio: Christina Fincher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda