Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Israele si impadronisce di 800 ettari di terra palestinese nella Cisgiordania occupata | Notizie dalla Cisgiordania occupata

Israele si impadronisce di 800 ettari di terra palestinese nella Cisgiordania occupata |  Notizie dalla Cisgiordania occupata

L'annuncio del ministro delle Finanze Bezalel Smotrich arriva nonostante le pressioni internazionali contro la costruzione di insediamenti illegali da parte di Israele.

Il ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich ha annunciato che 800 ettari (1.977 acri) nella Cisgiordania occupata sono terra statale, con una mossa che faciliterebbe l’uso del territorio per costruire insediamenti.

L'annuncio è arrivato venerdì mentre il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha visitato Israele per colloqui con il primo ministro Benjamin Netanyahu.

Smotrich ha sottolineato la determinazione del governo ad andare avanti con la costruzione di insediamenti in Cisgiordania, nonostante la crescente opposizione internazionale.

“Mentre ci sono persone in Israele e nel mondo che cercano di minare il nostro diritto alla Giudea e Samaria e al paese in generale, noi stiamo promuovendo la soluzione attraverso il duro lavoro e in modo strategico in tutto il paese”, ha detto Smotrich, usando nomi biblici. . Per l'area della Cisgiordania comunemente utilizzata in Israele.

La classificazione delle terre nella Valle del Giordano come terre statali segue una designazione simile per un’area di 300 ettari (740 acri) nella regione di Maale Adumim in Cisgiordania, che i palestinesi vogliono come cuore del loro futuro stato indipendente.

Il mese scorso gli Stati Uniti hanno affermato che l’espansione degli insediamenti israeliani in Cisgiordania non è conforme al diritto internazionale, segnalando un ritorno a una politica statunitense di lunga data che la precedente amministrazione Donald Trump aveva invertito.

Questo cambiamento ha riportato gli Stati Uniti in linea con la maggior parte dei paesi del mondo che considerano illegali gli insediamenti costruiti sulle terre palestinesi occupate da Israele nella guerra in Medio Oriente del 1967. Lo stesso Israele contesta questo punto di vista, citando i legami storici e biblici del popolo ebraico con la terra.

READ  L'Australia è al secondo posto nella classifica delle importazioni di cibo dalla Cina

All'inizio di questo mese, lo ha detto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk Egli ha detto: “La creazione e la continua espansione degli insediamenti equivale a… un crimine di guerra ai sensi del diritto internazionale”.

“Collusione e insabbiamento”

Le autorità palestinesi hanno condannato la confisca delle terre e l'espansione degli insediamenti.

Il Ministero degli Esteri palestinese ha descritto l’ultimo passo come un “crimine” e parte di “una politica ufficiale in corsa contro il tempo per annettere la Cisgiordania ed eliminare la possibilità di creare uno Stato palestinese”.

Il ministero ha affermato in una nota: “Non esistono morali, valori, principi o risoluzioni internazionali che possano fermare l’estrema destra”.

Ha aggiunto: “L'incapacità internazionale di proteggere il nostro popolo è complicità e una copertura per la continua elusione della punizione da parte di Israele”.

Smotrich, l'influente leader di uno dei partiti di estrema destra pro-coloni della coalizione di Netanyahu, vive in un insediamento e sostiene costantemente la costruzione degli insediamenti.

L'organizzazione israeliana di monitoraggio degli insediamenti “Peace Now” ha affermato che la confisca annunciata è la più grande dagli accordi di Oslo del 1993, e “l'anno 2024 rappresenta un picco nella portata dell'annuncio delle terre statali”.

Peace Now ha descritto il momento dell’annuncio come “provocatorio” perché è avvenuto durante la visita di Blinken, che ha criticato l’espansione degli insediamenti da parte del governo di Netanyahu.

È aumentata la pressione internazionale per riprendere gli sforzi per raggiungere una soluzione a due Stati, con uno Stato palestinese indipendente accanto a Israele, nel contesto degli sforzi per porre fine alla guerra che dura da sei mesi a Gaza.

READ  Nel caso dell'elezione di Trump, una giuria in Georgia ha raccomandato l'accusa contro la senatrice Lindsey Graham

Dalla firma degli Accordi di Oslo sono stati fatti pochi progressi nel raggiungimento dello Stato palestinese. Tra gli ostacoli che lo impediscono c’è l’espansione degli insediamenti israeliani.