Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Attacchi di droni colpiscono le raffinerie di petrolio russe e a Belgorod si registrano vittime civili

Attacchi di droni colpiscono le raffinerie di petrolio russe e a Belgorod si registrano vittime civili

Nella regione russa di Samara, una serie di “diversi attacchi di droni” hanno preso di mira le raffinerie di petrolio locali, ha detto il governatore Dmitry Azarov tramite Telegram.

Azarov ha detto che uno di questi attacchi ha provocato un incendio nella raffineria di Kuibyshev, sottolineando che non ci sono state vittime. La raffineria di Kuibyshev, gestita dal colosso petrolifero russo Rosneft, è una delle più grandi di Samara, con una capacità di produzione annua di sette milioni di tonnellate, secondo il suo sito ufficiale.

Azarov ha anche scritto che un altro attacco di droni, questa volta contro la raffineria di Novokuibyshevsk nella regione, è stato respinto senza causare danni alle attrezzature tecnologiche della struttura.

Nel frattempo, il Ministero della Difesa russo ha rilasciato una dichiarazione in cui dettaglia la distruzione di “12 droni ucraini” durante le operazioni notturne. Questi attacchi hanno preso di mira le regioni confinanti con l’Ucraina, tra cui Bryansk (5 droni), Belgorod (5 droni) e Voronezh (1 drone), nonché un drone abbattuto a Saratov.

A Belgorod, il governatore Vyacheslav Gladkov ha inviato un telegramma un report Impatto degli attacchi di droni su due aree.

Ha aggiunto: “Sembra che la mattinata sarà difficile”.

Secondo lui, due persone sono morte e altre sette sono rimaste ferite a Belgorod e nella regione.

Il governatore scrive: “Vari danni si sono verificati in 69 appartamenti in 14 edifici residenziali, in quattro abitazioni private e in tre enti economici”.

I resoconti dei media russi hanno rivelato gli effetti degli attacchi di droni nella città di Belgorod, e il centro commerciale Mont Blanc era tra i grattacieli danneggiati.

I russi sono tra i principali donatori per la raccolta fondi con i droni in Ucraina durante le elezioni presidenziali

Inoltre, i droni hanno preso di mira la fabbrica di metalli elettrici di Oskol, provocando forti esplosioni e scene orribili riprese in video dai residenti.

Nonostante l'intensità degli attacchi, il centro stampa dell'azienda ha confermato che non ci sono state vittime o danni gravi alla fabbrica, che è uno dei principali fornitori dell'industria della difesa russa.

Questi attacchi avvengono in un contesto di crescente tensione tra Russia e Ucraina, mentre Kiev intensifica i suoi attacchi di ritorsione sul territorio russo, con particolare attenzione ai siti energetici. Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti hanno esortato Kiev a fermare i suoi attacchi contro le raffinerie di petrolio russe, citando preoccupazioni per l’aumento dei prezzi del greggio e potenziali ritorsioni.

La tempistica di questi eventi coincide con un’ondata di attacchi ucraini riusciti contro gli impianti petroliferi russi, in vista delle recenti elezioni presidenziali in Russia. La vittoria elettorale di Vladimir Putin, segnata da dubbi sulla legittimità, ha messo in ombra le potenti capacità dei droni dell’Ucraina, mettendo a rischio la maggior parte delle raffinerie di petrolio nella Russia occidentale, come ha notato l’ex analista della CIA Helima Croft.

Julia Strack