Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Israele mostra che i casi di COVID-19 potrebbero esplodere una volta che la vita tornerà alla normalità quando vaccinati all’80%

La vita sarà molto diversa una volta che l’80% degli australiani sarà vaccinato, ma un paese ha dimostrato i rischi di un’eccessiva fiducia in se stessi e di abbandonare il resto del kit COVID.

L’ho promesso all’Australia Più libertà una volta raggiunta la soglia dell’80% A quel punto, ha detto il primo ministro, potrebbe iniziare a trattare il COVID-19 come l’influenza.

Il premier del New South Wales Gladys Berejiklian ha affermato che una volta che il suo stato raggiungerà il livello dell’80%, più comunità riaprirà. Ma l’estensione della libertà dipenderà dai numeri dei casi.

“Devi ancora rispettare alcune delle regole che esistono sulle vaccinazioni, sul distanziamento sociale e sull’uso delle mascherine [once 80 per cent target is met]Lei disse.

Ma Israele, che ha una popolazione uguale a Sydney, ha riaperto completamente le sue porte dopo aver raggiunto l’80% e ha fatto un enorme passo indietro.

Due donne che portano borse della spesa e maschere sotto il mento ridono in una strada in Israele.
Negli ultimi mesi, Israele ha riaperto attività commerciali, scuole e sedi di eventi, revocando quasi tutte le restrizioni.(

ABC News: Phil Hemingway

)

Israele ha preso il comando nelle prime fasi della corsa alla vaccinazione, vaccinando i suoi cittadini a un ritmo sorprendente per fornire il vaccino più veloce del mondo.

Circa il 78 per cento della popolazione ammissibile è ora completamente vaccinata, poco meno dell’obiettivo dell’80 per cento fissato per l’apertura dell’Australia.

Ma nelle ultime settimane, Israele è stato colpito da un’improvvisa insorgenza di COVID-19, con il numero medio giornaliero di casi di sette giorni che questa settimana è salito a oltre 6.500.

L’epidemiologo Catherine Bennett della Deakin University ha prestato molta attenzione all’esperienza di Israele con COVID-19 e ha affermato che il nuovo aumento delle infezioni è “deludente” perché ha minato le speranze di molte persone che la vita potesse tornare alla normalità.

Una donna in una scena in un parco.
Professor Catherine Bennett, Deakin Head of Epidemiology.(

ABC News: Peter Driver

)

“A tutti piaceva che fosse una grande storia in cui puoi vivere normalmente e tutto va bene”, ha detto.

“Sono entrati in un futuro che speravamo fosse possibile… ma quello era prima del Delta”, ha detto.

Allora cosa è andato storto con Israele? Due mesi fa, il Paese sembrava aver sconfitto il virus.

Il numero medio di casi su sette giorni è sceso da un picco di oltre 8.500 a gennaio a una manciata di casi entro giugno dopo una campagna di vaccinazione di successo, e le autorità sanitarie erano euforiche.

Anche il tasso di mortalità è diminuito, da una media di oltre 65 al giorno a gennaio a quasi zero a fine giugno, secondo i dati della Johns Hopkins University.

Tuttavia, questo successo non durerà a lungo.

Con l’allentamento di quasi tutte le restrizioni a giugno, Riunioni di massa come l’annuale LGBTQI Pride Parade Presto ha visto decine di migliaia di festaioli affollarsi su una spiaggia di Tel Aviv, cantando, ballando e coccolandosi.

Un gruppo di giovani donne con fan che ridono mentre spruzzano gocce d'acqua nell'aria
Le persone prendono parte a una parata annuale del gay pride a Tel Aviv il 25 giugno.(

Reuters

)

I residenti hanno festeggiato il fatto di non dover indossare maschere o distanziamento sociale, e alcuni hanno persino viaggiato all’estero, sebbene siano stati incoraggiati a non indossare una maschera.

Ma in poche settimane, la formula Delta si è fatta strada nel paese, presentandosi inizialmente nelle scuole.

“La stragrande maggioranza delle persone infette sono bambini non vaccinati. Ci sono anche individui vaccinati [and] Un comunicato diffuso dal ministero della Salute israeliano afferma che “i casi gravi sono tra gli anziani dai 60 anni in su”.

Secondo l’epidemiologo israeliano Nadav Davidovich, i residenti anziani che in precedenza avevano ricevuto due dosi del vaccino Pfizer hanno iniziato a riportare sintomi gravi dopo aver contratto il virus, sollevando preoccupazioni sul fatto che l’efficacia del vaccino stia diminuendo.

Nadav Davidovich, che lavora presso l’Università Ben-Gurion di Israele ed è membro del Comitato nazionale di esperti sul COVID-19, ha affermato che Israele ha una falsa fiducia.

“La gente stava festeggiando la fine del COVID e probabilmente era troppo presto”, ha detto.

Israele impara dure lezioni da Delta

Da quando sono esplose le questioni, Israele ha dovuto fare marcia indietro.

Le mascherine sono state reintrodotte all’interno e recentemente è stato reimpostato il “corridoio verde”, che richiede ai residenti di dimostrare il proprio stato di vaccinazione prima di entrare in determinati luoghi.

Una donna sul petto che pilota una macchina in palestra guarda il suo riflesso
I “pass verdi” sono necessari quando si accede a strutture come le palestre.(

Reuters: Ronen Zvulun

)

Tre settimane fa, Israele ha iniziato a fornire la terza dose di Pfizer agli anziani e agli operatori sanitari e da allora sono state somministrate un milione di dosi di richiamo.

Israele ha anche sperimentato incentivi come la birra gratis per conquistare gli indecisi, con più di un milione di persone ancora in attesa di ricevere un vaccino.

Per quanto riguarda la richiesta di un’altra chiusura, il professor Davidovich ha affermato che il governo resisterà il più a lungo possibile.

“Per me, si chiude solo quando fallisci.”

Nadav Davidovich
Nadav Davidovich è un epidemiologo e medico di salute pubblica in Israele.(

fornito

)

Ha detto che l’indicatore principale sarebbe se gli ospedali fossero esclusi e fortunatamente il numero di ricoveri fosse dimezzato dopo l’inizio della vaccinazione.

Anche il tasso di mortalità è molto più basso, nonostante l’alto numero di casi.

Al 17 agosto, il tasso di mortalità medio giornaliero su sette giorni era di 19, rispetto a una media di sette giorni di 65 morti al giorno al culmine dell’epidemia in Israele a gennaio.

La professoressa Catherine Bennett ha detto che questo è stato un piccolo sollievo, ma l’avvertimento per l’Australia è stato chiaro.

Sappiamo da Israele che l’apertura è completa [the virus] Allontanarsi da te è un problema”.

Un gruppo di persone che indossano le cuffie fanno un percorso per un uomo che indossa una maschera facciale che porta a spasso un cane
Un uomo passa davanti a persone che partecipano a una discoteca silenziosa a Tel Aviv.(

Reuters: Amir Cohen

)

Il professor Bennett ha affermato che è probabile che l’Australia manterrà alcune misure di sicurezza della salute pubblica come test, tracciamento e isolamento, anche dopo aver raggiunto il suo obiettivo di vaccinazione dell’80%.

“Non possiamo arrivare all’80% e aspettarci che le cose cambino magicamente se il numero dei nostri casi è troppo alto”.

Quanto a quando sarà ripristinata la piena libertà, il professor Bennett ha indicato che potrebbe essere un processo lento.

“Se sopprimeremo la trasmissione del virus di due terzi in tutto il mondo, potremmo non vedere emergere un’altra variante così rapidamente come abbiamo visto il delta, il che significa che i vaccini mirati al delta funzioneranno per molto più tempo”, ha affermato.

“Ciò significa che lo ridurremo gradualmente a un livello in cui non vedremo nuove variabili… e la situazione ideale è che entro un anno possiamo trattare il COVID-19 come altre malattie come il morbillo”, ha affermato.

Scarica il modulo…

READ  La regina Elisabetta II apre il Parlamento britannico nella sua prima apparizione pubblica dalla morte del principe Filippo