Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Israele afferma di aver ritirato tutte le sue forze, tranne una brigata, dal sud della Striscia di Gaza

Israele afferma di aver ritirato tutte le sue forze, tranne una brigata, dal sud della Striscia di Gaza

Un portavoce dell'esercito israeliano ha detto domenica che l'esercito ha ritirato tutte le sue forze di terra dal sud della Striscia di Gaza, ad eccezione di una brigata.

La brigata israeliana è solitamente composta da poche migliaia di soldati.

Il portavoce non ha fornito alcuna motivazione per il ritiro dei soldati né il loro numero totale, ma l'esercito israeliano ha ridotto la sua presenza a Gaza dall'inizio dell'anno per alleviare i soldati di riserva e a causa della crescente pressione degli Stati Uniti per migliorare le condizioni umanitarie. situazione.

I residenti della città di Khan Yunis, nel sud di Gaza, che è stata sottoposta ai bombardamenti israeliani negli ultimi mesi, hanno affermato di aver visto le forze israeliane lasciare il centro della città e ritirarsi nelle aree orientali.

Non è chiaro se il ritiro ritarderà un’incursione a lungo minacciata nella città di Rafah, nel sud di Gaza, che i leader israeliani hanno ritenuto necessaria per eliminare Hamas.

Il piano di attacco a Rafah ha suscitato preoccupazione a livello internazionale, poiché più di un milione di palestinesi si sono rifugiati nell'area vicino al confine con l'Egitto.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito domenica che non ci sarà cessate il fuoco senza il rilascio degli ostaggi rimasti a Gaza.

READ  Quello che Henry Kissinger ha detto a Kevin Rudd prima di recarsi in Cina quest'anno

Le agenzie di soccorso internazionali affermano che una carestia diffusa è imminente a Gaza.(Foto dell'Associated Press: Fatima Shabir)

Il ritiro avviene nel momento in cui l'Egitto si prepara ad ospitare un nuovo ciclo di colloqui con l'obiettivo di raggiungere un accordo di cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi.

La decisione arriva anche nel contesto delle massicce proteste in Israele che chiedono le dimissioni del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Anche il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha affermato domenica che il sostegno della Gran Bretagna a Israele “non è incondizionato”, dopo che l'esercito israeliano ha ammesso di aver ucciso sette operatori umanitari, tra cui l'australiano Zumi Frankcom.

“Ci aspettiamo che questa democrazia orgogliosa e di successo aderisca al diritto internazionale umanitario anche quando messa in discussione”, ha scritto Cameron sul Sunday Times.

Questa settimana gli Stati Uniti hanno anche emesso il loro primo ultimatum, insistendo sul fatto che Israele deve proteggere gli operatori umanitari e ridurre le morti civili per assicurarsi il sostegno militare statunitense.

Il recente ritiro di Israele dai combattimenti intorno all'ospedale Shifa di Gaza ha scioccato l'Organizzazione Mondiale della Sanità.

scaricamento…

L’attacco israeliano a Gaza, iniziato dopo che Hamas attaccò Israele sei mesi fa, il 7 ottobre, si è concentrato negli ultimi mesi nell’enclave palestinese meridionale.

Secondo le statistiche israeliane, durante l’attacco del 7 ottobre sono stati presi più di 250 ostaggi e circa 1.200 persone sono state uccise, mentre secondo il Ministero della Sanità di Gaza sono stati uccisi più di 33.100 palestinesi.

Attacco Hezbollah in Libano

Israele ha lanciato attacchi aerei nel Libano orientale e ha bombardato i siti delle infrastrutture di Hezbollah domenica mattina dopo che il gruppo militante ha abbattuto un drone israeliano, mentre le due parti continuano a scambiarsi il fuoco in mezzo alle crescenti tensioni regionali.

READ  La polizia italiana ha arrestato tre persone per il disastro della funivia mentre la riparazione è stata rivelata come la causa