Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Interessanti rettili fossili forniscono indizi sull’origine di serpenti e lucertole

rettili;

Vent’anni dopo il suo ritrovamento in Argentina, i paleontologi hanno descritto in dettaglio un fossile di Lepidosaurus di 231,4 milioni di anni. Questo animale ha caratteristiche poste prima della scissione tra lucertole, serpenti e sfenodonti (un ramo di rettili che oggi comprende solo i curiosi tuatara). Il cranio fossilizzato è stato recentemente sottoposto a una TAC e a un team multidisciplinare di ricercatori pubblicato La loro analisi del campione è pubblicata questa settimana su Nature.

Animale Taitalura Alkoberi. A un occhio inesperto, assomiglia molto a una lucertola (un geco arrugginito, per chi scrive). Ma l’anatomia dell’animale è molto più antica, ed è ciò che il team di ricerca ha scoperto quando è stato in grado di esaminare in dettaglio il fossile. Nessuno del corpo dell’animale è stato conservato, ha detto la coautrice dello studio Gabriela Sobral, che ha supervisionato la TAC ad Harvard, ma il cranio – lungo circa un pollice e mezzo – è il fossile più completo dell’evoluzione del lepidosauro conosciuto fino ad oggi. comunicato stampa. Vedere il teschio in tre dimensioni ha fornito nuove intuizioni su come sono stati derivati ​​i teschi dei moderni serpenti, camaleonti, gechi, tuatara e altri.

“Quasi perfettamente conservato Taitalura Il teschio ci mostra i dettagli di come un gruppo di animali, tra cui “Quasi 11.000 specie hanno avuto origine tra cui serpenti, lucertole e tuatara”, ha detto Ricardo Martinez, autore principale dello studio e paleontologo presso l’Università Nazionale di San Juan in Argentina.

Taitalura Mostra alcune caratteristiche che pensavamo fossero esclusive del gruppo tuatara”, ha scritto Martínez in un’e-mail a Gizmodo. “Teschio Taitalura Mostra che i primi lepidosauri assomigliavano più al tuatara che allo squat, e quindi questo rappresenta una deviazione significativa dallo stile ancestrale. Gli squamati sono il gruppo di rettili composto da serpenti, lucertole e lucertole simili a vermi.

È stato scoperto in Argentina nel 2001 (Martínez ha detto “l’ho trovato in superficie e l’ho raccolto”), T. koberi Questo è ciò che chiamano i ricercatoriSpecie staminaliUn termine che si riferisce agli animali che si sono ramificati dall’albero evolutivo prima dei lignaggi che esistono ancora oggi, in altre parole, sono specie in evoluzione precedente che non hanno avuto discendenti sopravvissuti. T. koberi È un ramo evolutivo che si riferisce alla forma di vita prima dei lepidosauri diviso in due gruppi: squat e sfenodonti. comunque T. koberi Sono più piccoli di alcune lucertole – i più antichi fossili tozzi e sfenodonti risalgono rispettivamente a 242 milioni e 238 milioni di anni fa – la loro forma è ancora più antica. La storia del rettile risale al periodo Triassico Tirannosauro Rex oltre 150 milioni di anni fa.

Taitalura di osso.

T. koberi Aveva alcuni tratti che spiegavano a Tiago Simões, un biologo evoluzionista dell’Università di Harvard e coautore del documento di ricerca, che era distintivo. Mancava un’apertura del muso comune agli arcosauri, un lignaggio evolutivo che include coccodrilli e dinosauri. Il suo osso quadrato, che collegava il cranio alla mascella inferiore, aveva una forma particolare. Ma la TAC ha davvero portato le cose a casa: l’animale aveva ossa alternate sia per gli squat che per gli sfenodonti.

Tuatara, un rettile Endemico della Nuova Zelanda, era l’unico sphenodont vivente sulla Terra Per circa 60 milioni di anni. A causa della sua anatomia relativamente invariata nel corso dei secoli, il tuatara è spesso chiamato un “fossile vivente”. e T. koberi Questo poster conferma, poiché l’animale fossile è molto più simile a un tuatara che a un camaleonte, lucertole senza gambe e serpenti.

Simões ha applicato l’analisi bayesiana per posizionare il fossile nell’albero evolutivo. La modellazione significa che il team di ricerca può stimare quando si sono evoluti adattamenti specifici nei lepidosauri e quanto velocemente sono cambiati. Il metodo di Bayes confermato alla squadra T. koberi È il membro più primitivo della stirpe dei rettili da cui sono emerse tutte le lucertole e i serpenti.

“Nella scienza, non cerchiamo mai risposte o prove reali perché i principi di base della scienza vietano l’esistenza di risposte reali… In linea di principio, questi alberi non sono mai veri e cambiano frequentemente nel tempo. Ma se dopo analisi future e forse nuovi dati , il posizionamento Taitalura Simões ha detto in una email a Gizmodo:

Un albero evolutivo che mostra dove si trova la nuova specie.

Il fossile è un passo importante verso la comprensione dei rettili di oggi. In altre parole, quelli che non sono caduti con i dinosauri. Con l’eccezione dei coccodrilli, molti di questi animali erano sul lato più piccolo, dimorando all’ombra dei giganti per milioni di anni.

“Siamo così abituati ad accettare che l’era mesozoica fosse l’era dei rettili giganti, dei giganteschi proto-mammiferi e degli alberi giganteschi, e quindi di solito cerchiamo fossili che potrebbero essere visti ad altezza umana, semplicemente camminando. Tuttavia, la maggior parte di i componenti dell’antico ecosistema erano piccoli, come accade oggi.” Il coautore Sebastian Apisteguia, paleontologo dell’Università Maimonides di Buenos Aires, ha affermato in comunicato stampa.

È sempre bello vedere alcuni ramoscelli appena scoperti sull’albero della vita, ma probabilmente è ancora più bello vedere indizi su come sono apparsi interi rami. T. koberi È esattamente questo; Resti di dimensioni ridotte di una grande fessura tra i rettili.

Correzione: una frase in questo articolo si riferiva erroneamente al tuatara come a una “lucertola”. Mentre i tuatara sembrano certamente lucertole, sono sfenodonti. Mi scuso con entrambi i lettori e tuatara per questo errore.

ALTRO: Questo antico rettile sviluppò una strana testa simile a un uccello 100 milioni di anni prima degli uccelli

READ  Tempo permettendo, SpaceX proverà a lanciare oggi un prototipo dell'astronave