Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Impatto dell’invecchiamento e della diminuzione della popolazione italiana

Impatto dell’invecchiamento e della diminuzione della popolazione italiana

Gente, Peter Zeihan verrà da voi da Genova, Italia. Farò qualcosa di un po’ diverso. Oggi vi mostrerò il mondo attraverso i miei occhi. Giriamo la situazione, siamo nel cuore del quartiere degli affari, e voglio che tu veda che non sono gli edifici in primo piano, sono quelli sullo sfondo ad essere più residenziali, e lo noterai. Molti di loro non hanno molti voli. Qui cominciamo a ripercorrere la città vecchia, una situazione simile. Mentre veniamo qui, possiamo dare un’occhiata alla stazione ferroviaria Grand Central, se vuoi. Poi ci sono soprattutto zone residenziali in collina. Ma anche se sono le 22, quando tutti in Italia hanno finito di cena e sono tornati a casa, noterete che la maggior parte degli edifici sono illuminati per meno di 1/3, e alcuni di essi lo sono, beh, meno. Una gamba. Il problema è che per il resto della mia vita la popolazione reale si ridurrà sostanzialmente e io ho 50 anni. L’ultima volta che la popolazione della città è aumentata quest’anno risale al 1972. È molto comune per le città italiane. Purtroppo l’Italia sta attraversando un periodo di declino demografico. Ed è passato il punto di non ritorno. Il tasso di natalità è stato inferiore a due nascite per donna per più di tre quarti di secolo. Nei prossimi cinque anni è probabile che la crescita della popolazione si verifichi in molti paesi. Ma andranno in pensione di massa. Sono circa 10 giorni che sto viaggiando attraverso l’Italia. Sono stato in molte piccole città e, sai, sono piene di anziani, e non sono poi così tanti. Tutti hanno la stessa risposta di tutti i giovani tornati nelle città. Ma ora che sono in una grande città, vedo che non è così, e la gente qui non si annoia da molto tempo. Ora stiamo assistendo allo scioglimento della base imponibile necessaria per mantenere una dimora moderna e civile. Il gioco intelligente qui torna indietro nel tempo fino agli anni ’70 e trova un modo per rendere più facile per i giovani avere figli. Ma a questo punto, l’unica soluzione teorica è quella di introdurre livelli di immigrazione di tipo canadese, e un’ondata improvvisa, per stabilizzare la popolazione italiana nella sua struttura attuale, che è già primitiva e in rapida crescita. L’invecchiamento della popolazione e l’Europa dovrebbero attirare tra 1,5 e 2 milioni di persone di età inferiore ai 35 anni. Ogni anno, d’ora in poi, finirà l’Italia nella sua forma attuale. Alcune versioni di questo problema esistono in gran parte del mondo. All’Europa, ovviamente, sto pensando proprio adesso, perché è lì che mi trovo. I tedeschi solo pochi anni, non più di cinque anni rispetto agli italiani. E poi ci sono molti altri paesi un po’ più giovani ma molto veloci, che si tratti della Romania o della Spagna, la Polonia ha ancora una possibilità di ristrutturazione demografica. Ma solo se ci entrano adesso. I russi sono i peggiori, gli ucraini sono i peggiori e vengono dall’Asia orientale. Taiwan è dove si trova ora la Polonia. Mentre Giappone e Italia sono molto simili. E i coreani stanno dove sono i tedeschi. Quindi lo vediamo ancora e ancora in tutto il mondo. L’urbanizzazione accelerata degli ultimi 50-75 anni ha creato una struttura demografica che sta invecchiando così rapidamente che il ripristino non è più possibile. E molti stati avanzati, Italia, Germania, Corea, Giappone, offriranno un nuovo modello alle persone nei paesi che non hanno consumi di massa o investimenti di massa o la massima generazione simultanea di testi nel prossimo decennio. Mentre la loro popolazione va in pensione di massa, qualcosa deve cedere, che si tratti del consolidamento statale o del modello finanziario o economico. Ognuno deve capirlo da solo.

READ  Una bellissima retrospettiva di de Kooning a Venezia suggerisce che l'Italia fu centrale nella sua arte successiva