Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il valutatore dei vaccini del Regno Unito seleziona gli scioperi COVID per i bambini

I consulenti per i vaccini del Regno Unito si sono rifiutati di raccomandare la vaccinazione dei bambini più grandi sani contro il COVID-19, affermando che i benefici diretti per la salute sono “marginali”.

Tuttavia, il governo britannico ha affermato che potrebbe unirsi ad altri in tutto il mondo nella fornitura di vaccini dopo aver valutato questioni sociali più ampie.

Il Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI), nella sua analisi sull’opportunità di estendere l’introduzione dei vaccini contro il coronavirus ai bambini di età compresa tra 12 e 15 anni, ha concluso che i benefici sono “marginalmente maggiori dei potenziali danni noti”.

Con solo due per milione di bambini sani che necessitano di cure intensive per COVID-19, JCVI ha affermato che il suo “margine di beneficio, che si basa principalmente su una prospettiva sanitaria, è troppo piccolo per supportare la consulenza su un programma completo”.

Membri del pubblico in coda per una clinica dei vaccini in piazza
Quasi l’80% della popolazione adulta del Regno Unito è vaccinata contro il COVID-19.(

AP: Niall Carson/PA

)

Al contrario, il tasso tra i bambini con patologie pregresse è molto più alto, oltre il 100 per milione.

Di conseguenza, JCVI ha ampliato il pool di bambini più grandi con condizioni di salute pregresse che dovrebbero ricevere il vaccino. Tra questi ci sono quelli con malattie croniche del cuore, dei polmoni, dei reni, del fegato e delle malattie neurologiche.

Ciò significa che circa 200.000 bambini in più saranno invitati ai vaccini Pfizer o Moderna.

Sebbene la JCVI non sia riuscita a supportare un lancio globale per i bambini più grandi prima della riapertura delle scuole per il nuovo anno, il Regno Unito potrebbe finire per unirsi ad altri paesi come Francia, Germania, Australia e Stati Uniti nella fornitura di vaccini per quel gruppo.

La scorsa settimana, l’Australian Technical Advisory Group on Immunization (ATAGI) ha informato il governo federale che il vaccino Pfizer è sicuro ed efficace per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni.

I ministri della salute dei quattro paesi del Regno Unito – Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord – hanno affermato di aver chiesto ai rispettivi direttori medici di fare le proprie valutazioni alla luce dell’analisi JCVI.

“Il vaccino COVID-19 è già stato offerto alle persone di età compresa tra 12 e 15 anni che sono clinicamente esposte al virus e oggi espanderemo l’offerta per includere quelle con condizioni come l’anemia falciforme o il diabete di tipo 1 per proteggere le persone più a rischio. rischio”, ha detto il ministro della salute, il britannico Sajid Javid.

“Prenderemo quindi in considerazione il consiglio di alti funzionari medici, su consiglio di JCI, prima di prendere presto una decisione”, ha aggiunto.

I benefici “superano leggermente” i rischi della vaccinazione dei bambini

Uno dei rischi identificati è una condizione nota come miocardite, che comporta l’infiammazione del muscolo cardiaco.

La condizione può portare a brevi periodi di osservazione ospedaliera, solitamente seguiti da rapidi recuperi, ma il JCVI ha concluso che gli esiti a medio e lungo termine rimangono incerti ed è necessario più tempo di follow-up per ottenere un quadro più chiaro.

La gente cammina davanti a un cartello che dice
Il numero di casi di COVID-19 è di nuovo in aumento in Gran Bretagna.(

Reuters: Paul Childs

)

“Questa è stata una decisione molto equilibrata”, ha affermato Anthony Harnden, vicepresidente di JCVI.

Sebbene la JCVI abbia scelto di non applicarsi in modo completo ai bambini più grandi, ha sottolineato che non era suo compito valutare gli impatti sociali più ampi, come l’istruzione oi bambini che fungono da fonti di trasmissione.

Javid ha già chiesto al servizio sanitario nazionale di essere pronto a distribuire le vaccinazioni ai bambini più grandi, se raccomandato dai funzionari medici.

Il servizio sanitario nazionale si sta anche preparando a potenziali dosi di “richiamo” per gli anziani.

Si prevede che il JCVI deciderà presto se la terza dose deve essere somministrata a tutti gli adulti o solo a quelli di una certa età o con determinate condizioni di salute.

Il governo è invitato a prendere la decisione presto, forse prima che la Joint Commission International giunga alla sua conclusione, anche perché si avvicina l’inverno, un periodo dell’anno in cui il virus trova nuove gambe.

Sebbene quasi l’80% della popolazione adulta del Regno Unito sia stata completamente vaccinata, il paese ha registrato un picco nel numero di infezioni nell’ultimo mese dopo la revoca delle restrizioni di blocco.

La Gran Bretagna ha registrato altre 42.076 infezioni venerdì, il numero giornaliero più alto dal 21 luglio.

E sono aumentati anche i decessi legati al virus, con 121 decessi in più registrati venerdì, portando il totale dei decessi nel Regno Unito a 133.041, il tasso più alto in Europa.

Il tempo è essenziale, ha affermato Jeremy Hunt, l’ex ministro della salute che è stato sconfitto dal primo ministro Boris Johnson nel 2019 nella corsa per diventare il leader del partito conservatore.

“In caso di pandemia, penso che anche pochi giorni possano fare una grande differenza”, ha detto a BBC Radio.

“Quindi penso che dovremmo semplicemente continuare, non aspettare quel consiglio, continuare con il programma di rinforzo”.

Scarica il modulo…

AP / ABC

READ  Singapore inizia a vaccinare gli studenti per sedare le epidemie di COVID-19 mentre nuove varianti causano il caos altrove in Asia